Non molti lo sanno, ma esiste un’app, la sviluppata dall’Agenzia Europea dell’Ambiente, che permette ai cittadini europei di monitorare i livelli di inquinamento in città in qualsiasi momento

I dati del report Mal’aria 2024 di Legambiente parlano chiaro: le città italiane soffocano nello smog, e la Pianura Padana è decisamente la zona più inquinata. Sebbene il resto d’Europa se la cavi un po’ meglio (con qualche eccezione qua e là), l’Agenzia Europea dell’Ambiente, già nel 2021, offre ai cittadini uno strumento per controllare in qualsiasi momento la qualità dell’aria che respirano. Si tratta della European Air Quality Index app.

Come funziona la European Air Quality Index app

Questa applicazione, scaricabile per smartphone Android e iOS dai relativi store, mette in relazione i dati di più di 3500 rilevatori posizionati in vari punti d’Europa, offrendo una visione chiara e reale della condizione attuale dell’aria e dell’inquinamento.

I dati rilevati vengono rielaborati in una scala che misura la qualità dell’aria composta da sei livelli (ottimo, accettabile, mediocre, scadente, molto scadente ed estremamente scadente, oppure ‘nessun dato’ se i dati non sono disponibili).

Oggi disponibile in 24 lingue diverse, questo strumento consente di creare un profilo utente personalizzato, di rimanere sempre aggiornati grazie alle novità condivise dall’Agenzia sul proprio account X e di conoscere, nel particolare, le diverse sostanze inquinanti presenti nell’aria. Le stazioni di monitoraggio infatti riescono a calcolare minuziosamente sia il particolato (PM10) che il particolato fine (PM2.5), ma anche l’ozono (O3), il biossido di azoto (NO2) e il biossido di zolfo (SO2).

I dati provenienti dal monitoraggio della qualità dell’aria sono costantemente aggiornati, ma gli utenti possono anche esaminare i dati relativi a giorni, settimane e anni precedenti. È possibile anche confrontare stazioni diverse e individuare i momenti in cui è prevista la massima qualità dell’aria.

European Air Quality Index app: non solo dati, anche consigli

Oltre ai dati, la European Air Quality Index app include anche consigli sulla salute con particolare attenzione alle persone sensibili alle sostanze inquinanti (come coloro con problemi respiratori o malattie cardiache). Ad esempio, quando la qualità dell’aria in una determinata città è considerata ‘mediocre’, la app non visualizza raccomandazioni per la popolazione generale ma solo per le persone sensibili, consigliando di limitare le attività intense all’aperto se si manifestano sintomi.

Cos’è l’Agenzia Europea dell’Ambiente

L’European Air Quality Index è un’iniziativa dell’Agenzia Europea dell’Ambiente (European Environment Agency), un organo dell’Unione Europea incaricato di fornire informazioni accurate e imparziali sullo stato dell’ambiente nelle città europee.

L’Agenzia conta 32 Paesi membri. Ai 27 membri dell’UE si aggiungo Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera e Turchia, e 6 Paesi cooperanti (Albania, Bosnia Erzegovina, Kosovo, Macedonia del Nord, Montenegro e Serbia).

Il suo obiettivo è informare il pubblico e sostenere coloro che partecipano allo sviluppo, all’attuazione e alla valutazione delle politiche ambientali. Del resto, l’Unione Europea si è data grandi obiettivi in termini di controllo dell’inquinamento e del cambiamento climatico: dalla decarbonizzazione all’azzeramento delle emissioni, dallo stop alle auto a motore termico a favore dei veicoli elettrici, fino al potenziamento delle fonti di energia rinnovabile. Dotare i cittadini di uno strumento come la European Air Quality Index app si inserisce perfettamente in questo contesto, poiché permette ai singoli di prendere maggiore consapevolezza di come le proprie scelte, soprattutto in termini di mobilità, possono influenzare la qualità dell’aria e, in ultima analisi, la salute di tutti.