Guardiamo alla tecnologia come il primo antidoto alla crisi climatica. Ma la rivoluzione digitale è davvero sostenibile?