Castelluccio di Norcia è protagonista di una delle più belle e spettacolari fioriture del nostro Paese. Le pendici di questo splendido borgo in Umbria si trasformano con lo sbocciare di migliaia di lenticchie, papaveri, fiordalisi e altre specie di fiori selvatici. Scopriamo qual è il periodo perfetto per ammirarli e come arrivare in tempo per godersi questa fioritura.

Ogni anno, con l’arrivo della primavera, le pendici che circondano il piccolo borgo umbro di Castelluccio di Norcia iniziano a trasformarsi in un incredibile mosaico di colori grazie alla fioritura di lenticchie, papaveri, senape selvatica, fiordalisi e tantissime altre varietà di fiori. Per ammirare questa meravigliosa distesa floreale il periodo migliore è solitamente quello che va dalla fine di maggio fino ai primi giorni di luglio; anche se molto dipende dal meteo e dalle condizioni climatiche del momento.

In questa guida scopriremo come organizzarsi al meglio per la fioritura primaverile di quest’anno, offrendo qualche dettaglio in più sul momento migliore per visitare Castelluccio di Norcia e sul come raggiungere i suoi magnifici campi fioriti.

Fioritura a Castelluccio di Norcia: dove e come ammirarla

Il Pian Grande e il Pian Perduto, nei pressi di Norcia, sono i luoghi principali dove ammirare questo incredibile fenomeno naturale. Ogni anno, da maggio a luglio, migliaia di fiori sbocciano spontaneamente creando un tappeto floreale dalle tonalità che variano dal giallo al rosso, fino al viola.

Tra la varietà floreali che sbocciano in questo periodo ci sono le lenticchie, i papaveri, le genzianelle, i narcisi, le violette, gli asfodeli, i trifogli e molte altre specie.

L’altopiano ai piedi del Monte Vettore si trasforma così in un’esplosione di colori durante la “Fiorita”, dal nome che viene dato a questo spettacolare evento naturale. Per vivere appieno questo spettacolo è però consigliabile evitare i fine settimana per via del gran numero di turisti e visitatori attratti da questo panorama spettacolare. In alternativa è possibile assistervi anche “da remoto” attraverso la webcam installata nella zona.

Qual è il periodo migliore per assistere alla fioritura?

Il periodo più indicato per organizzare una piccola vacanza a Castelluccio di Norcia va da fine maggio a inizio luglio. Dal mese di maggio la natura inizia a risvegliarsi, con i campi che si tingono del giallo e dell’ocra della senape selvatica.

Con il passare delle settimane iniziano far capolino i papaveri, i narcisi e altre varietà; il tripudio di colori culmina a luglio, in piena estate, con le tinte violette dei fiordalisi.

Il periodo di massima fioritura varia però molto in base al clima: non è quindi possibile determinare una data precisa. Nel periodo di maggio è comunque possibile osservare il suggestivo tappeto color oro che ricopre l’intera vallata, trasformandola in un paesaggio davvero da cartolina.

Castelluccio di Norcia: come arrivare e dove parcheggiare

Castelluccio di Norcia è una frazione del comune di Norcia, in provincia di Perugia, sita all’interno del Parco Nazionale dei Monti Sibillini.

Il modo migliore per raggiungere questo piccolo borgo è viaggiando in auto: dista circa 30 km da Norcia e, seguendo la Strada Provinciale 477, il viaggio dura circa 40 minuti. La strada era stata chiusa dopo il terremoto del 30 giugno 2016, ma è stata successivamente riaperta e ora è nuovamente percorribile.

Arrivati a Castelluccio di Norcia è consigliabile evitare di parcheggiare nel centro del paese. Ci sono infatti dei parcheggi riservati– da prenotare in anticipo per chi viaggia nei weekend tra maggio e luglio- a chi desidera assistere alla fioritura. Inoltre, nei fine settimana è disponibile un servizio navetta che collega le aree di parcheggio con la Piana, facilitando l’accesso al luogo della fioritura.

Per chi parte da più lontano, lo scalo aereo più vicino a Castelluccio di Norcia è l‘Aeroporto di Perugia, a circa 100 km da Norcia. Una volta atterrati si consiglia di noleggiare un’auto per potersi spostare più facilmente.