L’ICCA Ranking 2023, svelato nel corso della fiera del business IMEX a Francoforte, ha fatto scalare a Bologna la classifica delle migliori mete congressuali al mondo. Questo importante traguardo si aggiunge alle già numerose attrattive che rendono capoluogo dell’Emilia-Romagna una destinazione imperdibile di turismo culturale e imprenditoriale.

Ben collegata grazie a nuove rotte aeree e a servizi di mobilità comodi e veloci, più sicura per merito dell’applicazione del modello “Città 30”, e aperta all’innovazione con il progetto di un proprio vertiporto, Bologna è un centro urbano vivace e affascinante che fa convivere in armonia modernità e tradizione.

Il recente successo ottenuto con l’ICCA Ranking 2023, che l’ha posizionata al 47esimo posto nella top 50 mondiale delle migliori città per congressi al mondo, e nella top 30 in Europa, è solo l’ultima delle attestazioni che fanno risaltare i pregi di questa meta italiana.

L’Italia eccelle nel turismo congressuale e Bologna si distingue

Il 2023 è stato l’anno che ha segnato un’importante svolta sia per l’Italia che per Bologna nel campo del turismo congressuale.

Il nostro Paese, infatti, partendo da una quinta posizione è riuscito a raggiungere in poco tempo il primo posto nella classifica europea per numero di congressi associativi, ben 553, e il secondo posto nella classifica mondiale, subito dopo gli USA.

Bologna, invece, con i suoi 43 eventi internazionali di grande successo e qualità, ha superato Monaco e Zurigo nel ranking ICCA, entrando a far parte, insieme a Roma e a Milano, nella rosa delle destinazioni d’eccellenza per il turismo congressuale.

A livello nazionale, l’ascesa del Paese è legata a un ambizioso progetto nato durante gli anni della pandemia, chiamato “Italian Knowledge Leaders” portato avanti dal Convention Bureau Italia. L’iniziativa si propone di valorizzare il capitale intellettuale italiano, puntando i riflettori sulle eccellenze dei settori scientifico, accademico, artistico, culturale e medico.

Carlotta Ferrari, presidente del Convention Bureau Italia, ha affermato: «Per anni l’Italia si  è mantenuta tra la quinta e la sesta posizione a causa di un’autogestione dell’offerta congressuale. Tuttavia i recenti successi non sono solo il risultato del progetto IKL, ma anche di un impegno costante nella valorizzazione e nel coordinamento del settore. Abbiamo assistito a un rafforzamento delle destinazioni italiane, che hanno acquisito maggiore consapevolezza e si sono evolute nella presentazione dell’offerta.»

Bologna entra nella top 50 delle migliori destinazioni congressuali al mondo

Bologna, a livello locale, ha creato una perfetta sinergia tra diverse realtà cittadine ed è riuscita a sfruttare al meglio le proprie sedi e la propria posizione geografica per offrire un ampio pacchetto di servizi di grande attrattiva per il settore del turismo imprenditoriale.

In particolare, gli elementi che hanno maggiormente contribuito alla valorizzazione del capoluogo emiliano sono stati il “Bologna Welcomes Events”, un piano incentivi fino a 500.000 euro l’anno del Comune di Bologna rivolto al settore congressuale, che ha l’obiettivo di stimolare l’organizzazione di grandi eventi in città. E l’impegno del team Bologna Convention Bureau, parte della Fondazione Bologna Welcome, che nel corso dell’anno è riuscito a chiudere con successo 19 candidature e ha ricevuto 400 richieste per la pianificazione di manifestazioni future.

Da menzionare, infine, le numerose personalità illustri che, diventando ambasciatrici cittadine, sono riuscite a candidare Bologna come sede di importanti appuntamenti internazionali nel corso dell’anno.

Non solo miglior meta di congressi: ecco perché Bologna è la città perfetta in cui vivere

Bologna ha dimostrato negli anni la sua capacità di saper sfruttare nel miglior modo possibile le proprie caratteristiche per diventare una destinazione turistica molto amata e una città ideale in cui vivere.

I premi ricevuti nel campo del business sono la punta di diamante di un centro urbano in continua evoluzione, che mira a diventare una smart city green e innovativa.

Con la “Carta di Bologna per l’Ambiente”, a esempio, stilata in occasione del G7 del 2017, il capoluogo emiliano ha iniziato un percorso per raggiungere obiettivi ambiziosi, tra i quali la transizione energetica, l’uso sostenibile del suolo, la tutela della biodiversità e l’attenzione per la qualità dell’aria e dell’acqua.

Anche livello culturale la città preserva e permette di conoscere un ricco patrimonio artistico. Lo dimostrano i suoi tanti nomignoli, legati alle eccellenze cittadine. A esempio, da molti viene definita “la Dotta” perché accoglie una delle più antiche Università d’Italia. Da altri, invece, viene chiamata “la Grassa” per la sua cucina regionale tradizionale che conquista tutti.

Le sue bellezze sono innumerevoli e, se ti capita di organizzare un viaggio in questa città, non puoi mancare di fare un’esperienza da local per vivere un’esperienza indimenticabile.

Vivi Bologna e la sua cultura

Come molte altre località italiane, anche il capoluogo emiliano conserva le tracce di un passato importante, che continua ad affascinare cittadini e turisti.

Prima città etrusca, poi gallica e infine romana, Bologna nel tempo ha conosciuto periodi di declino e soprattutto prosperità grazie alla presenza di sedi del sapere, del potere papale e di una milizia capace e attiva.

Il luogo che più di tutte ha simboleggiato la ricchezza locale nei secoli è la duecentesca Piazza Maggiore, circondata da alcuni dei più affascinanti edifici storici cittadini, ovvero il Palazzo dei Notai, il Palazzo del Podestà, la Basilica di San Petronio, il Palazzo d’Accursio e il Palazzo dei Banchi.

Da menzionare poi la Torre Accursi, anch’essa affacciata sulla piazza, che mostra un magnifico orologio meccanico che attrae subito lo sguardo.

Infine non puoi conoscere Bologna senza esplorare i portici che caratterizzano la pianta urbana- 60 Km in tutto-  e che l’hanno resa la Città dei Portici UNESCO.

Vivi Bologna e la sua gastronomia

Vivere bene in una città significa anche apprezzarne la gastronomia, e la tradizione culinaria bolognese è indubbiamente maestra del sapore.

I primi piatti più celebri del capoluogo emiliano sono i tortellini e le lasagne, due ricette molto differenti che sono capaci di soddisfare i palati di grandi e piccini.

Il ragù alla bolognese rende ancora più gustosa la pasta, mentre un buon vino dei Colli Bolognesi è un ottimo accompagnamento per un pranzo con gli amici.

Se durante la tua visita vuoi fermarti per un break o un aperitivo, approfittane per assaggiare la gustosa mortadella, il fritto misto alla bolognese e, per dolce, una fetta di Certosino.

Vivi Bologna e il suo territorio

Il capoluogo emiliano è un posto ideale per vivere anche grazie al meraviglioso territorio che lo circonda.

Dalla Via degli Dei ai sentieri ciclabili lungo i Colli Bolognesi, fino all’Oasi La Rizza e al Parco Cavaioni, i luoghi immersi nel verde sono molteplici e ideali per una gita fuori porta in solitaria o in gruppo.

Città dalle tante sfaccettatura, Bologna è amata soprattutto per la sua atmosfera intima e la sua struttura a misura d’uomo che, unite alle iniziative culturali e di business, la rendono una delle migliori città in cui vivere.