I capi invernali devono essere caldi, comodi, accoglienti. E gli accessori, di conseguenza, necessariamente funzionali al movimento. Ma perché rinunciare allo stile? Ecco i nuovi trend del 2024 sull’abbigliamento da sci.

La stagione sciistica 2023-2024 è ormai cominciata. E sulle piste innevate si delineano già gusti e tendenze che, sull’abbigliamento da sci, promettono di stupire nei prossimi mesi. Tute avvolgenti per sciare comodamente, maglioni termici e pantaloni traspiranti coniugano infatti un gusto antico a uno più moderno. Sospeso tra la ricercatezza del vintage nello stile e l’utilizzo di materiali che privilegiano fibre naturali nei tessuti.

In questa guida troverete tutte le informazioni sulle nuove tendenze dell’abbigliamento da sci per il 2024. Per non rinunciare alla ricercatezza del vostro look sulle piste innevate più panoramiche d’Italia.

Abbigliamento da sci 2024: il grande ritorno degli anni ‘80

I trend parlano chiaro. L’abbigliamento da sci 2024 guarda al vintage, certo. Ma privilegia il gusto un po’ rock, eccessivo e sui generis tipico degli anni ’80. Un ritorno al passato che, tuttavia, mantiene alta la consapevolezza verso i temi della contemporaneità. Specie rispetto al ruolo cruciale che la sostenibilità ha assunto nella nostra società. In ogni campo. Moda compresa.

Dunque lo stile è quello degli anni più ruggenti e sfrenati del secolo scorso. Ma i tessuti sono in eco-pelliccia o in fibre naturali resistenti e di lunga durata. Molte case di moda hanno creato piumini– classici o smanicati- che appaiono più leggeri rispetto al passato.

Modelli disponibili nelle tonalità tipiche della stagione invernale come il bianco, il nero, il blue navy, il cacao o il verdone. Spopolano le tonalità di rosso: il burgundy, i toni del bordeaux e le sfumature rosso intenso e cupo. Tuttavia, non mancano modelli e accessori nelle tonalità vivaci del pesca “Peach Fuzz”. Che potrebbe rivelarsi- inaspettatamente- il colore del prossimo anno.

Una giornata sulla neve: consigli per un look imperdibile

Avete già programmato il vostro Natale da sogno sulle piste da sci? Ecco qualche consiglio utile per rendere unico il vostro stile.

Partiamo dai capispalla, che presentano trapuntature termosaldate e senza cinture, imbottite con una fibra sostenibile. Materiali che consentono la giusta protezione dal freddo ma anche libertà di movimento sulle piste innevate. Tra i pantaloni, sono un must quelli in stile cargo o militare.

Per la serata, occasione perfetta per rilassarsi e socializzare godendosi l’eccellenza della gastronomia tra le vette, la soluzione ideale è optare per un outfit casual-chic. Un maglione in cachemire oversize, jeans o pantaloni aderenti– secondo la tendenza del momento- e stivali da neve moon boots. Un abbigliamento da sci semplice e raffinato allo stesso tempo. Per gli accessori, non trascurate cappelli di lana, guanti termici e sciarpe per proteggervi dal freddo.

Abbigliamento da sci per gli amanti degli sport invernali: la regola dei tre strati

Chi ama le camminate in montagna e, più in generale, gli sport invernali deve pensare innanzitutto alla funzionalità. L’abbigliamento da sci ideale è un giubbotto trapuntato– con o senza cappuccio- in tessuto tecnico, pantaloni impermeabili e scarpe da trekking.

Tuttavia, per mantenersi al caldo durante la settimana bianca basta seguire poche, semplici linee guida. Che gli amanti della montagna la definiscono “la regola dei tre strati”. Scopriamo insieme di che cosa si tratta.

Regola numero uno: uno strato interno per allontanare l’umidità

Le attività fisiche all’aria aperta causano sudorazione, anche se la temperatura esterna è piuttosto rigida. Secondo la prima regola dell’abbigliamento da sci, per lo strato interno bisogna utilizzare materiali sintetici come poliestere e poliammide.

Resistenti all’acqua, permettono all’umidità del corpo di traspirare verso l’esterno. Evitando il contatto diretto con la pelle. In alternativa, potete pensare di utilizzare anche la lana merinos. Questo materiale assorbe l’umidità pur conservando le proprie capacità isolanti. Ma è meno adatto alle attività sportive più intense.

Seconda regola dell’abbigliamento da sci: uno strato intermedio per trattenere il calore

La seconda regola riguarda un outfit che abbia come obiettivo principale quello di trattenere il calore corporeo. Il materiale privilegiato è il più classico pile, utilizzato sia per le felpe che per i maglioni. Principalmente nelle tonalità del bianco o nelle sfumature e venature del rosso.

Giacche e piumini d’oca, più adatti a temperature rigide, contribuiscono invece a calibrare l’isolamento termico. Evitando la dispersione del calore, ma anche eccessive sudorazioni.

Regola numero tre: uno strato esterno chic e avvolgente per proteggersi dal freddo

A questo punto, sarete già pronti a immergervi sulle piste innevate, magari sfruttando i servizi skipass pensati appositamente per godervi la neve senza pensieri. Ragion per cui, sbizzarritevi pure con la regola numero tre dell’abbigliamento da sci.

Le giacche e i piumini traspiranti– come il Gore-Tex– sono una barriera efficace contro neve e vento. Ma potete sceglierli nel colore che più si adatta al vostro incarnato e ai nuovi trend del 2024. Senza dimenticare gli accessori: occhiali da neve, cappelli oversize- secondo la moda del momento- e sciarpe e guanti abbinati.