Il coworking a Milano è un approccio lavorativo che nasce già nel lontano 2008. Oggi, la città  ospita un numero elevatissimo di spazi di lavoro condivisi che la decretano come la città italiana leader in tale settore. Gli spazi di coworking sono disseminati in ogni zona di Milano e prevedono un lavoro che sia più flessibile.

Con oltre 100 spazi diffusi in tutte le aree della città, ancor più dei coworking di Torino e di Roma, Milano è la principale città italiana del coworking. Questo nuovo approccio lavorativo non solo assicura un significativo risparmio economico, ma soprattutto si inserisce in un ampio discorso di prospettiva ambientale. Infatti, l’evoluzione verso spazi di lavoro coworking sostenibili nella città lombarda sta orientando l’attenzione sempre più verso un concetto di lavoro improntato all’ecosostenibilità. La riduzione degli sprechi, il riciclo e il riutilizzo di materiali e l’ottimizzazione delle risorse sono tra i principi fondamentali del coworking che garantiscono un’esperienza lavorativa improntata al benessere.

I vantaggi del coworking

La parola “coworking” indica la pratica di lavorare insieme in uno spazio comune, coinvolgendo professionisti e lavoratori diversi che condividono la stessa sede lavorativa. Questo concetto prevede la creazione di un ambiente in cui le persone possano socializzare e scambiare idee e risorse, per un approccio più aperto e flessibile. Un valido compromesso insomma, tra la vecchia postazione fissa e lo smart working, che strizza l’occhio alla Green Economy, che fa proprio della flessibilità e della sostenibilità i propri punti di forza.

Diversi sono i benefici del coworking:

  • Consente un notevole risparmio economico, risultando particolarmente adatto per imprese con budget limitati o che hanno necessità di controllare le spese;
  • Il coworking offre un ambiente di lavoro stimolante e collaborativo, promuovendo un approccio più sereno ed efficiente al lavoro;
  • Chi fa coworking ha l’opportunità di ampliare la propria rete di contatti, favorendo lo scambio di esperienze professionali;
  • Il coworking facilita la condivisione di conoscenze con altri professionisti, consentendo di trovare partner e supporto in un ambiente di lavoro dinamico e collaborativo;
  • Gli spazi di coworking mettono a disposizione risorse e tecnologie avanzate, come sale riunioni e conferenze, accessibili a tutti gli utenti.

Il coworking a Milano

Oltre ad essere capitale del business e dell’innovazione, Milano è una pioniera italiana nel campo dei coworking. Con il primo spazio aperto nel 2008, la città ospita oggi una significativa varietà di ambienti eleganti e tranquilli, adatti a ogni esigenza. Il Comune ha dunque da anni riconosciuto nei coworking luoghi ideali per la riorganizzazione del lavoro cittadino.

Oggi questi luoghi di condivisione sono diffusi in gran parte della città e offrono soluzioni funzionali alla comunità milanese. Il coworking costituisce una delle basi produttive più all’avanguardia per guardare ancora meglio alla Milano del futuro.

Di seguito, una selezione di alcuni degli spazi di coworking più noti a Milano:

  • Base: All’interno dell’ex Ansaldo, vicino alla Stazione Porta Genova, Base è pensato per i creativi, con laboratori, spazi espositivi, una grande sala studio e una residenza d’artista. Offre spettacoli, workshop e conferenze, creando un ambiente che promuove tranquillità e ispirazione;
  • Copernico: Con diverse sedi in città, Copernico, in Via Copernico, 38, offre uffici singoli, postazioni giornaliere o mensili, supporto tecnologico, connessione veloce e servizi completi;
  • Donatello: Posizionato in via Donatello 30, vicino a piazza Piola, Donatello è dedicato ai professionisti e freelance del settore digitale, offrendo postazioni fisse e condivise, uffici privati e sale riunioni;
  • Login: In via Stefanardo da Vimercate, offre tariffe convenienti, postazioni singole in open space e spazi meeting riservati;
  • Qf/Qwork+Qbaby: Situato in Via Procaccini 11, Milano, Qf/Qwork+Qbaby è ideale per chi deve conciliare lavoro e vita privata, offrendo anche spazi per i più piccoli;
  • Regus: Con sedi in tutta la città, questo è uno dei più grandi network di coworking in Italia, offrendo soluzioni tradizionali ma flessibili per i liberi professionisti;
  • Santeria: In via Privata Ettore Paladini, 8, Santeria è più di un coworking, offrendo un ambiente sociale con bar/caffetteria, cortile esterno e eventi vari, tra cui concerti;
  • Talent Garden: Con sedi in Europa, Talent Garden è una piattaforma di networking e formazione per l’innovazione digitale. A Milano, ha sedi in via Merano e via Calabiana, offrendo spazi moderni e la TAG Innovation School;
  • YoRoom: In zona Isola, YoRoom offre un ambiente dinamico e contemporaneo con uffici privati, postazioni di coworking, sale meeting, stanze insonorizzate e spazi per eventi.

Raggiungere i coworking a Milano

Nella frenetica metropoli di Milano, raggiungere gli spazi di coworking può rivelarsi un’impresa complessa. Il traffico congestionato, le limitazioni delle ZTL  e le restrizioni dovute alle aree a pedaggio come l’Area C e l’Area B, rendono spesso il viaggio stressante e inefficiente. Le strisce blu e la carenza di parcheggi possono ulteriormente complicare la situazione per chi decide di utilizzare l’auto. Tuttavia, una soluzione intelligente a questo dilemma può essere abbracciare la micromobilità elettrica. Soluzioni come i monopattini elettrici e il bike sharing possono permettere spostamenti rapidi ed eco-sostenibili, superando agevolmente le limitazioni del traffico cittadino. Inoltre, l’utilizzo di un’applicazione dedicata ai servizi di mobilità può dimostrarsi cruciale per a superare le molteplici sfide legate alla mobilità urbana.