L’origine della storia del Capodanno Cinese è una leggenda che si perde nella notte dei tempi: è una delle festività più tradizionali della cultura cinese ed è un’occasione unica per esplorare le radici culturali e spirituali di una delle più antiche civiltà del mondo.

Il Capodanno Cinese 2024, il cui vero nome è in realtà Capodanno Lunare o Festa di Primavera, è alle porte: la celebrazione principale è prevista per il 10 febbraio, ma i festeggiamenti, che inizieranno la sera del 9 febbraio, si protrarranno fino al 24 febbraio. È un periodo che viene celebrato da tradizioni millenarie, cene elaborate, lanterne scintillanti e spettacolari fuochi d’artificio.

Una festa celebrata in tutto il mondo

Per noi occidentali il Capodanno Lunare è un’ottima opportunità per entrare in contatto con una cultura affascinante e approfittarne per fare un viaggio, se non proprio in Estremo Oriente, almeno verso una delle tante destinazioni europee dove le comunità cinesi si preparano a festeggiare: sono molti i servizi per partire in un clic!

Anche in Italia i quartieri cinesi più popolosi saranno in festa:

  • Milano, la cui Chinatown si muove nella zona di Via Paolo Sarpi, sarà in festa l’11 febbraio in Piazza Sempione;
  • a Roma la parata prenderà il via da piazza Vittorio il 18 febbraio;
  • l’evento più coinvolgente sarà probabilmente a Prato, dove la comunità cinese è parte integrante del territorio: la città intera infatti è pronta a unirsi alle celebrazioni il 17 e il 18 febbraio.

Del resto sono numerosissime le Chinatown in Europa e nel mondo, ma la più conosciuta è senza dubbio quella di Manhattan a New York: qui il Capodanno Cinese è una festa molto sentita e partecipata tutta la città.

Una curiosità: in Occidente il Capodanno Lunare si svolge di giorno, perché le comunità festeggiano quando la mezzanotte scocca in Cina.

Origini e storia millenaria del Capodanno Cinese

Le radici della Festa di Primavera affondano in oltre 3000 anni fa. Secondo la mitologia cinese le origini possono essere tracciate in un’antica leggenda che narra dell’esistenza di un mostruoso essere chiamato Nian, che una volta all’anno emergeva dalla sua tana per cibarsi di esseri umani. L’unico modo per evitare questo tributo sanguinoso consisteva nello spaventare il Nian, che temeva i rumori forti e il colore rosso.
È per questo che la tradizione vuole che ogni anno nuovo venga festeggiato con canti, rumori, fuochi d’artificio e l’uso del rosso. È probabile che anche la maschera tradizionale del leone che danzando sfila per le strade in festa richiami simbolicamente proprio il Nian, il cui ideogramma 年 in cinese significa anche “anno”.

Il ciclo degli animali e degli elementi del calendario lunare

Il 10 febbraio 2024 inizierà l’Anno del Drago di Legno: il Capodanno Cinese segue un ciclo di 12 anni, ciascuno associato a un animale dello zodiaco cinese. Ogni animale è a sua volta collegato a uno dei cinque elementi naturali cinesi: metallo, acqua, fuoco, legno, terra. La combinazione tra animali ed elementi dà vita a caratteristiche diverse, dovute alle influenze astrologiche, ricche di simbolismi e significati.

2024: l’anno del drago verde di legno

Nel 2024 l’anno lunare sarà sotto il segno del Drago di Legno, l’unico animale immaginario dello zodiaco cinese. Il drago, animale energico e misterioso, è associato a caratteristiche come onestà, affidabilità, indulgenza e calma. Il Drago di Legno è inoltre legato alla Terra Yang, da cui riflette la connessione con alberi e foreste, mentre il colore a lui associato è il verde, che simboleggia la rinascita e la crescita delle piante.

Nello zodiaco cinese il Drago rappresenta il potere, la nobiltà, l’onore e il successo. Chi nasce nell’anno del drago sarà un leader visionario, competitivo e orientato al successo. Il Drago di Legno, in particolare, si distingue per intelligenza e popolarità. Il suo carattere focoso però può influenzare le relazioni intime, mentre negli affari si dimostra fortunato e rapido nel raggiungere gli obiettivi.

Le tradizioni del Capodanno Cinese

L’inizio dell’anno lunare 2024 è il 10 febbraio, ma le celebrazioni iniziano la sera della vigilia: il periodo di festa dura 16 giorni, per culminare con la Festa delle Lanterne il 24 febbraio.

Il cenone della vigilia in famiglia (9 febbraio 2024)

In modo molto simile alle tradizioni natalizie, il Capodanno Lunare viene festeggiato con un cenone in famiglia, chiamato “cena del ritrovo”, un momento di riunione per scambiarsi gli auguri e festeggiare tutti insieme. I piatti tradizionali abbondano, come il pesce e il pollo, simboli di abbondanza, i ravioli e le tangyuan, palline dolci preparate con farina di riso. Anche in Cina la televisione viene lasciata accesa durante la serata in attesa del countdown sul canale CCTV.

La visita ai parenti il primo giorno del nuovo anno (10 febbraio 2024)

Il primo giorno dell’anno è dedicato alla visita agli amici stretti e ai parenti per lo scambio degli auguri, in particolare nei confronti degli anziani. È tradizione di questa giornata la parata allegorica con la danza del leone, l’enorme maschera portata in giro per le strade. I fuochi d’artificio illuminano la sera e scacciano gli spiriti maligni: per questo più fanno rumore, più l’anno nuovo sarà fortunato.

La Festa delle Lanterne (24 febbraio 2024)

L’apice delle festività, e anche la loro conclusione, avviene con la Festa delle Lanterne (Yuanxiao), quando tutti escono di casa con lanterne colorate e luminose, ognuna di forma diversa, mentre le candele restano accese fuori dalle case per guidare gli spiriti benevoli verso le abitazioni.

Nelle strade si festeggia con canti e balli e i templi organizzano fiere e spettacoli, con le danze del leone e del drago e le ricostruzioni storiche del periodo imperiale. Ovunque ci sono i mercatini con i prodotti e i piatti tradizionali, in un profluvio di colori e profumi.

Consuetudini e superstizioni

I giovani e gli anziani in pensione ricevono in dono le hongbao, buste rosse che contengono una cifra simbolica di denaro, mentre chi ha un impiego le riceve dal datore di lavoro. Anche le tradizioni stanno al passo dei tempi: oggi esistono molte app per scambiarsi virtualmente queste buste tra amici.

Il rosso in questo periodo è il colore predominante: è considerato di buon auspicio e simboleggia fortuna e prosperità. Le decorazioni rosse, come le lanterne e i simboli tradizionali, sono appese ovunque, mentre abiti e gioielli rossi sono indossati per respingere gli spiriti maligni e attirare buona sorte. Anche la biancheria intima rossa è un must.

Durante queste festività i cinesi devono rispettare anche rigorosi tabù e superstizioni. È credenza diffusa, ad esempio, che pulire la casa o lavarsi i capelli nei primi tre giorni dell’anno porti sfortuna e anche il pianto dei bambini porterebbe cattiva sorte alla famiglia, che quindi si premura di elargire ai piccoli molte più coccole del solito.