Attivo da ieri il portale per la presentazione delle domande per il bonus colonnine 2024, l’incentivo governativo per l’installazione di infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici, con un fondo di 20 milioni di euro.

Il Ministero delle Imprese e del Made in Italy (MIMIT), in collaborazione con Invitalia, ha aperto da ieri, 8 luglio, il portale per la presentazione delle domande per il bonus colonnine domestiche 2024. L’incentivo, giunto al terzo anno consecutivo, sostiene privati e condomini nell’acquisto e installazione di infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici, come colonnine e wall box.

Bonus colonnine 2024: un incentivo per la transizione ecologica

Il bonus colonnine 2024 rappresenta un importante incentivo per la diffusione della mobilità elettrica in Italia, contribuendo alla riduzione delle emissioni inquinanti e alla promozione di un futuro più sostenibile.

Rinnovato, quindi, l’impegno nella transizione verso fonti di energia rinnovabili e nella creazione di un’infrastruttura adeguata per la ricarica dei veicoli elettrici su tutto il territorio nazionale.

Bonus colonnine 2024: chi può richiederlo e come

Il bonus colonnine 2024 è destinato a due categorie di beneficiari che possono presentare la domanda:

  • Persone fisiche residenti in Italia, proprietari di abitazioni unifamiliari o posti auto privati che desiderano installare un punto di ricarica per il proprio veicolo elettrico;
  • Condomini, rappresentati dall’amministratore di condominio o da un condomino delegato, interessati a dotare l’edificio di infrastrutture di ricarica accessibili a tutti i condomini.

La procedura guidata per la presentazione della richiesta richiede la compilazione di un modulo elettronico e il possesso di una casella PEC attiva. Per garantire la trasparenza e la correttezza nella gestione del bonus, è fondamentale presentare una documentazione completa e accurata. È quindi fondamentale documentare tutte le spese sostenute per l’acquisto e l’installazione delle infrastrutture, che devono essere state effettuate a partire dal 1° gennaio 2024 fino al 31 dicembre 2024.

La procedura per richiedere il bonus è interamente digitale e si svolge attraverso il portale di Invitalia. Per accedere, è necessario autenticarsi tramite SPID, Carta d’Identità Elettronica (CIE) o Carta Nazionale dei Servizi (CNS). Una volta effettuato l’accesso, si dovrà compilare un modulo elettronico seguendo la procedura guidata, avendo cura di fornire tutte le informazioni richieste e di allegare la documentazione necessaria.

Cosa copre il bonus colonnine 2024 e quali sono gli importi

Il bonus colonnine 2024 copre l’80% delle spese sostenute per l’acquisto e l’installazione di infrastrutture di ricarica, inclusi:

  • Colonne di ricarica, sia modelli a parete (wall box) che colonnine a installazione libera.
  • Impianti elettrici, necessari per il collegamento delle colonnine alla rete elettrica e per garantire la sicurezza dell’impianto.
  • Opere edili, eventuali lavori di muratura o adeguamento degli spazi per l’installazione delle colonnine.
  • Sistemi di monitoraggio, per controllare e gestire in modo efficiente il consumo energetico delle colonnine.
  • Spese tecniche, progettazione, direzione lavori, collaudi e connessione alla rete elettrica.

L’importo massimo del contributo varia a seconda del beneficiario:

  • 1.500 euro per le persone fisiche
  • 8.000 euro per i condomini.

L’erogazione del bonus avverrà in un’unica soluzione, entro 90 giorni dalla chiusura del bando, seguendo l’ordine cronologico di presentazione delle domande.