Il 7 luglio è una data molto importante per gli amanti del dolce per eccellenza. In questa data si celebra, infatti, la Giornata Mondiale del Cioccolato, ricorrenza che rende omaggio alla storia e alla bontà del prelibato “cibo degli dei”.

Pochi ingredienti, un sapore sublime e anche benefici per la salute: questo è il cioccolato, e i modi per festeggiarlo sono davvero molti. Dal concedersi una barretta in più, ad assaggiare un gusto ancora non scoperto, fino a regalarsi un bel viaggio o una gita tra le mete perfette per assaporare un cioccolato di alta qualità e conoscerlo più da vicino.

Storia del cioccolato

Gustato liquido già 5000 anni fa dalle civiltà precolombiane, come Maya ed Aztechi, il cioccolato approda in Europa, in forma di bevanda e in fave di cacao, nel corso del XVI secolo. Qui fu introdotto prima in Spagna, da Cristoforo Colombo, e poi diffuso negli altri paesi dall’esploratore Hernán Cortés.
La prima cioccolateria del vecchio continente risale al 1657 e fu aperta in Inghilterra. Bisognerà poi attendere il 1800 per vedere i primi prodotti di cioccolato in forma solida e gli inizi del ‘900 per l’introduzione sul mercato dei primi bon bon e cioccolatini.

Il cioccolato ai nostri giorni

Inizialmente cibo lussuoso, appannaggio solo delle famiglie più abbienti, il cioccolato diviene gradualmente un alimento più conveniente e acquistato in varie forme da molte famiglie in Italia e nel mondo. Complice anche la scoperta di numerosi benefici legati ad un suo consumo moderato e, soprattutto, alla variante fondente, con meno zuccheri e più ricca di minerali, come fosforo, potassio e altri.

Nel 2009, è divenuto il protagonista di una Giornata Mondiale ad esso dedicata, come accaduto ad altri temi rilevanti dal punto di vista alimentare, ambientale, sociale od economico.
Il World Chocolate Day ha infatti seguito le orme, ad esempio, della Giornata Mondiale degli Oceani, della Giornata Mondiale dell’Ambiente o del Giorno dedicato alla Bicicletta, giusto per citarne alcune.

La Giornata Mondiale del Cioccolato

Domani ricorreranno dunque 15 anni dalla nascita del World Chocolate Day. Si ritiene che questa data sia stata scelta per celebrare il momento esatto in cui il cacao fece il suo ingresso ufficiale sul mercato del continente europeo, ad opera di Cortés. E dal 2009, primo anno di celebrazione del Giorno del cioccolato, la data del 7 luglio è divenuta occasione di festa per rendere un tributo particolare al “cibo degli idei”. Tanti, ad esempio, i negozi, i supermercati, le pasticcerie e le gelaterie che organizzano degustazioni ed iniziative dedicate a cioccolato e cioccolatini.
Inoltre, anche se la Giornata Mondiale del Cioccolato ricorre il 7 luglio, vi sono numerosi tour, festival ed eventi a tema organizzati durante tutto l’anno.

Le mete perfette per gli amanti del cioccolato

In Italia, terra che vanta una forte presenza di maestri del cioccolato abbinata ad una lunga tradizione nella lavorazione del prelibato ingrediente, ci sono mete davvero imperdibili per scoprire e gustare il cioccolato.
Tutte da raggiungere comodamente, in macchina o con altri mezzi di trasporto, in un viaggio goloso da organizzare anche con l’ausilio di un’app di servizi per la mobilità, per rendere ancor più semplice e piacevole una gita all’insegna della dolcezza.
Ecco una selezione delle destinazioni perfette per la Giornata Mondiale del Cioccolato.

A Perugia, città del cioccolato per eccellenza

La meta italiana simbolo del cioccolato è la città di Perugia. Raggiungibile facilmente in auto da tutta Italia o anche servendosi del comodo aeroporto di “San Francesco d’Assisi”, è sede di molte cioccolaterie artigianali.
Tuttavia la città umbra è nota soprattutto per avere dato i natali alla famosissima azienda che produce i celebri cioccolatini, farciti con gianduia e nocciola, accompagnati da romantici cartigli con frasi di poeti antichi e moderni.
In città si svolge, inoltre, Eurochocolate, festival internazionale dedicato alla cultura del cioccolato. Ha luogo da ben 30 anni e coinvolge, edizione dopo edizione, milioni di visitatori provenienti non solo dall’Italia, ma da tutto il mondo.

Il cioccolato romantico di Terni

Restando in Umbria, vi è un’altra città molto importante per chi adora il cioccolato. Si tratta di Terni, località tutta da scoprire e patria del giorno più romantico dell’anno. Terni diede infatti i natali a San Valentino, ed è quindi una meta perfetta per un viaggio in occasione della festa degli innamorati.
La giornata è resa ancora più dolce da Cioccolentino, fiera dedicata al cioccolato ternano che si svolge proprio il 14 febbraio.

A Torino, nella patria del Gianduiotto

In occasione della Giornata Mondiale del Cioccolato, o anche in altri momento dell’anno, una destinazione da non perdere per chi adora cioccolata e cacao è Torino. Il capoluogo del Piemonte, annoverato anche tra le mete del gusto italiane dove mangiare i piatti tipici migliori, è la culla dei noti gianduiotti, ma anche di tartufi e cremini.
E per un’esperienza davvero local è bene non perdersi il bicerin torinese, particolare bevanda risalente al ‘700 in cui il cacao si sposa con le note dolci-amare di caffè e crema di latte.
Tra le iniziative locali vi è Cioccolatò. La kermesse del cioccolato artigianale, periodicamente organizzata in città per esaltare il goloso alimento con eventi, degustazioni, laboratori e show-cooking.

A Modica, per un cioccolato IGP

Altro punto di riferimento per l’importante tradizione dedicata all’arte del cioccolato è la città di Modica, rinomata località turistica della Sicilia, insignita anche della Bandiera Blu 2024 per la bellezza delle sue spiagge. A Modica, il cioccolato viene ancora prodotto esclusivamente con ingredienti genuini e lavorazioni tradizionali, senza aver mai aperto la strada alla produzione industriale. Motivo per cui le dolci tavolette prodotte nella città siciliana sono premiate con la denominazione IGP – Indicazione Geografica Protetta.

Tra Pisa, Pistoia e Prato, nella brulicante Chocolate Valley

In Toscana sorge un vero e proprio “distretto del cioccolato”. Tra le città di Pisa, Pistoia e Prato, e i borghi toscani che le circondano, si susseguono laboratori artigianali, aziende, cioccolaterie ed eventi, focalizzati sulla produzione e sulla promozione del dolce alimento.
Qui nascono cioccolatini, creme, barrette e praline di ogni tipo, che deliziano il palato con gusti tradizionali e proposte sempre nuove.