Le calze da neve sono dei dispositivi alternativi alle classiche catene invernali. Ma cosa sono? E quando vanno utilizzate? Ne parliamo in questo articolo.

Dal 15 novembre scorso è scattato l’obbligo degli pneumatici invernali, che però non sono l’unico dispositivo possibile da montare sulle auto. Oltre alle classiche catene metalliche, esistono delle alternative, il cui utilizzo è stato da poco omologato grazie ad una circolare del Ministero dei trasporti. Stiamo parlando delle calze da neve, inquadrate dal Viminale come “dispositivo supplementare di aderenza” a partire dallo scorso anno. Andiamo a scoprire maggiori dettagli.

Cosa sono le calze da neve?

Fecero la loro comparsa sul mercato italiano una decina di anni fa, riscuotendo un grande successo soprattutto grazie alla loro comodità di installazione e per via del fatto che rappresentano ancora oggi l’unica alternativa al cambio gomme per quelle vetture sulle quali non è possibile montare le catene. Tuttavia, per diverso tempo l’interpretazione ministeriale riteneva che non fossero omologabili. Nemmeno quelle ritenute idonee in altri mercati europei.

Fino all’arrivo della circolare 300/STRAD/1/0000035611.U/2022 del 27 ottobre 2022, che ha autorizzato l’uso delle calze da neve, comunicando contestualmente agli operatori delle Forze dell’ordine che fanno i controlli sulle strade di non sanzionare chi le monta. Perciò, dal 15 novembre di ogni anno si possono usare le calze da neve al posto delle catene senza rischiare di essere multati.

In sostanza, si tratta di una soluzione composta da un materiale speciale, in grado di adattarsi pienamente attorno agli pneumatici del veicolo. A differenza delle catene metalliche, sono più leggere e più facili da installare. La loro funzione principale è aumentare l’aderenza degli pneumatici sulla neve o sul ghiaccio, fornendo una maggiore sicurezza durante la guida in condizioni difficili.

Quando vanno usate e quando no

Le calze da neve sono particolarmente utili per i conducenti che vivono in aree con inverni moderati, dove l’uso di catene tradizionali potrebbe non essere necessario tutto l’anno. Detto questo, è bene chiarire fin da subito che questo tipo di dispositivo non garantisce lo stesso standard di sicurezza e prestazioni rispetto allo pneumatico invernale. E non possono essere equiparate alle catene in termini di aderenza.

Le calze sono utili quando veniamo sorpresi da una nevicata improvvisa e dobbiamo fare qualche km sotto la neve. Non sono però adatte per lunghi tragitti con strade innevate o ghiacciate. Quindi, se ad esempio stai programmando un soggiorno in una delle migliori località sciistiche è bene dotarsi di soluzioni più performanti.

In ogni caso, la massima velocità quando si utilizzano le calze da neve (e in generale qualsiasi dispositivo supplementare di aderenza) è di 50 km/h.

Quanto costano le calze da neve?

I prezzi delle calze da neve possono variare in base al marchio, al materiale e alle caratteristiche specifiche del prodotto. In generale, le calze da neve di marchi più noti e con caratteristiche tecniche avanzate tendono a costare di più rispetto a opzioni più semplici.

Possiamo dire che i prezzi partono da circa 20 euro per modelli di base e salire fino a oltre 50 euro o più per calze da neve di alta qualità e prestazioni avanzate. Il consiglio è quello di controllare siti web di rivenditori o negozi specializzati per ottenere informazioni aggiornate sui prezzi attuali e le offerte disponibili.

Criteri di acquisto: le migliori calze da neve.

Per comprare un accessorio veramente valido bisogna considerare alcuni fattori. Il primo, fondamentale, è che il modello sia conforme alla sigla UNI EN 16662-1:2020. Questo standard indica che la calza:

  • è installabile in modo che non si sfili durante l’uso;
  • consente un aumento dell’aderenza sia sull’asse longitudinale che sull’asse laterale;
  • implica un ingombro addizionale sul pneumatico non maggiore di 20 mm sul lato interno, 20 mm sul battistrada e 25 mm sul lato esterno.

Va verificata inoltre la presenza delle seguenti informazioni, riportate sulla confezione in maniera chiara e permanente: l’entità legale che ha introdotto il prodotto nel mercato UE, la tipologia di prodotto indicata nel certificato di conformità alla norma, il numero del certificato e l’ente accreditato che ha rilasciato il certificato.

In conclusione, grazie alle calze da neve la guida in condizioni difficili sarà più agevole. Non dimenticare, comunque, di stipulare un’assicurazione auto adatta alle tue esigenze.