In meno di 9 ore dall’apertura della piattaforma Ecobonus 2024, tutte le risorse degli incentivi auto 2024 disponibili per le auto elettriche sono andate esaurite: parliamo di ben 201.042.172 euro.

Esaurite rapidamente le risorse per le auto elettriche messe a disposizione nel pacchetto di incentivi auto 2024, il famoso piano Ecobonus lanciato dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy con l’obiettivo di incentivare l’acquisto di veicoli a basse emissioni di CO2.

Esaminiamo le implicazioni di questi incentivi, le reazioni del settore e l’impatto sulle vendite di auto elettriche in Italia.

Incentivi auto 2024: boom delle auto elettriche

Dopo qualche slittamento, alla fine è arrivato il 3 giugno ed è stato subito boom. La domanda di auto elettriche è andata ben oltre le aspettative: oltre 200 milioni di euro sono andati infatti esauriti in meno di 9 ore. Questo dato riflette sia l’entità degli incentivi offerti- fino a 13.750 euro per chi rottama la propria auto– sia un crescente interesse per le auto elettriche tra i consumatori italiani.

In contrasto, per le auto ibride plug-in sono stati utilizzati finora solo 7 milioni su 125,7 milioni di euro disponibili. Per le auto ibride tradizionali sono stati utilizzati 64 milioni su oltre 276,6 milioni disponibili.

Aspettative e reazioni degli addetti ai lavori

Il Ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso, ha descritto il piano come un sostegno significativo per le famiglie italiane e un incentivo alla produzione nazionale.

Gian Primo Quagliano del Centro Studi Promotor ha espresso sorpresa per l’alto interesse per le auto elettriche e la minor domanda per le auto endotermiche. Roberto Vavassori, presidente dell’ANFIA- Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica- ha auspicato un’inversione del trend negativo che ha visto un calo delle vendite di auto elettriche nella prima parte del 2024, grazie all’estensione degli incentivi a tutte le persone giuridiche, con l’eccezione dei concessionari.

La filiera automobilistica richiede una pianificazione degli incentivi per i prossimi anni e una revisione del sistema di tassazione degli autoveicoli. L’attesa per gli incentivi ha infatti frenato le vendite di auto in Italia. Con un calo del 6,6% delle immatricolazioni a maggio 2024 rispetto allo stesso mese del 2023.

Incentivi auto 2024: servono altri fondi?

Nonostante il Governo abbia stanziato 1 miliardo di euro per gli incentivi auto 2024, la disponibilità attuale è di 710 milioni di euro. Di questi, quasi 300 milioni sono già utilizzati.

Resta da vedere se saranno messi a disposizione ulteriori incentivi. Secondo l’UNRAE (Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri) nel totale bonus messi a disposizione mancano all’appello 178,3 milioni di euro rispetto alle somme accantonate per gli incentivi auto 2024.

La piattaforma per prenotare gli Ecobonus viene gestita da Invitalia per conto del Ministero delle Imprese e del Made in Italy. Tra le auto che si possono rottamare sono comprese anche quelle classe Euro 5.

La notizia più importante è che il piano Ecobonus 2024 ha dimostrato un forte interesse per le auto elettriche, esaurendo rapidamente le risorse disponibili. Tuttavia le sfide restano. Il settore richiede una pianificazione a lungo termine per affrontare al meglio la transizione verso una mobilità più sostenibile.