Alla scoperta di Palazzo San Pantalon a Venezia e il suo celebre murale di Banksy, al centro di un progetto di restauro che promette rinnovamento culturale nella città lagunare.

Manca pochissimo agli inizi dei lavori per il restauro del seicentesco Palazzo San Pantalon e del murale “Migrant Child” di Banksy, a Venezia. Questo intervento di riqualificazione- che potrebbe partire già nei prossimi giorni- non solo preserva un capolavoro di street art, ma conferisce a questo antico palazzo un’identità nuova, in grado di stimolare emozioni e riflessioni in un dialogo creativo tra arte e natura. In un’epoca tristemente segnata dalle migrazioni climatiche, questo bimbo che affiora a pelo d’acqua stringendo tra le mani una torcia è un monito. E, al tempo stesso, un faro che fa risplendere ancor di più la bellezza senza tempo di Venezia.

Il Palazzo San Pantalon e il murale di Banksy

Il Palazzo San Pantalon, situato nel Sestiere di Santa Croce a Venezia, è un esempio significativo dell’arte veneta del XVII secolo, con una superficie di ben 400 metri quadrati disposti su due piani. Ha attirato l’attenzione internazionale per il murale di Banksy- intitolato Migrant Child with a Flare, il “Il bambino migrante con torcia”– creato poco prima dell’apertura della Biennale di Venezia del 2019. L’opera, che rappresenta un bambino con un giubbotto di salvataggio e una torcia, è una delle due riconosciute da Banksy in Italia. L’altra è “La Madonna con la pistola” a Napoli.

Collocata sulla facciata di Palazzo San Pantalon, questa potente immagine emerge a pelo d’acqua. Proprio per questo, ha subito un rapido deterioramento a causa dell’umidità, dell’acqua alta e della salsedine. Tuttavia, dato il suo valore- e nonostante le complesse questioni legali legate al restauro delle opere degli artisti viventi- il murale verrà risanato nelle prossime settimane.

Chi è Banksy

Banksy, l’enigmatico artista di strada britannico, rimane anonimo. Tuttavia le sue opere trasmettono messaggi potenti di critica politica, sociale e culturale. La sua arte, spesso intrisa di umorismo e satira, emerge inaspettatamente nelle città di tutto il mondo, suscitando dibattiti e riflessioni. Migrant Child with a Flare del Palazzo Pantalon usa il linguaggio visivo per colpire la coscienza collettiva e stimolare una riflessione globale sulle migrazioni​​.

Il progetto di restauro ha sollevato interrogativi etici e legali, in quanto l’opera originale era stata realizzata senza permessi, su una proprietà privata, nonché sulla facciata di un edificio storico vincolato. Tuttavia, la decisione di procedere con il restauro evidenzia un riconoscimento dell’importanza culturale dell’arte di Banksy e del suo impatto sul dialogo sociale e politico contemporaneo​​.

Il restauro di “Migrant Child” e Palazzo San Pantalon

Del restauro del murale “Migrant Child” se ne occuperà la Banca Ifis, che ha acquistato il palazzo lo scorso ottobre. I lavori potrebbero iniziare già nei prossimi giorni e, da cronoprogramma, dovrebbero terminare entro il 2025.

Nel 2019 la società San Pantalon srl, vecchia proprietaria dell’immobile, aveva chiesto di poter realizzare una teca in plexiglass per proteggere l’opera dell’artista britannico. La richiesta, però, era stata rifiutata dalla Soprintendenza di Venezia. Dopo l’intervento di Banca Ifis, la Soprintendenza ha dato il proprio benestare alla riqualificazione dell’intero Palazzo San Pantalon. L’edificio non sarà soltanto la sede veneziana dell’istituto bancario, ma un vero e proprio spazio espositivo dedicato agli artisti emergenti.

Il restauro dell’opera di Banksy, invece, sarà oggetto di valutazione. Al vaglio c’è l’ipotesi di mantenere il murale nella sua posizione originaria, proteggendolo con una teca in vetro.

Cosa vedere a Venezia in un giorno

Venezia, Patrimonio “UNESCO”, è un labirinto di canali, stretti vicoli e piazze ricche di fascino. Ogni angolo di questa città racchiude storie, tradizioni e arte. A partire da quest’anno la città ha introdotto il ticket d’ingresso per disciplinare i flussi turistici. A Venezia è possibile acquistare il “City Pass“, che comprende l’ingresso ai musei più importanti in abbinamento al servizio di trasporto pubblico, pagabile in modalità contacless. Tramite, cioè, carte bancarie e dispositivi mobili.

Scopriamo ora cosa vedere a Venezia in un giorno:

  • Piazza San Marco: è il cuore pulsante di Venezia. Circondata da opere architettoniche maestose tra cui spiccano la Basilica di San Marco, famosa per i suoi splendidi mosaici dorati, e il Palazzo Ducale, che racconta la potenza e la ricchezza della Repubblica di Venezia. Salire sul Campanile di San Marco regala una vista mozzafiato sulla città;
  • Il Ponte di Rialto: è uno dei quattro ponti che attraversano il Canal Grande, nonché il più antico e famoso. Originariamente costruito in legno, il ponte attuale in pietra risale al 1591. È un punto di osservazione privilegiato per il Canal Grande e ospita numerose botteghe;
  • Le isole di Murano e Burano: Murano è conosciuta a livello mondiale per l’arte della lavorazione del vetro. Visitare una fornace permette di scoprire l’antica tecnica della soffiatura del vetro. Burano, tra i borghi più colorati d’Italia, con le sue case dipinte di tonalità vivaci è un’esplosione di allegria. Famosa per il merletto, l’isola offre anche spunti fotografici incredibili grazie ai suoi colori che si riflettono sull’acqua dei canali;
  • Il Ghetto ebraico: è il più antico d’Europa ed è ricco di storia e cultura. Le sinagoghe storiche sono visitabili;
  • Il Ponte dei Sospiri: è decisamente uno dei monumenti più celebri e fotografati di Venezia. Collega il Palazzo Ducale alle Prigioni Nuove. Famoso per i sospiri dei prigionieri che anticamente lo attraversavano, oggi è tra le mete più romantiche al mondo;
  • Il Canal Grande: un giro in vaporetto lungo il Canal Grande offre una vista unica sui palazzi storici veneziani;
  • Il Teatro La Fenice: è uno dei teatri più famosi al mondo, che l’anno scorso ha compiuto ben 231 anni! Il Teatro La Felice offre la possibilità di assistere a spettacoli o fare tour guidati.

 Come raggiungere Venezia

Ecco le soluzioni più semplici per raggiungere Venezia e visitare il murale di Banksy al Palazzo San Pantalon: