L’airbag da moto Airscud Flex di Tucano Urbano si presenta come la nuova frontiera della sicurezza su due ruote. Vediamo com’è fatto e come funziona.

Per gli amanti delle due ruote non è certamente un mistero l’esistenza degli airbag da moto. Nelle scorse settimane è stato presentato l’Airscud Flex di Tucano Urbano, una delle ultime innovazioni per la sicurezza dei motociclisti.

Cos’è e come funziona un airbag da moto

L’airbag da moto è un dispositivo di protezione individuale che si indossa come una giacca durante il viaggio e che, in caso di urto, attiva un cuscinetto gonfiabile che protegge il motociclista dalle conseguenze della caduta.

Normalmente l’airbag è di due tipi: ad attivazione meccanica o elettronica. Nel primo caso la detonazione avviene tramite la trazione di una corda che unisce il motociclo alla giacca del pilota. Nel secondo, la giacca è dotata di un dispositivo digitale in grado di “capire” l’urto ricevuto dal motociclista.

Le caratteristiche del sistema Airscud Flex

Presentato al salone dell’EICMA 2023 a Milano circa a metà novembre, il gilet airbag elettronico Flex di Tucano Urbano è l’ultima evoluzione della linea Airscud, in commercio dal 2021. Anche questo particolare modello si basa sulla tecnologia sviluppata da In&Motion, uno dei player di riferimento del panorama internazionale nella produzione di airbag con intelligenza artificiale.

Il sistema di In&Motion per Airscud Flex utilizza una centralina con 7 sensori in totale, di cui 3 misuratori di accelerazione, 1 sistema GPS e 3 giroscopi. La centralina interagisce con un algoritmo in grado di riconoscere una situazione in cui è necessario attivare la detonazione per il gonfiaggio del cuscinetto. Con un tempo di reazione stimato intorno ai 60 millesimi di secondo, si attiva quindi un cuscino che ripara collo, colonna vertebrale, torace e addome del pilota.

Airscud Flex sarà disponibile sul mercato dalla primavera del prossimo anno, con un prezzo che si aggira intorno ai 300 euro. Si può indossare sia sopra che sotto l’outfit ed è realizzato con due tessuti: poliestere “tradizionale” per favorire la ventilazione su torace e schiena e poliestere mechanical stretch per assicurare il giusto comfort su fianchi e spalle.

L’airbag In&Motion si utilizza senza cavi o sensori e ha un’autonomia di circa 30 ore e si aggiorna regolarmente per migliorare le sue performance di rilevamento. Si può anche riutilizzare: occorrono 5 minuti per sostituire il generatore di gas in autonomia.

La sicurezza a portata di touch

Per usufruire dei servizi di In&Motion occorre un abbonamento, che permetterà di scaricare tutti gli aggiornamenti collegandosi con il proprio smartphone o con la rete domestica wi-fi.

Il sistema protegge anche diversi piloti della MotoGP e della Parigi-Dakar. Si può scegliere un algoritmo specifico a seconda dell’utilizzo che si fa del proprio veicolo:

  • Street Mode, per l’utilizzo quotidiano (particolarmente utile dal momento che la maggior parte degli incidenti su motocicli avviene in aree urbane ed extra urbane a velocità spesso al di sotto 50km/h);
  • Adventure Mode, per le gite off-road;
  • Track Mode, per cimentarsi in pista.

L’appuntamento è dunque verso il prossimo marzo, per vestire l’innovazione. Ma il 2024 porterà con sé altre novità per il mondo delle sue ruote, con la valutazione da parte del Parlamento europeo dell’innalzamento dell’età minima per la patente motociclistica. Nel frattempo, per viaggiare in moto in sicurezza è bene sottoscrivere una buona polizza assicurativa e accertarsi di aver eseguito la revisione della moto per il 2023.