Dal 3 al 5 febbraio- data dei festeggiamenti ufficiali in onore della santa patrona di Catania- la città sicula celebra uno degli eventi più attesi: la Festa di Sant’Agata. Ecco tutte le informazioni per partecipare a un appuntamento dal sapore religioso e spettacolare. 

Mancano pochi giorni, ormai, alle celebrazioni in programma in occasione della Festa di Sant’Agata. E Catania già si popola di devoti e visitatori internazionali. A pochi passi dai borghi più belli della Sicilia, alle pendici dell’Etna– che si staglia magnifica negli orizzonti dei panorami catanesi- sta per iniziare uno degli eventi più partecipati e sentiti dell’anno.

Dal 3 al 5 febbraio prossimi la Festa di Sant’Agata offrirà momenti liturgici per i credenti ed eventi culturali e folkloristici. Ecco il programma dettagliato.

Alle origini della Festa di Sant’Agata: come nasce una tradizione

Sant’Agata è una martire cristiana del III secolo. La leggenda narra dei tormenti patiti da questa giovane fanciulla, rea di aver rifiutato le avances di un ricco e malvagio proconsole locale. Nel tempo, la santa ha acquisito notevole importanza per Catania. È convinzione diffusa, infatti, che Sant’Agata protegga la città da tutti gli eventi calamitosi, eruzioni dell’Etna comprese.

La Festa di Sant’Agata, dunque, è particolarmente sentita e partecipata dalla comunità locale. Le celebrazioni iniziano tradizionalmente il 3 febbraio, noto come il giorno della Candelora. In questa occasione, la statua della santa viene portata in processione per le vie della città.

Il 4 febbraio, invece, l’effige della patrona di Catania viene issata sulla “vara”– una bara d’argento- e trasportata da centinaia di devoti, ribattezzati i “cittadini ceraioli”. Tra canti, preghiere e spettacoli pirotecnici, questa straordinaria processione attraversa Porta Uzeda nel momento culminante della festa. Il 5 febbraio, infine, la Festa di sant’Agata si conclude con la “Discesa”. Con la “vara” d’argento della santa che fa ritorno nella Cattedrale di Catania.

Riti e tradizioni: chi sono le “candelore”

Una delle tradizioni più radicate è sicuramente quella delle “candelore”. Durante le celebrazioni in occasione della Festa di Sant’Agata, infatti, alcuni gruppi di devoti trasportano sulle spalle enormi candele di cera colorata. Oppure, opere d’arte e sculture che rappresentano immagini iconografiche della patrona di Catania.

Al di là dell’aspetto prettamente mistico, tuttavia, le “candelore” sono rappresentative dei quartieri cittadini. E sono oggetto di un’aspra competizione che, al culmine dei festeggiamenti, stabilisce di anno in anno quale sia la più bella.

Festa di Sant’Agata 2024: ecco il programma dettagliato

La Festa di Sant’Agata è certamente un momento religioso di fondamentale rilievo per la città di Catania. Non mancano, tuttavia, i momenti dedicati alla promozione della cultura e del turismo sostenibile. Ecco i principali eventi in programma quest’anno:

  • Concerto in onore di Sant’Agata: il 3 febbraio alle ore 21.00 l’Orchestra del Conservatorio Vincenzo Bellini in collaborazione con il Coro Lirico Siciliano si esibirà in Piazza Duomo in un concerto in onore della patrona;
  • Tour Agatino: in programma nelle date del 3 e 4 febbraio, il tour prevede una passeggiata nel centro storico di Catania alla scoperta dei luoghi più significativi. Questa visita guidata eccezionale, a cura di Maria Grazia Attanasi e Gian Luca Marino si diramerà attraverso percorsi misteriosi, da vivere all’insegna del turismo esperienziale. La partenza è prevista in Piazza Stesicoro;
  • “Agata bambina, infanzia di una Santa”: lo spettacolo, realizzato da Letizia Catarraso e Filippo Aricò, andrà in scena presso il Teatro Zig Zag di Catania sabato 3 febbraio alle 18.00 e, in replica, domenica 4 febbraio alle ore 11.00 e alle 18.00;
  • Palazzotto Biscari: a partire dalle ore 9.00 e fino alle 16.00 del 5 febbraio, Palazzotto Biscari sarà sede di una serie di eventi pensati per celebrare Sant’Agata.

Per tenervi sempre aggiornati su eventi e orari, vi invitiamo a consultare il sito ufficiale del Comune di Catania.

Come raggiungere Catania

Raggiungere Catania in occasione della Festa di Sant’Agata avete a disposizione una serie di opzioni. Se preferite viaggiare in aereo– utilizzando i servizi per prenotare il vostro volo tramite app– vi segnaliamo che lo scalo aeroportuale più prossimo alla vostra destinazione è quello di Catania Fontanarossa. Da qui, potrete raggiungere il centro anche utilizzando un’auto a noleggio.

Se preferite invece viaggiare in treno, la stazione Centrale di Catania dista soli 15 minuti a piedi dal centro cittadino. Per spostarvi rapidamente, potreste pertanto utilizzare anche i mezzi di micromobilità elettrica.

Infine, se avete in programma di raggiungere Catania in auto, dovrete percorrere l’Autostrada A18 da Messina o, in alternativa, l’Autostrada A19 da Palermo.