A chi spetta il Bonus Benzina 2024? E come richiederlo? In questo articolo rispondiamo a queste e ad altre domande relative alla misura di sostegno governativa.

Il bonus benzina da 80 euro è una misura di sostegno economico introdotta dal Governo italiano per rispondere all’aumento dei prezzi del carburante. Questa iniziativa, originariamente proposta nel Decreto Energia (D.lgs n.131/2023) e successivamente incorporata nella Legge n.169/2023, si pone l’obiettivo di alleggerire il carico economico sulle famiglie italiane a basso reddito in un periodo di significativo rincaro energetico. Ecco nel dettaglio a chi spetta, come fare domanda per ottenerlo e quando arriva.

A chi spetta il Bonus Benzina 2024

Il bonus è specificatamente indirizzato alle famiglie che hanno un reddito Isee fino a 15.000 euro e che sono già beneficiarie della Carta risparmio spesa (proprio come il bonus trasporti). Questo criterio di selezione ha lo scopo di garantire che il sostegno raggiunga coloro che ne hanno maggiormente bisogno.

Secondo le stime, circa 1,3 milioni di famiglie, già in possesso della social card “Dedicata a te”, rientrano in questa categoria e sono quindi eleggibili per ricevere il bonus.

I criteri adottati per determinare l’assegnazione del bonus prendono in considerazione vari fattori, quali il numero dei membri del nucleo familiare, la presenza di figli minori e la loro età. Questi fattori sono utilizzati per stabilire una scala di priorità nell’erogazione del bonus, assicurando che le risorse siano distribuite in modo equo e mirato.

Oltre alle famiglie a basso reddito, anche i pensionati con un Isee non superiore a 15.000 euro hanno diritto a ricevere il bonus benzina. Per loro, si applicano criteri di priorità analoghi a quelli usati per la Carta risparmio spesa. Questo amplia ulteriormente la portata della misura, includendo un segmento significativo della popolazione che potrebbe essere particolarmente colpito dall’aumento dei costi energetici.

I soggetti esclusi

La misura in questione è soggetta a specifiche restrizioni che ne limitano l’accesso a determinate categorie di famiglie, in quanto non rispondono ai criteri stabiliti per l’ottenimento della carta “Dedicata a te”. In particolare, sono esclusi dal bonus:

  • I titolari di Reddito di Cittadinanza nell’anno 2023;
  • I beneficiari dell’Assegno di inclusione nel 2024;
  • I soggetti che ricevono qualsiasi forma di supporto nell’ambito di misure di inclusione sociale o di assistenza contro la povertà.

In aggiunta, non possono beneficiarne le famiglie in cui almeno un componente percepisce:

  • Naspi o Dis-Coll;
  • Cassa integrazione guadagni (Cig);
  • Indennità di mobilità.

Questo include anche ogni altra forma di sostegno al reddito o assistenza per disoccupazione involontaria fornita dallo Stato.

Come richiedere il bonus

Il bonus – che può essere utilizzato esclusivamente per l’acquisto di carburante – viene accreditato direttamente sulla social card “Dedicata a te”. Questo sistema di distribuzione diretta facilita l’accesso al beneficio per le famiglie idonee, eliminando la necessità di procedure burocratiche complesse.

Quando arriva

Secondo il Decreto interministeriale datato 29 novembre 2023, la ricarica delle carte “Dedicata a te”, già in circolazione tra i beneficiari, è iniziata a partire dal 15 dicembre 2023. Da questa data, è previsto anche l’inizio della distribuzione di nuove carte ai nuclei familiari che soddisfano i requisiti necessari ma che non hanno ancora ricevuto la carta. Queste nuove carte includeranno sia l’importo di 382,50€, relativo al contributo previsto, sia l’aggiunta di 77,20€, che rappresenta il bonus specifico per l’acquisto di carburante.