Incastonato tra due parchi, alle pendici dell’Appennino Tosco-Emiliano, Fivizzano è un Comune toscano della Lunigiana, terra storica e misteriosa che accoglie al suo interno le influenze paesaggistiche e culturali di 3 Regioni. Scopri la bellezza di questo borgo romantico e tranquillo, che ti farà dimenticare le preoccupazioni e lo stress della quotidianità.

Chi sta programmando un itinerario lungo i borghi più belli della Toscana, non può lasciarsi sfuggire l’affascinante paese di Fivizzano.

Posto a 326 metri sul livello del mare, questo Comune in provincia di Massa Carrara è un vero e proprio balcone panoramico che consente di ammirare in tutta la sua bellezza un paesaggio vario, che accoglie parte del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano e del Parco Naturale Regionale delle Alpi Apuane.

Meta ideale per una vacanza in famiglia, Fivizzano ha una storia antica e diversi punti d’interesse artistici e architettonici che meritano una visita.

Fivizzano, il bel cantuccio di Firenze che ha affascinato i Medici

Nonostante la sua lontananza dalla città considerata culla del Rinascimento, Fivizzano ha ricevuto dai Medici il nomignolo di “bel cantuccio di Firenze“, probabilmente per il prezioso centro storico e per la piazza Medicea, che ancora oggi attira tanti turisti.

La storia del borgo è piuttosto antica e risale all’epoca romana. Le prime fonti documentali, però, sono medievali e mostrano il succedersi di dominazioni, dai Bosi ai Malaspina, e la presenza di un centro abitato e di un castello edificato, probabilmente, attorno al 1044.

Nel 1477 il paese divenne sede di Capitanato, passando sotto l’influenza diretta di Firenze. Un assedio da parte dell’esercito di Carlo VIII portò alla costruzione di una cinta muraria, i cui resti sono ancora oggi visibili.

Sede del Governatore della Lunigiana nel corso del ‘600 e poi, nei decenni successivi, parte prima del Granducato di Toscana e poi del Ducato estense di Modena, nel 1848 ottenne anche il titolo di Città Nobile da parte del Granduca Leopoldo II di Toscana.

La posizione strategica e il succedersi di dominazioni hanno reso questo piccolo borgo un vero tesoro artistico e storico, che preserva nel tempo memorie architettoniche e documentali che si possono ammirare e studiare.

Cosa vedere a Fivizzano?

Fivizzano può essere una tappa ideale per coloro che vogliono vivere una vacanza esperienziale o per chi sta percorrendo un itinerario a piedi, come ad esempio la Via Francigena in Toscana.

Il borgo accoglie alcuni punti d’interesse affascinanti e con una storia da raccontare, nascosti tra le vie e le case del centro storico.

La Piazza Medicea, un gioiello fiorentino che lascia a bocca aperta

La piccola Firenze della Lunigiana era chiamata così per la raffinatezza dei suoi palazzi nobiliari.

Sfortunatamente, il terremoto del 1920 ha privato il centro storico di parte della sua bellezza. Unico ricordo del periodo d’oro di Fivizzano è la splendida Piazza Vittorio Emanuele II, meglio conosciuta come Piazza Medicea.

Circondata da edifici eleganti, tra cui l’Oratorio di San Carlo e il Palazzo Coiari, al suo centro ospita una fontana seicentesca in stile fiorentino, realizzata secondo desiderio di Cosimo  III de’Medici.

Il Museo della Stampa a Fivizzano, che racconta il legame tra la città e la parola scritta

Sito all’interno del Palazzo Fantoni-Bononi, edificio nobile che si affaccia sulla Piazza Medicea, il Museo della Stampa è stato allestito per mostrare il legame tra la Lunigiana e la parola scritta.

Suddiviso in 3 sezioni, accoglie fonti e reperti che raccontano il contributo di Fivizzano allo sviluppo di strumenti per la scrittura.

Ad esempio, il visitatore che attraversa il percorso museale potrà scoprire che proprio in questo borgo è stata progettata dal conte Fantoni la prima macchina da scrivere, nel 1802.

Il museo informa che, sempre in questo periodo, un grande amico di Fantoni, Turri, brevettò la carta carbone come regalo per la sorella del conte, Carolina Fantoni da Fivizzano. Per quanto riguarda l’attribuzione del primato per l’invenzione della “carta nera”, il dibattito è ancora acceso tra Turri e il britannico Wedgwood.

Da menzionare, infine, l’area dedicata alla località Parana, dove nacque il famoso editore Maucci.

Il Complesso degli Agostiniani preserva la memoria della città e la racconta al mondo

Per secoli punto focale della vita religiosa di Fivizzano, il Complesso ex Convento degli Agostiniani fu costruito nel 1392 per desiderio di Nicolò Malaspina.

I visitatori, una volta entrati, avranno modo di ammirare la Biblioteca Civica, con circa 30.000 libri, tra volumi del XV secolo e incunaboli, il Meteo-Museo di Edmondo Bernacca, un curioso spazio che mostra gli strumenti appartenuti al celebre metorologo di Fivizzano, il colonnello Bernacca, e il Museo di Arte Sacra.

Al termine della visita, si potrà fare una pausa presso l’antico chiostro, un luogo di pace e silenzio valorizzato da affreschi che raccontano la vita di Sant’Agostino.

Una gita al castello di Verrucola, a pochi passi da Fivizzano

Un’ultima tappa imperdibile nei dintorni di Fivizzano è da fare al castello di Verrucola. Situato nell’omonimo borgo medievale, frazione del Comune di Fivizzano e a circa 2 Km di distanza dal centro, è stato eretto in una posizione strategica, tra il torrente Mommio e il Collegnago.

L’edificio presenta torri e mura difensive, e al suo fianco accoglie la Chiesa di Santa Margherita, costruita successivamente.

Ristrutturato alla fine del ‘900, quello di Verrucola è uno splendido esempio di architettura medievale ed è considerato uno dei più bei castelli del territorio.

Come arrivare a Fivizzano?

Chi vuole viaggiare in treno, può arrivare nel paese della Lunigiana salendo su un mezzo della linea Pontremolese, una tratta che può essere considerata panoramica e che consente di ammirare il meraviglioso paesaggio.

Per raggiungere Fivizzano in auto, puoi percorrere l’A1 fino a Parma. Da qui, bisogna entrare nell’A15 Parma – La Spezia e uscire al casello di Aulla, il più vicino al borgo, e seguire le indicazioni. Per rendere il tragitto più comodo, usufruisci di un servizio carburante in app.

Infine, non dimenticare di rendere più sicuro il tuo viaggio verso Fivizzano con utili accessori auto da portare sempre con te.