State pensando di trasferirvi all’estero e non sapete decidere quale sia la destinazione migliore in termini di qualità della vita e di servizi? Prima di prenotare un volo, scoprite l’opinione degli Expat!

Chi meglio degli Expat, ovvero coloro che vivono temporaneamente o permanentemente in un Paese diverso da quello da cui provengono, può dirvi se vale davvero la pena trasferirvi oltrefrontiera?

Ogni anno, InterNations, comunità globale che raccoglie persone che vivono e lavorano all’estero, realizza un sondaggio, Expat Insider, che può essere davvero utile nel momento in cui si prende in considerazione un trasferimento internazionale.

Per l’ultima edizione del sondaggio, l’organizzazione ha intervistato più di 12.000 espatriati, chiedendo la loro opinione su vari aspetti della loro esperienza, dalla facilità di stabilirsi nel paese scelto alle opportunità di lavoro e svago. Il sondaggio ha toccato ben 49 città in tutto il mondo.

Il risultato è una classifica basata su un indice, l’Expat Essentials, che tiene conto anche di altri aspetti, tra cui la disponibilità di servizi digitali, le questioni burocratiche, la presenza di alloggi e gli ostacoli linguistici.

Top ten delle destinazioni per gli Expat nel 2023: vince la Spagna

In cima alla classifica delle migliori città d’Europa e del mondo per gli Expat nel 2023 c’è Malaga.

Secondo i partecipanti al sondaggio, la città spagnola è la più accogliente al mondo, con quasi il 90% degli intervistati che afferma che i locali sono particolarmente calorosi nei confronti degli stranieri. Sarà forse per questo, ma si è posizionata al secondo posto a livello globale anche per quanto riguarda la possibilità di fare amicizia e la qualità della vita.

In più, Malaga ha conquistato il primo posto per il clima e le condizioni meteorologiche favorevoli, mentre l’ambiente naturale è valutato all’ottavo posto. La città è anche tra le prime dieci per i viaggi e i trasporti.

Tuttavia, Malaga occupa la 41ª posizione per quanto riguarda il mercato del lavoro locale, anche se si distingue positivamente per quanto riguarda l’equilibrio tra lavoro e vita privata, ottenendo il primo posto nella categoria.

Infine, a Malaga non mancano alloggi. Al contrario sono facilmente reperibili e accessibili.

Nel complesso, la città è stata votata come una destinazione ideale per gli Expat con un budget limitato, occupando il primo posto nell’indice di finanza personale e primeggiando nella lista dei costi generali della vita.

Le altre città spagnole tra luci e ombre

Al secondo e al terzo posto della classifica globale di InterNations troviamo altre due città della Spagna, Alicante e Valencia, mentre Madrid occupa il sesto posto.

Alicante è particolarmente apprezzata per la facilità di insediamento, la cultura e la vita sociale, anche se presenta diverse difficoltà dal punto di vista lavorativo.

Valencia, invece, eccelle per l’assistenza sanitaria, lo sport e gli spostamenti, ma anche in questa città le opportunità di lavoro lasciano a desiderare, soprattutto in termini di sicurezza e possibilità di carriera.

Madrid, infine, risulta ottima per i servizi digitali. Tuttavia, più della metà degli Expat intervistati sostiene che vivere nella capitale spagnola senza conoscere la lingua rappresenti una sfida. In più, la sicurezza del lavoro e la situazione economica locale risultano insoddisfacenti.

Che opinione hanno gli Expat dell’Italia?

Sfortunatamente, le città italiane – Roma e Milano – si collocano in fondo alla classifica, insieme alle grandi capitali europee (Parigi, Londra, Berlino e Dublino).

Roma occupa il penultimo posto. Apprezzata per il meteo e per la vivace cultura, la Capitale offre pessime opportunità lavorative agli Expat, che si sentono generalmente sottopagati e insoddisfatti del loro impiego e della loro situazione finanziaria. In più, il sistema dei trasporti pubblici lascia a desiderare.

Milano occupa l’ultimo posto in classifica. A danneggiare l’opinione degli Expat sono le difficoltà burocratiche, la mancanza di alloggi, gli ostacoli linguistici, il lavoro e la sicurezza personale. Inoltre, più della metà degli intervistati ha criticato la qualità dell’aria. Un lato positivo? Gli Expat apprezzano le possibilità di svago della città meneghina.