In un periodo dell’anno che celebra la Giornata Internazionale delle Foreste, può essere un’idea fare un viaggio attraverso i boschi più belli del mondo, luoghi incantevoli e incontaminati che ricoprono un ruolo fondamentale per il benessere del pianeta.

Le smart city del futuro vogliono rendere la vegetazione una parte integrante della propria struttura poiché la natura fa respirare meglio e fa bene al corpo e alla mente. Dalle tiny forest ai giardini galleggianti, le soluzioni che desiderano far interagire città e verde in maniera armoniosa non sono poche.

Vi sono poi le foreste. Situate lontane o vicine ai centri urbani, esse sono i polmoni verdi del mondo, degli elementi fondamentali per la vita che è necessario preservare.

Habitat dalle molteplici sfaccettature, negli ultimi anni sono diventate meta di un turismo sostenibile, che si stupisce di fronte alla meraviglia della natura e, allo stesso tempo, ne rispetta le caratteristiche.

Quali sono le foreste più belle del mondo?

Stai organizzando una vacanza per Pasqua e cerchi delle destinazioni con paesaggi da cartolina? Seguire un itinerario lungo le foreste più belle del mondo può essere un’ottima idea per scoprire la bellezza unica della natura.
Grazie all’impegno per proteggere il verde, oggi è possibile visitare molte riserve naturali che conservano luoghi incontaminati, capaci di accogliere una fauna e una flora ricche e, purtroppo, talvolta a rischio estinzione.
Scopri le foreste più affascinanti del mondo e fatti conquistare dai panorami suggestivi che possono offrirti.

La Foresta Nera, il luogo magico e incontaminato che ha ispirato i fratelli Grimm

Chiamata Schwarzwald dai tedeschi, la Foresta Nera è un territorio nel sud ovest della Germania che accoglie 2 parchi naturali. Nelle parti più elevate della zona crescono fitte foreste di abeti, circondate da aree collinari, vallate, pascoli e boschi.

Si tratta di un vero e proprio paradiso per gli escursionisti, che hanno modo di percorrere ben 22.000 Km di sentieri attrezzati.

Chi decide di fare una vacanza qui, non può perdersi la vista delle cascate di Triberg, le più alte del paese, la scalata al Feldberg, la montagna più alta della Foresta Nera, e una gita in barca presso i laghi Titisee e Schluchsee.

Caddo Lake, tra le foreste di cipressi più belle del mondo

Se hai appena acquistato un volo in app per il Texas, tra una visita ad Austin e un salto a Fort Alamo, non puoi mancare di visitare Caddo Lake, un’area di circa 100 Km quadrati che accoglie la più grande foresta di cipressi al mondo.

Zona molto umida per la presenza del lago, di canali e acquitrini, nel tempo è diventata un rifugio per diverse specie di uccelli acquatici, sia migratori che residenti.

Considerata una vera e propria riserva naturale, Caddo Lake presenta un panorama particolare, selvaggio e un po’ tenebroso, capace di suscitare l’ammirazione dei suoi visitatori.

La foresta dei coltelli in Madagascar, una riserva pericolosa e spettacolare

Chi ama i viaggi avventura, non può mancare di visitare lo Tsingy, la foresta dei coltelli situata in Madagascar.

Questa località molto suggestiva, e certamente pericolosa, è caratterizzata da rocce sporgenti e affilate che possono arrivare anche a un’altezza di 70 m. Ai piedi del rilievo roccioso, invece, si sviluppa una foresta tropicale sotterranea molto fitta, che copre ogni fessura e rende quest’habitat veramente unico nel suo genere.

Nonostante la difficoltà di sopravvivenza, non sono pochi gli animali che sono riusciti a stanziarsi in questa zona. Da menzionare i lemuri, i pipistrelli, i rettili e gli scorpioni.

Arashiyama, una delle foreste di bambù più belle del Giappone

Nei pressi di Kyoto, città del Giappone nota per il suo aspetto tradizionale, si trova il distretto di Arashiyama, che accoglie una spettacolare foresta di bambù che riesce a trasportare indietro nel tempo, in un luogo dove si possono sentire i suoni delle lame di antichi guerrieri e dove si può avvertire l’aroma de tè appena versato.

All’interno del Bamboo Groove è facile perdersi in sentieri fiancheggiati da alte canne di bambù di un verde brillante. La foresta è silenziosa e affascinante, e permette di immergersi appieno in una tranquillità e in una spiritualità tipicamente orientali.

La Foresta Goblin, tra alberi coperti di muschio e scorci misteriosi in un’atmosfera da brivido

Gli amanti della letteratura e del cinema fantasy non potranno non amare la Foresta dei Goblin, una zona verde della Nuova Zelanda nebbiosa e cupa, che presenta alberi ricoperti di muschio. I tronchi e i rami di queste piante, che coprono fittamente l’area forestale, fino a invadere i sentieri, sono nodosi e contorti e, a una prima occhiata, paiono quasi esseri soprannaturali usciti da qualche romanzo gotico.

L’atmosfera, però, è veramente suggestiva e permette di vivere un’esperienza nella natura originale e indimenticabile.