Caratterizzato da una gigantesca salina visibile anche dallo spazio, l’Etosha National Park è una riserva naturale protetta situata nel Nord della Namibia. Programma qui il tuo prossimo viaggio avventura e perditi nella bellezza di panorami selvaggi e dai colori vividi.

Circondato da un ampio deserto che ne arricchisce il paesaggio, il Parco Nazionale Etosha si estende per circa 22.912 Km2 e accoglie un’importante varietà di flora e di fauna grazie alle numerose pozze d’acqua presenti al suo interno.

Dotato di servizi turistici di qualità, che ne permettono l’esplorazione in comodità e sicurezza, è certamente una meta ideale per coloro che desiderano immergersi nella natura e osservare da vicino la vita selvatica di animali maestosi e curiosi.

Chi è appassionato di riserve naturali e ha, a esempio, già visitato il Parco Nazionale Jasper, lo Yukon, e parchi mediterranei come il Pollino e il Circeo, non può perdersi l’Etosha National Park: un luogo con un panorama molto differente ma indubbiamente suggestivo, che lascia nel cuore quella nostalgia conosciuta come mal d’Africa.

Parco Nazionale Etosha: un gioiello della Namibia pronto a sorprenderti

Conosciuto originariamente come Salina Etosha, il futuro Parco Nazionale cominciò a essere esplorato dagli europei a partire dalla metà del 1800.

La vasta presenza di una variegata fauna, attratta dalle pozze d’acqua che ne garantivano la sopravvivenza, richiamò in questa regione cacciatori da tutta Europa, che in molte occasioni si scontrarono con le popolazioni locali.

Il luogo divenne ufficialmente una riserva faunistica nel 1907, con circa 100.000 Km2 di estensione. Nel tempo si attuò un profondo ridimensionamento del territorio, che attraversò anche un grande momento di crisi tra gli anni ’70 e ’80, con un crollo della popolazione animale a causa dei confitti armati che al tempo coinvolgevano la Namibia, l’Angola e il Sud Africa.

Grazie a un immenso impegno per la preservazione dei tesori naturali di questo territorio, oggi l’Etosha National Park è tornato a essere una riserva riccamente popolata, meta perfetta per un safari alla scoperta delle bellezze della Namibia.

Etosha National Park: guida alla visita

Chi decide di organizzare un safari al Parco Nazionale Etosha, deve tenere a mente che non troverà un luogo preciso per incontrare rinoceronti, elefanti, leoni e altri animali caratteristici della zona. Può essere utile recarsi presso alcune delle pozze d’acqua più famose del luogo, come l‘Okaukejo e la Ombika, per avere la possibilità di fotografare e ammirare la wildlife africana.

Il parco possiede un’ampia rete di strade da percorrere con la 4×4 per rimanere al sicuro e avere la possibilità di visitare bene il territorio. Se non desideri guidare un’auto, in alternativa puoi aggregarti a un gruppo turistico o fare affidamento a una guida locale.

Generalmente non è possibile completare l’esplorazione in un solo giorno. Per questo, sia all’interno dell’Etosha National Park che nei suoi pressi, sono presenti dei villaggi dotati di alloggi, ristoranti e servizi di svago.

Se vuoi dormire dentro il parco, al calare della sera puoi fermarti presso:

  • Il Dolomite Camp;
  • L’Onkoshi Camp;
  • L’Okaukuejo Camp;
  • L’Halali Camp;
  • Il Namotoni Camp;
  • L’Olifanstrus Camp.

Partendo da questi punti di sosta, puoi anche intraprendere dei brevi foot safari nel corso della giornata.

Parco Nazionale Etosha: ingressi, orari e prezzi

Si può accedere alla riserva faunistica da 4 ingressi:

  • Galton Gate;
  • Anderson’s Gate;
  • Von Lindequist Gate;
  • King Nehale Lya Mpingana Gate.

Gli orari di apertura e chiusura non sono sempre uguali poiché variano a seconda del momento dell’alba e del tramonto.

Per quanto riguarda i biglietti d’ingresso, questi sono i prezzi:

  • Adulto straniero: 150-00 NAD al giorno (circa 8 euro);
  • Adulto di uno Stato membro SADC: 100-00 NAD al giorno (circa 5 euro);
  • Adulto della Namibia: 50-00 NAD al giorno (circa 2,5 euro);
  • Bambini e ragazzi sotto i 16 anni: gratuito
  • Veicoli con max 10 posti: 50-00 NAD al giorno (circa 2,5 euro);
  • Veicoli con min 11 posti/max 25 posti: 100-00 NAD al giorno (circa 5 euro);
  • Veicoli con min 26 posti/max 50 posti: 400-00 NAD al giorno (circa 21 euro);
  • Veicoli con più di 51 posti: 700-00 NAD al giorno (circa 36 euro).

Come arrivare all’Etosha National Park

L’Etosha National Park è una destinazione perfetta per un viaggio a giugno o una vacanza a settembre. La stagione secca, infatti, è la migliore per osservare gli animali della riserva che, alla ricerca di acqua, si recano spesso presso le pozze che costellano il territorio.

Per arrivare al Parco Nazionale devi acquistare un volo con scalo per la Namibia, che ha 2 aeroporti principali: l’International Airport di Keetmanshoop e il Windhoek International Airport. Una volta arrivato è necessario proseguire via terra.

Il parco è distante circa 400 Km dalla capitale e non esistono collegamenti pubblici che possono portarti fino all’Etosha. Dovresti quindi noleggiare un’auto e imboccare la strada B1/C38 fino alla riserva.

In alternativa, puoi organizzare un tour con una guida privata locale.