Un’avventura in sella alla propria bicicletta per immergersi nella natura selvaggia e incontaminata di una regione ricca di cultura e splendidi paesaggi. La ciclovia della Sardegna è un’occasione per esplorare e conoscere uno degli angoli più belli della nostra Italia.

La ciclovia della Sardegna è un percorso ciclabile che si svilupperà per ben 1147 Km, con 19 itinerari che attraverseranno 115 Comuni e 45 aree naturali. Un percorso ad anello che attraverserà tutte le provincie sarde: Sassari, Olbia, Oristano, Nuoro e Cagliari. I primi 30 km della Ciclovia saranno realizzati già entro quest’anno.

L’intero progetto è inserito nel Sistema Nazionale delle Ciclovie turistiche proposto dal Mims – il Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibile – e dal Mibact Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo – che individua percorsi ciclabili sicuri e di qualità per un turismo sostenibile che valorizzi fino in fondo i territori.

Ciclovia della Sardegna: tutti gli obiettivi del progetto

Quello della ciclovia della Sardegna è un progetto molto importante, adatto a tutti gli appassionati di mobilità dolce. Ecco gli obiettivi che si propone di raggiungere:

  • Favorire la mobilità ciclistica per tutti i tipi di utenti, affinché sia più inclusiva;
  • Migliorare le piste ciclabili esistenti e contribuire a realizzarne altre;
  • Congiungere gli itinerari più selvaggi della regione per esplorare l’incontaminato;
  • Riqualificare il territorio regionale e, soprattutto, le aree naturalistiche della Sardegna;
  • Destagionalizzare l’offerta turistica, mostrando che la Sardegna può essere vissuta in ogni momento dell’anno;
  • Divenire il motore per la transizione alla mobilità sostenibile.

Quali saranno gli itinerari previsti dalla ciclovia della Sardegna

Gli itinerari saranno 19. Tra questi, uno sarà affiancato anche da una tratta in treno.

Scopriamoli tutti nel dettaglio:

  • CS 1: lungo 30,14 Km, parte da Sassari e arriva ad Alghero; è l’unica tratta percorribile utilizzando bici e treno;
  • CS 2: lungo 53,40 Km, parte da Alghero e arriva a Porto Torres;
  • CS 3: lungo 58,86 Km, parte da Porto Torres e arriva a Badesi;
  • CS 4: lungo 57,49 Km, parte da Badesi e arriva a Santa Teresa di Gallura;
  • CS 5: lungo 45,56 Km, parte da Santa Teresa di Gallura e arriva ad Arzachena;
  • CS 6: lungo 62,56 Km, parte da Via Tempio ad Arzachena e arriva a Olbia;
  • CS 7: lungo 64,05 Km, parte da Olbia e arriva a Siniscola;
  • CS 8: lungo 60,48 Km, parte da Siniscola e arriva a Dorgali;
  • CS 9: lungo 60,95 Km, parte da Dorgali e arriva a Tortolì presso il porto di Arbatax;
  • CS 10: lungo 85,39 Km, parte da Tortolì e arriva a Villaputzu;
  • CS 11: lungo 57,20 Km, parte da Villaputzu e arriva a Villasimius;
  • CS 12: lungo 54,25 Km, parte da Villasimius e arriva a Cagliari;
  • CS 13: lungo 83,96 Km, parte da Cagliari e arriva all’area archeologica Su Nuraxi di Barumini;
  • CS 14: lungo 73,64 Km, parte dall’ all’area archeologica Su Nuraxi di Barumini e arriva, via Cagliari, a Oristano;
  • CS 15: lungo 111,42 Km, parte da Oristano e arriva a Bosa;
  • CS 16: lungo 24,54 Km, parte da Flussio e arriva a Macomer;
  • CS 17: lungo 27,65 Km, parte da Macomer e arriva a Illorai;
  • CS 18: lungo 78,48 Km, parte da Illorai e arriva a Ozieri;
  • CS 19: lungo 58 Km, parte da Ozieri e arriva a Sassari

Per tutte le informazioni di dettaglio sui percorsi, ti invitiamo a consultare direttamente il sito ufficiale della ciclovia della Sardegna.

Ciclovia della Sardegna: entro il 2026 i primi 80 Km percorribili

Come abbiamo già accennato, la ciclovia della Sardegna è ancora un progetto in fase di sviluppo. Ma nel 2026 si potranno percorrere i primi 80 Km. Il percorso 13, la tratta cioè che va da Cagliari al sito archeologico Su Nuraxi di Barumini, sarà probabilmente il primo a essere inaugurato. Si tratta di un sito tutelato dall’Unesco, un insediamento umano risalente all’età nuragica nonché uno dei villaggi nuragici più grandi della Sardegna.

Questo itinerario ciclabile, con la sua percorrenza di ben 5 ore e 35 minuti, attraverserà i comuni di Cagliari, Assemini, Elmas, Las Plassas, Samassi, San Sperate, Sanluri, Serramanna, Villamar, Villanovafranca, Villasor e Barumini. Durante l’intera tratta si potrà ammirare il famoso fiume Flumini Mannu e visitare le bellissime chiese e i murales di San Sperate. Se si è fortunati, si potranno incontrare anche i cavallini selvatici della giara di Gesturi. La strada sarà per la maggior parte asfaltata e si snoderà attraverso antichi tratturi e aree a bassa affluenza di veicoli.

Come raggiungere la Sardegna 

Ecco le principali soluzioni per raggiungere l’isola:

In aereo: prenotando in app il tuo volo, potrai raggiungere facilmente i principali aeroscali sardi: l’aeroporto internazionale di Olbia– per il quale Ryanair ha inaugurato la tratta Bologna-Olbia– l‘aeroporto di Cagliari o l’aeroporto di Alghero. Potrai poi spostarti sull’isola anche utilizzando un’auto a noleggio;

In traghetto: acquistando anticipatamente in app il tuo biglietto per il traghetto, potrai risparmiare sul costo del viaggio. I tempi della traversata variano dalle 5 alle 10 ore, a seconda che tu opti per un traghetto tradizionale o per una nave veloce. I principali porti di approdo sono quelli di Olbia, Porto Torres, Golfo Aranci, Cagliari e Arbatax.

Se ami viaggiare in treno, il trenino verde della Sardegna è un modo insolito e affascinante per visitare l’isola. In attesa che la ciclovia della Sardegna diventi una realtà concreta, può essere un primo approccio alle aree più selvagge e incontaminate dell’isola.