Il futuro sta arrivando per chi ha sempre sognato di volare sopra al traffico cittadino. La realtà delle auto volanti negli ultimi anni si sta avvicinando a grandi passi, e se le previsioni saranno rispettate, in Italia il primo decollo potrebbe avvenire entro il 2025.

Sono oltre 200 i prototipi sperimentali realizzati ad oggi solamente in Italia. eVTOL è il nome di questi futuristici mini velivoli a decollo e atterraggio verticale. La loro progettazione negli ultimi 4 anni ha visto un giro di investimenti di 6 miliardi di dollari. E siamo solo all’inizio.

Le auto volanti in Italia

Il primo sguardo di interesse dei produttori di auto volanti in Italia si è rivolto verso gli aerotaxi. Il primo volo di prova è già decollato per la prima volta dall’aeroporto di Roma di Leonardo Da Vinci. Ma nel giro di un paio di anni il servizio potrebbe essere già attivo per collegare Milano e Cortina, in occasione delle Olimpiadi invernali del 2026.

Un progetto avveniristico che sta diventando realtà a tutti gli effetti, e che vedrà la tecnologia applicata ai trasporti, per un abbattimento dell’inquinamento e del caos cittadino, alla stessa maniera dei treni supersonici del futuro con la tecnologia hyperloop.

Ma come funzionano le eVTOL

Esempi di auto volanti sono gli eVTOL di Volocopter, start up tedesca specializzata in questo genere di mezzo. Veloci e a emissioni zero, sono in grado di trasportare due persone e fino a 250 kg di merci e bagagli, con un’autonomia di 100 chilometri. Rappresentano il primo esempio di urban air mobility in Italia. Ma la notizia strabiliante è che saranno già operativi il prossimo anno in vista del Giubileo 2024.

Il progetto inoltre sta prendendo piede anche in altre città italiane. E oltre a Fiumicino nasceranno vertiporti in altri aeroporti di grandi città come Bologna e Torino in vista delle Olimpiadi invernali del 2026. Lo scalo romano prevede un’aera di 5,5 chilometri quadrati, dove sono presenti un’area di atterraggio e decollo, un parcheggio, un hangar coperto e un’area dedicata alla ricarica delle batterie.

Gli allestimenti futuristici delle auto volanti

Mentre si attende l’approvazione definitiva delle agenzie federali degli Stati Uniti e d’Europa, FAA ed EASA, è già possibile sbirciare i design di alcuni progetti, che catapultano il nostro pensiero verso un sogno in fase di realizzazione.

I futuri aerotaxi potranno trasportare ben quattro passeggeri più il pilota. Saranno realizzate cabine con enormi display sul soffitto, per impostare l’atmosfera interna con giochi cromatici di vario genere. Tutto è stato studiato nei minimi particolari per garantire un viaggio rilassante e ricco di effetti sonori e olfattivi.

Ma quali sono i costi per viaggiare su un aerotaxi

Secondo le prime stime, un tragitto da Malpensa a Milano dovrebbe aggirarsi sui 150 euro. Ma l’idea è quella di abbattere i costi nel giro di pochi anni, aumentando la produzione dei veicoli e il numero di voli effettuati.

I taxi volanti permetteranno di abbattere i tempi di percorrenza, con l’arrivo a destinazione in pochi minuti, e saranno un ulteriore mezzo green a disposizione dei viaggiatori, insieme alle auto elettriche, la cui diffusione aumenterà anche grazie a un maggior numero di colonnine di ricarica elettrica su tutto il territorio nazionale.