Maggio porta tantissime novità sul bike sharing a Bologna. Ridemovi ha registrato un importante picco delle corse nel primo trimestre del 2024. Ecco tutti i dettagli.

Sono sempre di più le persone che a Bologna scelgono di spostarsi in bici. I dati segnalati da Ridemovi sono interessanti: nel primo trimestre del 2024 le corse sono arrivate a 567.356, un incremento addirittura del 37% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Gli aumenti sono importanti sia nella durata complessiva dei noleggi (+43%) che nelle distanze percorse (+26%).

Dati che confermano come i servizi di bike sharing– soprattutto nelle grandi città come Milano, Roma o Torino– siano una soluzione di mobilità urbana sostenibile sempre più efficace e apprezzata dai cittadini.

Per potenziare ulteriormente il servizio sono previste diverse novità che mirano a offrire soluzioni innovative agli utenti. Scopriamo quali.

Bike sharing Bologna: quali sono le novità?

I cambiamenti che avranno luogo nel prossimo periodo non sono pochi. In primis, il servizio di bike sharing a Bologna sarà potenziato con l’aggiunta di 400 e-bike e 150 biciclette muscolari, portando il numero complessivo delle due ruote disponibili a 3.000 e-bike e 650 biciclette muscolari, rispetto alle 1.800 e 500 previste inizialmente.

Scatteranno anche agevolazioni e nuove proposte di abbonamento. In particolare, per tutto il 2024 gli abbonati al trasporto pubblico potranno utilizzare gratuitamente le e-bike per un totale di 30 corse da 15 minuti ciascuna. Si tratta di un esperimento che avrà una durata di circa 3 mesi, ma che potrebbe anche avere un seguito in base al consenso raccolto.

Sono previste anche promozioni per gli studenti over 16. Inoltre sarà migliorato il servizio di manutenzione e riposizionamento delle biciclette muscolari, così da ridurre la percentuale di mezzi non noleggiabili a causa di riparazioni, attualmente intorno al 18%.

Prossimamente sarà pubblicato un avviso per i mobility manager, consentendo l’acquisto di una serie di pass per i dipendenti delle aziende che aderiscono al progetto Bike to Work 2024. Un’iniziativa finanziata dalla Regione Emilia-Romagna– con un investimento di 259.574,76 euro per il 2024- per incentivare l’uso della bici come mezzo di trasporto per andare al lavoro.

Come cambiano le tariffe?

A fronte delle numerose agevolazioni segnalate è però previsto aumento medio del 9% sulle tariffe dall’inizio di maggio. In linea con il contratto stipulato con l’operatore Ridemovi, che prevede adeguamenti tariffari ogni due anni in base all’indice inflattivo FOI.

Ecco come cambieranno le tariffe per le e-bike:

  • Da 1,82 € ogni 30 minuti a 1,99 € ogni trenta minuti per coloro che terminano il noleggio all’interno dell’area parcheggio;
  • Da 2,32 € ogni 30 minuti a 2,49 € ogni trenta minuti per coloro che terminano il noleggio fuori dall’area parcheggio.

Le tariffe delle biciclette muscolari resteranno invece invariate.