Oggi si celebra la Giornata Mondiale della Bicicletta, ricorrenza istituita nel 2018 per promuovere l’uso della bicicletta al posto delle auto. L’obiettivo è incentivare la mobilità sostenibile e ridurre le emissioni di CO2, proteggendo così sia l’ambiente che la salute dei cittadini. Scopriamo tutte le iniziative che offrono bonus e agevolazioni a chi sceglie di spostarsi in bici.

Oggi si festeggia la Giornata Mondiale della Bicicletta, uno strumento che è diventato simbolo di mobilità sostenibile e lotta ai cambiamenti climatici. Mezzo di trasporto storico nato nell’Ottocento, oggi la bicicletta viene promossa come mezzo alternativo alle automobili, contrastando traffico e inquinamento nelle grandi città.

Sono tantissime le promozioni e i bonus disponibili per chi decide di abbandonare l’auto in favore della bicicletta. Scopriamo quali sono e cosa offrono!

Noleggiare una e-bike nelle principali città italiane:
leggi le guide di Moveo


Giornata Mondiale della Bicicletta 2024: tutti gli incentivi per chi pedala

Per incoraggiare l’uso della bici al posto dell’auto per tutti gli spostamenti quotidiani, diversi Comuni italiani hanno introdotto numerosi bonus e incentivi dedicati alle due ruote. Come già anticipato, l’obiettivo è quello di ridurre emissioni e traffico, specialmente nei grandi centri urbani.

Ecco alcune delle iniziative più interessanti.

“Pedala, Firenze ti Premia!”

A Firenze, l’iniziativa “Pedala, Firenze ti premia” introduce numerosi incentivi per incoraggiare l’uso della bicicletta. Il progetto offre un bonus di 20 centesimi per ogni chilometro percorso a chi abbandona l’auto per i tragitti casa-scuola e casa-lavoro. Per tutti gli altri percorsi, il bonus è invece di 5 centesimi per chilometro, con un limite massimo di 2 euro al giorno e 30 euro al mese.

E chi già utilizza la bici per i propri spostamenti? In questo caso, il bonus è di 15 centesimi per chilometro per i tragitti casa-lavoro e casa-scuola, più 5 centesimi per altri percorsi, con un limite di 1,20 euro al giorno e 30 euro al mese. I premi accumulati vengono di volta in volta accreditati tramite bonifico sul conto corrente.

“Bike to Work” a Modena

Anche Modena ha introdotto il progetto “Bike to work” per  ridurre l’uso dell’auto e promuovere mezzi di trasporti più sostenibili. L’iniziativa modenese è indirizzata ai lavoratori che si spostano in bicicletta o monopattino elettrico per andare a lavoro.

I “bonus mobilità” includono 20 centesimi per chilometro per il tragitto casa-lavoro fino al 30 settembre 2024 o fino all’esaurimento dei fondi, come indicato sul sito del Comune.

I beneficiari dell’iniziativa sono:

  • Lavoratori maggiorenni che vivono o lavorano a Modena;
  • Lavoratori maggiorenni che vivono a Modena e lavorano in altri comuni;
  • Lavoratori maggiorenni che vivono in comuni diversi da Modena ma lavorano a Modena.

Il “bonus bici” in Emilia-Romagna

L’Emilia-Romagna ha lanciato una serie di incentivi volti a promuovere l’acquisto e l’utilizzo di bici elettriche e cargo bike a pedalata assistita. Un’iniziativa importantissima, che mira a ridurre la concentrazione atmosferica di Pm10 e supporta gli acquirenti con un contributo economico che copre fino al 50% del costo del mezzo.

In particolare, il contributo ammonta a un massimo di 500 euro per le biciclette a pedalata assistita e fino a 1.000 euro per le cargo bike a pedalata assistita.

Il bonus bici 2024 è accessibile ai cittadini maggiorenni residenti nei 207 comuni della regione Emilia-Romagna, ed è un significativo incentivo per spostarsi in modo più ecologico e sostenibile.

“Bike to School” e “Bike to Work” al Comune di Rubano, in Veneto

Rubano– in provincia di Padova– ha scelto d’introdurre alcuni incentivi per promuovere l’uso della bicicletta. Chi sceglie di pedalare per i tragitti casa-lavoro o casa-scuola, con un percorso minimo di 3 chilometri riceverà 0.25 euro per ogni chilometro percorso.

L’incentivo ha un limite giornaliero di 6 euro e un limite mensile di 50 euro. È indirizzato a residenti, lavoratori o studenti che abbiano compiuto almeno 16 anni.