Cresce l’attesa per la batteria powertrain che dovrebbe rivoluzionare il settore delle auto elettriche. Ecco di cosa si tratta e quando verrà commercializzata.

Uno degli elementi di scetticismo più ricorrenti intorno alle auto elettriche riguarda la loro autonomia. Spesso i consumatori privilegiano soluzioni ibride perché la batteria di quelle elettriche non garantisce una durata consona. Ma anche per via del fatto che in Italia le colonnine di ricarica non sono ancora così diffuse come in altri Paesi europei.

C’è però una buona notizia che potrebbe convincere anche i più dubbiosi: nei prossimi mesi dovrebbe essere lanciata in commercio una nuova batteria “miracolosa”. Ecco cosa sappiamo.

Auto elettriche, la batteria di Nio promette un’autonomia mai vista prima

L’industria delle auto elettriche progredisce a grande velocità. Basti pensare a tecnologie come le batterie cell-to-body o alla blade battery BYD. Il prossimo grande sviluppo riguarderà l’introduzione di una “batteria rivoluzionaria”. Si tratta di un tipo di “powertrain” che promette tempi di ricarica estremamente brevi e un’autonomia eccezionale. L’obiettivo è quello di convincere anche i più scettici sull’affidabilità delle auto elettriche che la monteranno.

Diverse aziende stanno sviluppando questa tecnologia ma Nio, una compagnia cinese, è in testa nella corsa alla commercializzazione. L’azienda ha in passato già sviluppato la prima batteria a stato solido di serie, capace di 150 kWh e di garantire fino a 1.000 km di autonomia.

Ma quanto manca alla realizzazione di questa nuova batteria che potrebbe rivoluzionare il settore? È imminente, dato che sarà disponibile sul modello ET7 già dalla metà di quest’anno, quindi entro un paio di mesi. Questa tecnologia avanzata ha un costo significativo: un pacco batteria a stato solido viene stimato intorno ai 40.000 euro, rendendo l’ET7 un prodotto non propriamente economico, anche se rappresenta un passo fondamentale verso una rivoluzione nel settore.

Sulle tecnologie delle batterie si gioca il futuro del settore

Altri produttori automobilistici, come BMW, sono anch’essi impegnati nello sviluppo di batterie innovative. La casa tedesca, che ha recentemente raggiunto il traguardo di un milione di auto elettriche vendute, inizierà a installare dal 2025 le nuove batterie EVE cinesi nei modelli della linea Neue Klasse. Queste batterie sono il 20% più pesanti rispetto alle ultime di Tesla, ma offrono il 50% in più di densità energetica, migliorando l’autonomia del 40%, avvicinandosi così alle prestazioni dei motori termici.

Nel frattempo, anche altri grandi nomi come Hyundai, Mercedes, VW e Toyota stanno sviluppando batterie completamente rinnovate, preparandosi a trasformare il mercato delle auto elettriche nei prossimi anni.