Nel cuore della Murgia, sorge un capolavoro unico dell’architettura medievale, Castel del Monte, uno dei fiori all’occhiello della Puglia e di tutta l’Umanità.

Castel del Monte è una straordinaria opera architettonica risalente al 1240, celebre per la sua particolare struttura ottagonale, sorretta da altrettanti torrioni ai vertici di ogni lato. Proprio per le sue caratteristiche strutturali, che lo rendono un perfetto mix di scienza, matematica e arte, Castel del Monte è stato inserito nella lista dei Patrimoni dell’Umanità dall’UNESCO, nel 1996.

In questo articolo vedremo più nel dettaglio le peculiarità che rendono unica la fortezza fatta costruire dal sovrano del Sacro Romano Impero, Federico II di Svevia, e come raggiungerla.

Alla scoperta di Castel del Monte

Castel del Monte svetta sulla sommità di una collina di 540 metri, a circa 18 chilometri a sud di Andria, dove è ancora tutta campagna: il caos cittadino è lontano e attorno alla fortezza c’è solo la natura incontrastata.

Proprio per questa sua collocazione, la fortezza rappresentava un elemento fondamentale nel sistema di comunicazione della rete castellare di Federico II. Sebbene gran parte degli studiosi escluda la funzione militare per l’assenza di elementi quali il fossato, le caditoie e il ponte levatoio.

Non si sa perché Federico II ne abbia commissionato la costruzione (né si conosce il nome dell’architetto che l’ha realizzata). Per le sue caratteristiche, appare plausibile l’uso residenziale e di rappresentanza, riservato a persone vicinissime al Re. Un’altra ipotesi suggerisce che il castello sia stato costruito come luogo di studio. Un luogo perfetto per studiare, considerati la tranquillità e il silenzio della zona.

Castel del Monte è anche perfettamente orientato dal punto di vista astronomico: molti studiosi, infatti, ritengono che possa nascondere un significato esoterico. E non sarebbe strano, vista la passione di Federico II per l’astronomia.

È il sole, in particolare, che costituisce un elemento importante, che si intreccia con il castello a tutte le ore del giorno: la collina su cui sorge è perennemente baciata dal sole, le cui luci e ombre esaltano e definiscono le particolari forme della fortezza e ne valorizzano i colori.

La particolare architettura del Castello

Ciò che distingue Castel del Monte da tutte le altre fortezze presenti sul territorio (almeno italico) è la sua forma ottagonale. I lati esterni hanno una lunghezza di 10,30 metri, ai quali va sommato il diametro dei torrioni, che misura 7,90 metri.

Il Castello, costruito con pietra calcarea, marmo bianco e breccia corallina, si sviluppa su due piani, illuminati da poche finestre. Al piano inferiore, sono presenti solo otto monofore (finestre che lasciano oltrepassare la luce da una sola e stretta apertura), mentre al piano superiore troviamo sette bifore e un’unica trifora, che si affaccia sulla lontana Andria.

I piani sono collegati da tre scale a chiocciola, all’interno di una delle otto torri. Le altre ospitano bagni e cisterne per la raccolta dell’acqua piovana – altro elemento che ha spinto gli studiosi a credere che il castello non avesse scopi difensivi.

Il tesoro svanito

Buona parte del tesoro custodito nel Castel del Monte (sculture, dipinti, mosaici, tappeti) è andato perduto. Oggi è possibile ammirare solo ciò che resta, come le mensole antropomorfe nella Torre del falconiere oppure una parte del mosaico nella sala VIII, situato al piano inferiore.

Per conoscere i pezzi di maggior valore che una volta ospitava il castello, bisogna fare un salto alla Pinacoteca provinciale di Bari, che li custodisce.

Orari e prezzi del biglietto

Gli orari di apertura e chiusura variano a seconda del periodo in cui si decide di visitare Castel del Monte:

  • Dal primo aprile al 30 settembre il castello apre tutti i giorni, dalle 10:00 alle 18:45;
  • Dal primo ottobre al 31 marzo è aperto ogni giorno, ma dalle 9:00 alle 17:45.

È autorizzato l’ingresso anche agli amici a quattro zampe, ma solo se non escono dal loro trasportino.

Per quanto riguarda i costi del biglietto:

  • 10 € il biglietto intero;
  • 3 € quello ridotto:
  • 13 € il biglietto cumulativo, che comprende la visita al Castel del Monte più quella al Castello di Trani;
  • 4 € il biglietto cumulativo ridotto.

La riduzione si applica a determinate categorie, come le persone con meno di 25 anni o i minori extracomunitari. Sul sito ufficiale del castello è disponibile l’elenco dei beneficiari della riduzione.

È possibile acquistare il biglietto nella biglietteria all’ingresso del castello o, più comodamente online sul sito della Direzione regionale musei Puglia.

C’è tuttavia la possibilità di visitare il castello gratuitamente, ogni prima domenica del mese, previa prenotazione online tramite Aditus.

Come arrivare e dove parcheggiare

  • In treno e autobus: se vuoi optare per una soluzione sostenibile, la prima destinazione è Andria. Da Bari, occorre prendere il treno delle Ferrovie del nord barese, la cui stazione si trova in piazza Aldo Moro, vicino alla stazione delle Ferrovie dello Stato.
    Una volta ad Andria, per raggiungere Castel del Monte puoi prendere l’autolinea urbana numero 6, che parte dal Terminal Bus in Largo Ceruti. Il servizio è attivo tutto l’anno, con qualche eccezione. Puoi consultare gli orari sul sito del Comune di Andria.
  • In auto: se arrivi dal nord, l’autostrada da imboccare è la A14. Dopo l’uscita ad Andria, puoi prendere la tangenziale per superare la città e poi percorrere la SP 231 e successivamente la SS 170.
    Se arrivi dal sud, invece, l’uscita della A14 è quella di Bitonto e le strade provinciali da percorrere sono la 231 e poi la 234, fino a Castel del Monte.
    Per un viaggio più sereno, ti consigliamo di scaricare un’applicazione per sapere sempre con esattezza la collocazione delle stazioni di servizio per il rifornimento.

Per quanto riguarda i parcheggi, c’è un’area parking alla struttura Imperatore. L’area è vicina al castello, ma non troppo: per arrivare si dovrà comunque prendere una navetta che parte nei pressi della struttura.

Cosa vedere nei dintorni

Castel del Monte è una delle mete pugliesi più gettonate, ma non è l’unica. Nella BAT ci sono città e paesi ai quali vale la pena dare un’occhiata. Una di queste è proprio Andria, che ospita altri monumenti architettonici di gran pregio. Un esempio è la Torre dell’Orologio, costruita come Castel del Monte su ordine di Federico II. Se arrivi in macchina, ti consigliamo di leggere la nostra guida sulle strisce blu ad Andria per trovare più facilmente parcheggio.

Spostandoci più verso sud, una tappa da segnare è sicuramente Bari, il capoluogo pugliese. Se vuoi visitarla, il consiglio è quello di spostarti coi mezzi pubblici o, ancora meglio, con i servizi di sharing mobility – magari seguendo il nostro interessante itinerario di Bari in monopattino, che tocca i punti più belli e gustosi della città. Districarsi con la propria auto nel traffico barese infatti non è cosa da poco. Inoltre, la ricerca di un parcheggio potrebbe essere particolarmente stressante, soprattutto nelle zone più centrali della città. Se decidi comunque di usare l’auto, ti segnaliamo delle applicazioni per pagare il parcheggio che potrebbero facilitarti la vita.

Un’altra tappa pugliese che ti consigliamo, soprattutto se vuoi organizzare il viaggio in estate, è Polignano a Mare, uno dei borghi più belli della Puglia. Ci si arriva comodamente in treno, da Bari, in pochi minuti e a un costo contenuto.