Sabato 4 maggio inizia ufficialmente la 107esima edizione del Giro d’Italia 2024. La prima tappa della corsa rosa parte da Venaria Reale e arriva a Torino attraversando la collina di Superga per ricordare la scomparsa del Grande Torino, avvenuta 75  anni fa  in un incidente aereo.

I 176 corridori e le 22 squadre in gara sono pronte a percorrere i 140 km che separano Venaria dalla città di Torino. Il percorso del Giro d’Italia prevede anche un omaggio al Grande Torino, leggendaria squadra di calcio tragicamente travolta dall’incidente aereo del 4 maggio del 1949.

Quest’anno si celebra infatti il 75esimo anniversario di quella data nefasta che portò alla scomparsa di tutti i membri della squadra. I corridori passeranno a 631 metri di altitudine proprio a Superga- luogo dove avvenne l’incidente aereo- precisamente tra i chilometri 78-79 del percorso.

Scopriamo qualche dettaglio in più sulla tragedia di Superga e la Basilica omaggiate dal Giro d’Italia.

Noleggiare una e-bike nelle principali città italiane:
leggi le guide di Moveo


Superga: il 75° anniversario della tragedia al Giro d’Italia

La Basilica di Superga, situata su una collina vicino a Torino, è uno splendido esempio di barocco piemontese. Progettata da Filippo Juvarra nel 1717, fu costruita per volontà di Vittorio Amedeo II di Savoia come voto alla Madonna dopo una vittoria militare. È nota per la sua cripta reale. Ma anche per essere il sito del tragico incidente aereo del 4 maggio 1949 che coinvolse la squadra del Grande Torino.

Domani il Giro d’Italia attraverserà Superga tra le 15:38 e le 15:49 come omaggio ai caduti. In questa occasione, i tifosi della squadra granata hanno organizzato una serie di eventi commemorativi per il 75esimo anniversario della tragedia di Superga.

Per facilitare l’accesso alla Basilica ai tifosi e ai visitatori saranno disponibili navette gratuite ogni 7 minuti da Sassi a Superga. Il Torino FC e la dirigenza saliranno al Colle per una messa nella Basilica e la lettura dei nomi dei Caduti alla lapide commemorativa. La giornata si concluderà con la Mole Antonelliana illuminata di granata.

Ecco il programma di sabato 4 maggio:

  • Ore 10.30 – Partita di inaugurazione al Robaldo;
  • Ore 11.30 – Cerimonia di commemorazione del Grande Torino al Cimitero Monumentale;
  • Ore 17.03 – Messa in ricordo del Grande Torino a Superga. Segue la lettura dei nomi dei Caduti alla lapide.

Cosa fare a Superga

Chi si trova a Torino in occasione del Giro d’Italia 2024 non può non visitare Superga, soprattutto in una data così importante per i torinesi. Si trova a pochi chilometri dal capoluogo piemontese e offre un panorama incredibile sulla città e sull’arco alpino. La Basilica stessa è stata anche protagonista di uno scatto premiato dalla Nasa.

Ecco alcune attività da fare a Superga:

  • Viaggiare sulla storica tranvia Sassi-Superga: per salire o scendere dal colle di Superga, vale la pena prendere almeno una volta la storica tranvia, conosciuta in piemontese come Dentera. È un’esperienza affascinante, con carrozze vintage, porte in legno e ampie vetrate che offrono una splendida vista sul paesaggio circostante;
  • Salire a piedi da Torino alla Basilica di Superga: gli amanti di trekking “urbano” più coraggiosi possono provare a fare la salita a piedi fino alla Basilica. Il percorso alterna strada asfaltata a sentieri nel bosco della collina torinese. Basta seguire la Strada Comunale di Superga fino all’inizio del sentiero 28-29, che porta fino in cima. Consigliamo d’indossare calzature adeguate: il percorso è più impegnativo di quanto possa sembrare;
  • Guardare il panorama dalla cupola di Juvarra: arrampicarsi lungo i 131 scalini fino alla cupola offre una vista ancora più spettacolare su Torino e le Alpi. Non dimenticare di scattare una foto!;
  • Omaggiare il Grande Torino: in occasione del 75esimo anniversario dalla tragedia di Superga, una visita al monumento ai piedi della Basilica è d’obbligo. Si può liberamente visitare la lapide commemorativa del Grande Torino, dove sono presenti tutti i nomi e le fotografie dei giocatori e delle altre persone venute purtroppo a mancare.