Ogni anno a Milano la Festa di Sant’Ambrogio, patrono cittadino, dà il via ufficiale alle festività natalizie e rappresenta per cittadini e turisti l’occasione per vivere a pieno i tanti eventi organizzati durante il Ponte dell’Immacolata (8 dicembre). Per organizzare al meglio la visita scopri quali sono i principali appuntamenti in programma.

A Milano il Natale inizia oggi, con la Festa di Sant’Ambrogio che regala ai milanesi un giorno di vacanza, oppure – come quest’anno – la possibilità di godere di un lungo, doppio ‘Ponte’ (Patrono e Immacolata). Chi resta in città, o chi arriva come turista, non avrà tempo per annoiarsi.

Cosa fare a Milano per la Festa di Sant’Ambrogio e come muoversi in città

Come da tradizione, il 7 dicembre, da ormai 70 anni, coincide con la Prima del Teatro alla Scala, che quest’anno prevede la rappresentazione del “Don Carlo” di Verdi, diretto da Riccardo Chailly e la proiezione diffusa dello spettacolo in vari luoghi della città, dal centro ai quartieri di periferia.

Per scoprire Milano con i bambini, occasione di divertimento saranno la caccia all’albero di Natale preferito, primo tra tutti il coreografico abete in Piazza Duomo dedicato ai Giochi Olimpici Milano Cortina 2026, e i villaggi di Babbo Natale di Porta Venezia, MiCo e Carroponte. Per i più grandi, invece, il Portanuova Pop Christmas è un evento che permette di vivere la tradizione, in modo innovativo e immersivo.

Senza dimenticare che il Ponte di Sant’Ambrogio segna anche l’inizio della stagione sciistica e l’occasione per saggiare la prima neve sugli impianti vicino Milano.

Prima di entrare nel dettaglio, qualche consiglio pratico rivolto a chi si reca in città durante il Ponte: verificare i divieti e le regole della ZTL Milano; usare i mezzi pubblici per gli spostamenti tra le diverse location; o in alternativa scegliere uno dei servizi di micromobilità urbana, come il monopattino elettrico o il bike sharing.

Origini della Festa di Sant’Ambrogio e tradizioni

Le origini di Sant’Ambrogio sono a Treviri, in Germania, da dove si sposta a Roma per studiare e diventare avvocato e poi pretore. Il suo legame con Milano inizia nel 370 d.C. quando diventa governatore delle zone corrispondenti all’attuale Emilia e Liguria e sceglie Milano come sua dimora.

Apprezzato per le sue qualità oratorie, messe a frutto durante le dispute tra cattolici e ariani, viene acclamato dal popolo al grido di: “Ambrogio vescovo!”. Dopo l’iniziale rifiuto della carica, accetta l’investitura sotto la pressione dell’imperatore Flavio Valentiniano e viene nominato ufficialmente vescovo il 7 dicembre dell’anno 374 d.C.

Al capoluogo lombardo si lega una delle leggende più famose che lo riguardano, che racconta di quando Satana provò a trafiggerlo con le sue corna e rimase incastrato in una delle colonne della basilica poi dedicata proprio a Sant’Ambrogio. Ancora oggi si dice che ci siano due buchi dai quali fuoriesce odore di zolfo!

Leggende a parte, la sua festa è per la città di Milano l’occasione per riscoprire antiche tradizioni, tra le quali spicca la Fiera degli Oh Bej! Oh Bej!, in Piazza Castello, dove si degustano le specialità gastronomiche natalizie e dove si acquistano addobbi per la casa e per l’albero di Natale. Le bancarelle sono aperte da oggi, 7 dicembre, fino al 10 dicembre, con orario 8.30-21 e ingresso libero.

Ponte Sant’Ambrogio: gli appuntamenti imperdibili

Riepiloghiamo per comodità le principali categorie di eventi da segnare in agenda per vivere la Festa di Sant’Ambrogio e scoprire Milano come un local:

  • Natale degli alberi: mai così tanti in città gli abeti che con luci e addobbi si trasformano in autentiche installazioni. Il più tradizionale è senza dubbio quello in piazza Duomo, ma anche le maison di moda partecipano con allestimenti innovativi, come quello di Gucci nella Galleria Vittorio Emanuele II;
  • Prima diffusa: una tradizione che rende Milano celebre nel mondo, la Prima al Teatro della Scala, sarà aperta al grande pubblico, trasformando un’occasione mondana in un momento di condivisione. Grazie all’iniziativa che coinvolge 35 spazi nei quali l’evento è trasmesso in diretta. Tra questi anche le carceri di Beccaria e San Vittore, l’Ospedale Niguarda, Malpensa e la Galleria Vittorio Emanuele II;
  • Fiere, mercati e villaggi di Natale: alla Fiera di Rho, la mostra dell’artigianato, fino a domenica 10, propone oggettistica fatta a mano in rappresentanza del Made in Italy e del saper fare di molti Paesi del Mondo. Mentre in Piazza Duomo sono 78 le casette di legno dell’annuale Mercatino di Natale di Milano, aperte fino al 6 gennaio 2024. Tra i villaggi di Babbo Natale, da segnalare quello al Carroponte di Sesto San esteso su più di 25.000 mq;
  • Piste di pattinaggio sul ghiaccio: apre oggi alle 17.30 la Plenitude SenStation On Ice, in Piazza Duca d’Aosta, la più grande della città, con un percorso di 1.500 mq (ingresso gratuito, si paga l’eventuale noleggio dei pattini). Altre piste di pattinaggio sono allestite ai villaggi di Natale di “A Christmas Magic” al MiCo e al “Villaggio delle Meraviglie” ai Giardini Montanelli.