Nel fine settimana del 25 e del 26 maggio ci sarà il Birmingham Pride, uno dei festival LGBTQ+ più importanti del Regno Unito: per due giorni le strade del Gay Village di Birmingham pullulano di sfilate, musica dal vivo, cabaret, bancarelle e street food.

Soprannominata “Brum”, Birmingham è la seconda città del Regno Unito dopo Londra ed è gemellata con Milano dal 1974: è un’accogliente metropoli che ha avuto un ruolo chiave durante la Rivoluzione Industriale e che oggi si è trasformata in un vivace e cosmopolita centro culturale e commerciale.

Qui la scena LGBTQ+ è molto fiorente e si concentra in particolare nel quartiere centrale del Gay Village lungo Hurst Street, vicino alla Chinatown della città, che rappresenta uno “spazio sicuro” in cui le persone della comunità possono essere sé stesse senza paura né pregiudizi.

Cosa rappresenta il Birmingham Pride

È proprio il Gay Village il centro nevralgico in cui ogni anno, durante il weekend del Bank Holiday, si tiene il Birmingham Pride che celebra i risultati delle tante attività della comunità del quartiere.

Giunto alla sua 27ª edizione il festival è presto diventato uno dei più importanti eventi LGBTQ+ del Regno Unito, con un’affluenza di oltre 75.000 persone per la parata tra le strade della città.

La parata e il programma del Pride di Birmingham

Durante il weekend tutto il quartiere del Pride Village sarà il teatro dello Street Festival, in particolare su Hurst Street, Bromsgrove Street, Kent Street e Lower Essex Street, tra bar e locali sempre aperti, bancarelle dei mercatini comunitari e street food.

Il festival vero e proprio sarà anticipato dal Big Free Community Event la sera del 24 maggio, un evento gratuito che si svolgerà sul palco principale dello Smithfield Live: in un’atmosfera raccolta e intima ci saranno alcuni dei più importanti talenti locali della comunità, tra cori, relatori, drag performer e una veglia a lume di candela.

Il fulcro del weekend è rappresentato dalla parata del 25 maggio, la cui partecipazione è gratuita per tutti: decine di migliaia di persone marciano, a piedi o sui carri decorati, lungo le strade di Birmingham per celebrare la propria identità e per chiedere giustizia e uguaglianza. L’evento è in programma dalle 11:00 a Centenary Square, nel centro di Birmingham, e la sfilata inizierà a farsi strada attraverso la città a partire dalle 12:00 in direzione del Village, dove le persone si sposteranno verso le principali attività del festival.

Gli spettacoli dal vivo sul palco dello Smithfield Live saranno suddivisi in tre aree: il Main Stage, la Dance Arena e il Cabaret Stage.
Tra gli artisti che si esibiranno il 25 e il 26 maggio segnaliamo Loreen, Sophie Ellis-Bextor e Artful Dodger: per la line-up completa rimandiamo al sito ufficiale.

Il costo dei biglietti

Dal 2015 gli eventi e l’ingresso al Gay Village sono a pagamento nei giorni del festival per finanziare l’iniziativa stessa e per sostenere le comunità locali, sia a Birmingham che nel West Midlands. Negli anni, la Birmingham Pride Community Foundation ha assegnato oltre 335.000 sterline a gruppi della comunità LGBTQ+, organizzazioni di sostegno, arte e cultura, gruppi sportivi, enti di beneficenza e altri ancora per aiutare a sovvenzionare i finanziamenti a servizi comunitari, eventi e attività.

Il costo dell’ingresso allo Street Party è di 13,75£, mentre l’ingresso a tutti gli eventi ha un costo di 61,05£ per ogni giornata. I biglietti possono essere acquistati sul sito del festival.

10 cose da fare a Birmingham

Birmingham, che fino al secolo scorso era dominata da grigi grattacieli di cemento, ha subito una straordinaria trasformazione negli ultimi anni. Grazie a una serie di interventi di riqualificazione urbana, anche in ottica di sostenibilità, la città ha saputo reinventarsi trasformando il suo glorioso passato industriale in uno stile moderno e all’avanguardia.

Il centro cittadino è un esempio lampante di architettura contemporanea, come il Grand Central con la sua iconica facciata a specchi, e il futuristico Bullring, con la facciata ricoperta da sfere.

Il cuore della città: Victoria Square

L’architettura vittoriana di Victoria Square è il punto di partenza perfetto per visitare la città, a cominciare dalla Town Hall e della Birmingham Council House, il municipio. È qui che si trova il Birmingham Museum and Art Gallery, aperto gratuitamente al pubblico.
La Birmingham Council House, in stile barocco, domina la piazza con la cupola e la torre dell’orologio, che scandisce il ritmo della vita cittadina. Ogni anno, per Natale, Victoria Square si trasforma in un magico villaggio natalizio ispirato al tradizionale mercatino di Francoforte.

Alla scoperta del quartiere dei gioiellieri

Il 40% dei gioielli del Regno Unito proviene proprio da Birmingham: il Jewellery Quarter è un quartiere storico e vivace, con alle spalle una storia di oltre 250 anni. Sin dal 1800 questo luogo è stato il fulcro della creazione di preziosi manufatti e sede di alcuni dei gioiellieri e orafi più qualificati e talentuosi del mondo.

Una curiosità: in questo quartiere si trova anche un piccolo museo molto particolare. Si tratta del The Coffin Works, una storica manifattura di bare, che ha prodotto tra le altre cose gli accessori per i funerali di Sir Winston Churchill, di Joseph Chamberlain e della Regina Madre.
La maggior parte degli arredi d’epoca sono rimasti intatti e oggi lo spazio museale ospita eventi, spettacoli e fiere di artigianato.

A Birmingham ci sono più canali che a Venezia!

Tra il 1760 e il 1820 la città si munì di un’ampia rete di canali per trasportare più agilmente merci e materie prime: il risultato è che oggi Birmingham ha un’estensione di canali maggiore di quelli di Venezia (e anche della “Venezia del Nord”, Bruges). Vale dunque la pena fare un giro della città in barca alla scoperta degli scorci più belli, tra monumenti storici ed edifici moderni.
In particolare l’area di Brindley Place è una delle più suggestive, soprattutto di sera, con le luci dei bar, dei ristoranti e delle varie attrazioni che si riflettono nelle acque.
Non in ultimo, proprio questi canali sono stati di ispirazione per alcune delle scene della serie Peaky Blinders, che è ambientata a Birmingham tra il 1919 e il 1934: questa è una notizia che interesserà tutti gli appassionati che viaggiano tra i luoghi del cinema, come le location di Star Wars, o di Mad Max: Fury Road o ancora di Game of Thrones.

Nel mondo di JRR Tolkien

Anche gli appassionati del grande scrittore inglese hanno un luogo speciale da visitare: è il Sarehole Mill, che fa parte del circuito museale di Birmingham.
Sarehole Mill, una delle tappe del Tolkien Trail, è un mulino ad acqua del XVI secolo che è stato un’ispirazione fondamentale per le storie dell’autore, in particolare “Il Signore degli Anelli” e “Lo Hobbit“. Sarehole è stata la casa d’infanzia di Tolkien e il mulino era uno dei suoi posti preferiti in cui giocare: gli abitanti del villaggio hanno ispirato gli hobbit e l’area si è trasformata nella Terra di Mezzo.

Relax nel verde di Winterbourne House

Riportata al suo splendore edoardiano, Winterbourne House è un’attrazione storica unica situata all’interno di sette acri di splendidi giardini botanici.
A pochi minuti dal centro di Birmingham, Winterbourne è un tesoro nascosto sede di splendidi oggetti d’antiquariato e oltre 6.000 specie di piante provenienti da tutto il mondo. Qui puoi passeggiare tra i viali alberati, nel tunnel dei noccioli, attraverso il ponte giapponese degli anni ’30 per goderti la tranquillità di questo palazzo storico molto british.

Una visita alla Cattedrale di San Filippo

Situata nell’elegante cornice di Colmore Row, la Cattedrale di Birmingham, costruita nel 1715, è la chiesa principale della diocesi anglicana di Birmingham e l’edificio più antico della città tra quelli ancora utilizzati per il loro scopo originale. Oltre che sugli splendidi elementi barocchi dell’architettura, l’attenzione si posa sulle quattro vetrate, tra le più belle al mondo: sono state infatti progettate dagli artisti preraffaelliti Edward Burne-Jones e da William Morris. Perfettamente restaurate nel 2023, sono uno dei tesori più preziosi della città.

L’incredibile biblioteca di Birmingham, la più grande d’Europa

Inaugurata nel 2013, la Birmingham Library è uno stupendo esempio di architettura contemporanea. Alta ben nove piani con una superficie totale di 31.000 metri quadrati, è la biblioteca pubblica più grande d’Europa.
Oltre a contenere più di due milioni di libri, è anche un centro culturale molto attivo, che offre un ricco calendario di eventi tra cui mostre, conferenze, concerti e laboratori per bambini. La sua struttura avveniristica, la facciata che omaggia la tradizione orafa della città, i giardini pensili e gli spazi luminosi la rendono un luogo piacevole da frequentare, sia per studiare che per trascorrere il tempo libero.
Al suo interno c’è la Shakespeare Memorial Room dedicata al celebre drammaturgo inglese, che contiene una ricca collezione di manoscritti, edizioni rare e cimeli appartenuti al Bardo.

Una partita di Premier League allo stadio

A fare da teatro ai prossimi Europei del 2028 ci sarà anche Birmingham, una città che ama tantissimo il calcio e che vanta due dei più antichi club inglesi, l’Aston Villa e il Birmingham City F.C. Lo stadio di casa della prima squadra è il Villa Park, quello della seconda è il St. Andrew: se ne hai l’occasione, assistere a un match di una delle due squadre è un’esperienza travolgente.

Vita notturna a Digbeth

Il quartiere più alla moda di Birmingham è Digbeth ed è qui che si trovano i personaggi più eccentrici. A pochi passi dal Bullring, questa zona post-industriale si anima con il buio quando, tra street food e street art, i vecchi magazzini restaurati danno vita alla migliore movida della città. Ogni sera dal giovedì al sabato le strade si riempiono di bancarelle per il Digbeth Dining Club, un evento che riunisce specialità gastronomiche e birre artigianali.

Curry e cioccolato a Birmingham

La specialità gastronomica più conosciuta di Birmingham è uno speziato piatto indiano a base di curry: è il balti, che ha iniziato a diffondersi tra i ristoranti cittadini negli anni Settanta in una zona che ha poi preso il nome di Balti Triangle, in particolare in Ladypool Road, a Sud del centro. Pur essendo un piatto della tradizione asiatica il balti, servito in una scodella in metallo, si trova in tutti i ristoranti in città.

Di tutt’altro sapore è l’altra specialità di Birmingham: Cadbury è una delle marche di cioccolato più amate del Regno Unito, nata nel 1824 come piccola bottega.
A pochi chilometri dal centro della città c’è Cadbury World, un parco a tema cioccolato perfetto da visitare se sei in viaggio con i bambini. Tra tour nella fabbrica del cioccolato, assaggi, eventi ed esperienze, questa è sicuramente una delle attrazioni più golose della città.

Come raggiungere Birmingham

Il modo più comodo e rapido per raggiungere Birmingham è in aereo: l’aeroporto si trova a una decina di chilometri a Sud di Birmingham ed è ben collegato con la città sia con i taxi, sia con il treno che con i trasporti pubblici. Il Gay Village è a pochi passi dal centro cittadino.