Scopriamo tradizioni e origini della Festa della Mamma, un evento globale che travalica i confini e attraversa le culture. Ecco come si celebra nei diversi Paesi del mondo. 

La Festa della Mamma è un’occasione speciale per celebrare universalmente la madre come figura cardine della famiglia e della società moderna. Dagli antichi rituali in onore della fertilità ai festeggiamenti più moderni- e commerciali- scopriamo come celebrare degnamente questa giornata speciale.

Le origini della Festa della mamma

La Festa della Mamma ha origini antiche, risalenti alle tradizioni greche e romane. In queste culture si celebravano le dee madri come simboli di fertilità. I Greci onoravano Rea, madre di tutti gli dei.

I Romani invece avevano istituzionalizzato un doppio appuntamento nel mese di marzo: il 1° marzo si celebravano le Matronalia, ricchi festeggiamenti dedicati alle onorevoli matrone romane. Il 25 marzo invece era la volta delle Hilaria: festività di primavera in onore della dea Cibele.

Con la diffusione del Cristianesimo gli antichi rituali pagani lasciarono il posto alla venerazione di Maria, Madre di Dio (Theotokos). A partire dal Concilio di Efeso del 431 questa concezione della sacralità della madre si diffuse nel Medioevo e nel Rinascimento.

La Festa della Mamma in età moderna: ecco chi l’ha inventata

La Festa della Mamma così come la conosciamo oggi fu ideata da Anna Jarvis negli Stati Uniti. Quando sua madre scomparì nel 1905 Anna si attivò affinché la sua vita e il suo esempio non fossero dimenticati: sua madre era stata infatti un’attivista pacifista.

Il suo impegno fu ricompensato: dopo il successo delle celebrazioni per la Festa della Mamma in Virginia nel 1908, il presidente statunitense Woodrow Wilson la trasformò in una festa nazionale. Che sarebbe stata celebrata- così come accade anche oggi- la seconda domenica del mese di maggio.

La Festa della Mamma in Italia: origini, storia e tradizioni

La Festa della Mamma approdò in Italia durante il regime fascista. Precisamente nel 1933, quando fu istituita la “Giornata della madre e del fanciullo” il 24 dicembre. Questa celebrazione aveva scopi propagandistici legati alla politica della natalità del fascismo, che premiava le madri più prolifiche.

Dopo la Liberazione e la fine della Seconda Guerra Mondiale, la festa perse il suo carattere propagandistico e cominciò a essere celebrata per il suo valore intrinseco, riconoscendo l’importanza e il sacrificio delle madri italiane. A partire dalla fine degli anni ’50 anche nel nostro Paese la festa si celebra la seconda domenica di maggio.

Un momento ideale per partecipare a qualche evento speciale insieme alla propria mamma o per pianificare una bella gita di primavera. Un piccolo suggerimento, tra gli altri: domenica l’ingresso al Museo Egizio di Torino sarà gratuito per tutte le mamme con i loro bambini.

Le celebrazioni della Festa della Mamma nel mondo

La Festa della Mamma è una celebrazione globale che assume forme diverse a seconda delle culture e delle tradizioni locali. Questo giorno speciale si festeggia in una miriade di modi differenti. Ogni Paese aggiunge il proprio tocco unico, arricchendo così il mosaico di questa tradizione universale. Chi desidera andare alla scoperta di queste celebrazioni in giro per il mondo, può affidarsi ai servizi di mobilità che consentono di viaggiare in tutta sicurezza.

Stati Uniti

Negli Stati Uniti, come abbiamo anticipato, la Festa della Mamma viene celebrata la seconda domenica di maggio. Tipicamente i figli regalano fiori e biglietti e spesso organizzano un brunch o una colazione speciale in onore delle loro madri.

Regno Unito

Nel Regno Unito la festa è conosciuta come “Mothering Sunday” e si celebra la quarta domenica di Quaresima. Questo giorno era storicamente un’occasione per visitare la propria chiesa madre; ma oggi molti approfittano per riunirsi con le proprie famiglie. È tradizione regalare alla mamma la “Simnel Cake“, una torta alla frutta.

Messico e America Latina

In Messico, così come in El Salvador, Guatemala e altri Paesi latinoamericani, la Festa della Mamma si celebra il 10 maggio indipendentemente dal giorno della settimana in cui cade. La giornata è segnata da messe, canti e pasti in famiglia, spesso con i figli che svolgono compiti domestici.

Thailandia

In Thailandia la Festa della Mamma coincide con il compleanno della Regina Sirikit, il 12 agosto. È un giorno festivo nazionale caratterizzato da cerimonie pubbliche e parate, oltre che da atti di beneficenza e merito, riflettendo il profondo rispetto verso la figura materna.

Indonesia

In Indonesia la Festa della Mamma cade il 22 dicembre: data che commemora il primo Congresso delle donne indonesiane del 1928. È un giorno per celebrare sia le madri che il contributo delle donne nella società, spesso accompagnato da eventi educativi e culturali.

Spagna e Portogallo

In Spagna e in Portogallo la Festa della Mamma assume una connotazione decisamente più religiosa. Coincide infatti con la festa dell’Immacolata Concezione dell’8 dicembre, legando i festeggiamenti alla venerazione della Vergine Maria.

Australia e Canada

Seguendo la tradizione statunitense, anche in Australia e Canada  si festeggia la seconda domenica di maggio con regali e attività che includono pranzi e gite di primavera all’aria aperta.

Etiopia

In Etiopia la Festa della Mamma coincide con la “Antrosht“, che si celebra al termine della stagione delle piogge in pieno autunno. Di solito la tradizione vuole che le figlie preparino piatti speciali per celebrare le proprie madri durante pasti da consumare rigorosamente in famiglia.

Russia

Pur non celebrando la Festa della Mamma in maniera tradizionale, la Russia osserva la “Giornata Internazionale della Donna” l’8 marzo. Un giorno che festeggia indistintamente donne e madri, evidenziandone l’importanza nella società contemporanea.