Puoi finalmente dire addio a parchimetro e monetine: con le app per parcheggio paghi la sosta in pochi tap e senza rischiare la multa. Per dimostrare il pagamento devi semplicemente scaricare il tagliando e posizionarlo sul cruscotto della tua auto.

Perché installare sullo smartphone un’app per pagare il parcheggio?

Ci sono applicazioni che riempiono inutilmente la memoria del nostro cellulare e altre, come le app per pagare il parcheggio, che oltre ad essere utili sono indispensabili. Praticamente, i “mai più senza” delle applicazioni mobili.

Diciamoci la verità, cercare parcheggio in città è una delle attività più stressanti per qualsiasi automobilista, ma riuscire a trovare le famigerate colonnine per pagare il ticket per la sosta non è certo da meno. Chissà quante volte ti è capitato di fare giri a vuoto per trovare posteggio e poi renderti conto che la vera sfida inizia quando scendi dall’auto: infatti, confidare nella buona sorte per riuscire a trovare parcheggio non basta. Devi anche incrociare le dita e sperare di non percorrere chilometri e chilometri a piedi prima di incrociare la colonnina del parchimetro che ti permette di pagare la sosta per le aree delimitate dalle strisce blu.

E quando finalmente hai trovato ciò che stai cercando, ecco l’amara sorpresa: non hai la possibilità di pagare con carta e devi cercare in ogni angolo delle tasche, del portafogli e della borsa, le monete sufficienti per acquistare il tagliando da esporre sul cruscotto dell’auto. Se poi non hai spiccioli a disposizione, l’unica cosa che ti resta da fare è cercare il bar più vicino per cambiare le banconote. A tutto questo, spesso, si aggiunge anche un’ulteriore necessità: se il nostro impegno si prolunga oltre il previsto dobbiamo tornare al parcometro per estendere la sosta già pagata.

Tutta questa fatica alimenta quello che gli inglesi chiamano Traffic Stress Syndrome (TSS), una forma di ansia psicologica che colpisce uomini e donne, provocando un aumento della frequenza cardiaca, mal di testa, nausea, vertigini e crampi allo stomaco a cui si aggiungono ansia, irritazione, palmi delle mani sudati, perdita della concentrazione e aumento dei livelli di rabbia.

Come risolvere il problema? È semplice: basta utilizzare un’app pagamento parcheggio che ti permette di vivere la città in modo più smart, aiutandoti a risparmiare tempo e denaro.

Per non rischiare multe, scarica gratuitamente il tagliando che ogni app mette a disposizione e posizionalo, in modo ben visibile, sul cruscotto oppure nell’apposito taschino dell’assicurazione auto così vigili e ausiliari del traffico sapranno quale servizio stai utilizzando.

Pagare il parcheggio con app: 5 applicazioni a confronto

Vuoi utilizzare un’app per pagare il parcheggio, ma non sai quale scegliere? Fai attenzione perché se all’apparenza possono sembrarti tutte uguali, in realtà alcune non sono gratis.

Vediamo insieme quali sono le principali applicazioni, disponibili per Android e iOS, che ti consentono di pagare il parcheggio auto da cellulare con un solo click:

1. EasyPark

L’app per la sosta, che si pone l’obiettivo di migliorare l’esperienza urbana attraverso l’impiego della tecnologia, offe due soluzioni per clienti privati:

    • EasyPark Small, prevede una tariffa di servizio applicata alla singola sosta variabile tra 0 € a 1,90 €. Per le soste effettuate a Bologna viene applicata una commissione pari al 15% del costo della sosta (IVA inclusa), mentre per le soste effettuate all’interno dei parcheggi in struttura, attraverso il servizio “CameraPark”, viene applicata una commissione pari al 15% del costo della sosta (IVA inclusa) con un costo massimo di 1,90€ a transazione. I servizi aggiuntivi di EasyPark Small hanno un costo: 0,10 €/sms promemoria; 0,20 €/invio automatico ricevuta;
    • EasyPark Large: ha un costo di 2,99 € al mese, non prevede commissioni e i servizi extra sono inclusi

2. myCicero

È l’applicazione per smartphone, dotata di un’interfaccia dal design moderno e intuitivo, pensata per semplificare gli spostamenti in città. Il servizio è gratuito, tranne in alcune città in cui i gestori del parcheggio hanno imposto dei costi a carico dell’utente, come segnalato in app prima di attivare la sosta. Inoltre, se vuoi ricevere mensilmente la fattura per i tuoi acquisti, pagare la sosta oraria direttamente con carta di credito, senza l’utilizzo del borsellino, e ricaricare con Mooney, puoi attivare queste opzioni a pagamento.

3. ParkAppy

Con ParkAppy non è necessario alcun titolo di pagamento: vigili ed ausiliari controllano in tempo reale, tramite la targa, la regolarità della sosta che viene registrata sui sistemi informativi del Gestore della sosta. È possibile pagare con carta di credito, controllare in ogni momento quanti minuti di sosta rimangono ed estenderla in pochi secondi. ParkAppy non richiede registrazione né ricariche iniziali per l’utilizzo, ma funziona esclusivamente nelle città di Bologna, Napoli, Lecce, Roma e Torino.

4. Tap&Park

Disponibile per iPhone, Android e Windows Phone, l’applicazione consente di pagare la sosta, in tutta sicurezza, sulle strisce blu direttamente dallo smartphone e senza costi aggiuntivi. Tap&Park, proprio come ParkAppy, è disponibile solo in alcuni comuni: Carrara, Crema, Firenze, Forlì, Lazise, Livorno, Lucca, Mantova, Napoli, Parma, Pisa, Rho, Sarzana, Treviglio e Verona. Inoltre, se possiedi il Mobility Pass del comune puoi utilizzare l’applicazione anche per pagare il parcheggio.

5. Telepass

Con Telepass puoi parcheggiare in città gestendo la sosta in modo facile, veloce e intuitivo direttamente in App Telepass o Telepass Pay X, senza parchimetro e senza monetine. E se cambi programma, puoi modificare la durata del parcheggio e pagare solo i minuti effettivi di posteggio.
Il servizio è disponibile per i pacchetti Plus, Easy e Telepass Pay X e in tutti e tre i casi non sono previsti sovraprezzi al costo del parcheggio.

Come funziona il servizio Strisce Blu? È davvero molto semplice:

  • Dall’App seleziona il servizio Strisce Blu;
  • Geolocalizzati per rilevare la tua posizione, in alternativa puoi o selezionare la zona (rilevando il codice area dalla segnaletica verticale) o inserire l’indirizzo manualmente;
  • Scegli o inserisci la targa in sosta;
  • Imposta la durata della tua sosta;
  • 10 minuti prima della scadenza della sosta un alert ti consentirà o di prolungare o di terminare la sosta pagando l’effettivo utilizzo;
  • L’importo della sosta ti verrà addebitato direttamente sul tuo conto di pagamento.

Puoi consultare qui le città dove è attivo il servizio Strisce Blu.

Il costo e gli orari della sosta sono definiti dal Comune di appartenenza e le relative informazioni sono riportate sulla segnaletica verticale presente nella zona a strisce blu, tuttavia l’App ti consente sempre di visualizzare l’anteprima del costo del parcheggio prima di avviare la sosta.

Inoltre, scaricando l’App Telepass puoi accedere a un mondo di servizi esclusivi: scopri come funziona Telepass e perché sceglierlo ti conviene.

Vuoi parcheggiare in città e pagare solo i minuti effettivi di sosta? Scopri il servizio Strisce Blu di Telepass, paga direttamente in App Telepass o Telepass Pay X e dimentica parchimetro e monetine.