Preparati a festeggiare il Carnevale di Cento per 5 domeniche di fila. Il 28 gennaio ha segnato l’inizio delle celebrazioni nel Comune della provincia ferrarese, che è pronto ad accogliere curiosi e visitatori con giochi, colori, sfilate e musica.

Le date dell’edizione 2024 di quello che è conosciuto come Carnevale d’Europa sono il 28 gennaio, il 4, l’11, il 18 e il 25 febbraio.

Fine settimana di divertimento per grandi e piccini e, soprattutto, per i viaggiatori che amano il momento più scherzoso dell’anno.

Chi conosce il meraviglioso Carnevale di Viareggio e il barocco Carnevale di Venezia, non può perdersi l’incredibile evento a Cento, la cui nuova edizione è stata presentata con lo slogan “L’ombelico del mondo”.

Come nasce il Carnevale di Cento?

Conosciuta come “piccola Bologna“, Cento è una cittadina che si trasforma completamente nel mese di febbraio e che attira per il Carnevale numerosi turisti.

La storia di questa festa locale risale al 1600, come dimostrato dalle fonti pittoriche del celebre artista Guercino.

Nel 1990 gli abitanti del borgo personalizzarono il proprio Carnevale creando la figura di un re della festa, che rappresentava la coscienza dei cittadini. A questo personaggio venne dato il nome di Tasi, una maschera che si ispirava a un uomo realmente esistito.

Nel secondo dopoguerra, si costituirono a Cento delle società carnevalesche ancora oggi presenti, che ogni anno si sfidano per ottenere il riconoscimento di migliore carro allegorico.

In particolare, per l’edizione 2024, i gruppi in gara sono il Mazalora, il Risveglio, i Ragazzi del Guercino, i Fantasti100 e i Toponi.

Il Carnevale d’Europa è rimasto festa locale fino al 1990, quando il patron Ivano Manservisi ha deciso di ampliare gli orizzonti di questo evento, arrivando a un gemellaggio con il Carnevale di Rio.

Qual è il programma del Carnevale di Cento?

Nelle 5 domeniche di febbraio, alcune vie e piazze di Cento si sono vestite e si vestiranno per la festa.

Piazza Guercino è la location che ospita il palco principale, sul quale si alterneranno spettacoli favolosi pieni di personaggi mascherati, musica e colori.

Corso Guercino, invece, come tutti gli anni, accoglie opere di cartapesta scherzose e uniche, nonché le sfilate delle associazioni carnevalesche che partecipano all’edizione attuale.

Infine, il 2024 porta una novità, presentata dal patron Manservisi. Si tratta di un secondo palco in Piazzale Rocca di Cento.

Ma ecco il programma specifico degli appuntamenti futuri:

  • Domenica 11 febbraio: a partire dalle ore 14.00 i carri allegorici delle associazioni carnevalesche sfileranno per le strade della città, allietando cittadini e turisti con coreografie originali e divertenti, lanciando anche dolci doni ai bambini presenti. La gara entrerà finalmente nel vivo e solo un partecipante otterrà il premio;
  • Domenica 18 febbraio: sempre dalle ore 14.00 inizierà una sfilata di moto, auto storiche e auto americane. A seguire, verrà riproposta la parata delle associazioni carnevalesche. Presso il secondo palcoscenico di Piazzale Rocca, infine, verrà ospitata la Kinder;
  • Domenica 25 febbraio: l’ultimo giorno del Carnevale di Cento verrà inaugurato, alle ore 14.00, da una sfilata di eleganti Alfa Romeo. Seguiranno la sfilata dei carri allegorici in gara, spettacoli e animazioni presso i due palchi e la premiazione finale. Dopo questa, vi sarà la lettura del Testamento di Tasi, il tradizionale rogo della maschera di cartapesta e lo spettacolo piromusicale realizzato da Martarello Group.

Come acquistare i biglietti?

Per accedere al Carnevale è necessario acquistare un ticket d’ingresso:

  • Biglietto intero a domenica: 17 euro;
  • Biglietto per gruppi minimo 25 persone: 14 euro;
  • Biglietto bambini al di sotto di 1,20 mt: gratuito.

Per prenotazioni e acquisto online, puoi visitare il sito ufficiale Cento Carnevale d’Europa.

Come arrivare al Carnevale di Cento?

Chi sta programmando un itinerario lungo i borghi più belli dell’Emilia-Romagna, può fare tappa a Cento arrivando in treno a Bologna, Ferrara o Modena.

I visitatori in auto, possono fare fermarsi a Bologna e, da qui, seguire le indicazioni verso Castelmaggiore, Funo, Argelato, Castello d’Argile, e infine Cento.

Chi parte da più lontano, può seguire l‘A1 Milano – Napoli o l’A13 Bologna – Padova. Per rendere il percorso più comodo e veloce, usufruisci dei servizi di mobilità in app.