Scopri i 10 itinerari in bici da non perdere per il ponte del 1° maggio 2024: mete uniche in Italia e in Europa. Dalla Toscana alla Puglia, dalla Catalogna alla Francia, una proposta di viaggio su due ruote tra paesaggi mozzafiato e itinerari suggestivi.

Con l’arrivo del ponte del 1° maggio– che, per chi può, si inaugura già a partire da questo weekend- c’è chi pianifica già il proprio viaggio di primavera. Tra i trend del 2024, spicca la preferenza per il turismo lento e la mobilità dolce.

Vi proponiamo, dunque, 10 itinerari in bici in Italia e in Europa per immergersi nella natura viaggiando tra paesaggi da cartolina. Pronti a salire in sella? Pedaliamo!

Noleggiare una e-bike nelle principali città italiane:
leggi le guide di Moveo


I 10 itinerari in bici da non perdere: la lista

Ecco quindi 10 affascinanti destinazioni, 10 imperdibili itinerari in bici in Italia e in Europa. Dalla Toscana alla Catalogna, dalle Fiandre alla Francia, ogni luogo offre un’esperienza unica.

Partiamo iniziando dal nostro Paese, percorrendolo da Nord a Sud. Scopriremo più avanti i tesori nascosti da ammirare in Europa.

Il Friuli-Venezia Giulia in bici

Il Friuli-Venezia Giulia è un paradiso per i cicloturisti, con ciclovie e piste ciclabili che permettono di esplorare una varietà di paesaggi e luoghi storici. La Ciclovia Pedemontana costeggia le Prealpi attraverso borghi rurali e vigneti, offrendo un percorso di 180 km da Sacile a Gorizia. La Ciclovia del Mar Adriatico collega invece Trieste a Venezia, consentendo ai ciclisti di pedalare lungo la costa e scoprire siti UNESCO come Aquileia. Entrambi gli itinerari offrono un’esperienza cicloturistica unica nel cuore di questa Regione.

Il giro dei Colli Euganei nel Veneto

L’Anello dei Colli Euganei offre ai cicloturisti un percorso di 63 km attraverso una delle zone più preziose del Veneto. Attraverso strade tranquille e panorami mozzafiato i ciclisti possono esplorare castelli, ville venete e abbazie immerse nella natura rigogliosa dei Colli Euganei. Il percorso è adatto a tutti i livelli di abilità e offre numerose opportunità per assaporare la cucina regionale locale e rilassarsi nei centri termali della regione.

Pedalare tra arte e natura in Toscana

In Toscana i cicloturisti possono immergersi in un’esperienza unica che combina il patrimonio artistico delle città d’arte con la bellezza naturale dei paesaggi toscani. Attraverso il Grand Tour della Toscana da Siena verso Pisa e Firenze, i ciclisti possono visitare borghi medievali, vigneti e siti storici lungo un percorso di circa 400 km. Oppure, optando per il percorso da Siena verso Camaldoli e Arezzo, possono attraversare la suggestiva Val d’Orcia e scoprire gli eremi di Camaldoli e della Verna. Entrambi gli itinerari offrono panorami mozzafiato, possibilità di degustare la cucina toscana e di immergersi nella cultura locale.

Alla scoperta della Puglia in bicicletta

La Puglia offre un’infinità di itinerari cicloturistici che permettono ai viaggiatori di esplorare paesaggi incantevoli e i tesori nascosti della Regione. Dalla Rotta dei Due Mari, che unisce l’Adriatico e lo Ionio, al percorso della Ciclovia dell’Acquedotto Pugliese che attraversa il Parco Nazionale dell’Alta Murgia, i ciclisti possono pedalare tra antichi borghi, siti archeologici e paesaggi costieri. La Puglia è anche rinomata per la sua cucina tradizionale e offre numerose opportunità per assaggiare specialità locali lungo il percorso.

Percorrere la Via Silente in Campania

Chiudiamo la selezione dei percorsi italiani con la Via Silente: un percorso cicloturistico della Campania di circa 600 km che attraversa il Parco Nazionale del Cilento offrendo ai ciclisti un’esperienza unica nel Sud Italia. Attraverso 15 tappe, i ciclisti possono immergersi in paesaggi mozzafiato, assaporare la cucina tradizionale e scoprire il fascino del territorio cilentano. La Via Silente è anche un progetto di sviluppo del cicloturismo nel Sud Italia che coinvolge attivamente le comunità locali e offre servizi di accoglienza come il nuovo Palazzo Re-Silente a Santa Maria di Castellabate.

Cicloturismo tra le Fiandre in Belgio

Usciamo dai confini nazionali e spostiamoci verso Ovest, partendo dal Belgio. Le Fiandre offrono destinazioni cicloturistiche uniche, itinerari che attraversano città d’arte e paesaggi mozzafiato. Attraverso Bruxelles, Lovanio, Anversa e Bruges i ciclisti possono scoprire i tesori nascosti delle Fiandre lungo un percorso iconico che si estende per 342 km. Bruxelles, capitale europea, offre una combinazione unica di cultura, storia e gastronomia, mentre Bruges è famosa per i suoi canali pittoreschi e i suoi edifici medievali. Lungo il percorso, i ciclisti possono anche visitare musei, gallerie d’arte e assaggiare le specialità culinarie locali.

Percorrere l’Alta Linguadoca in Francia

La Voie Verte “Passa Païs” in Alta Linguadoca offre ai ciclisti un’esperienza unica attraverso paesaggi imperdibili e siti culturali. Attraverso città medievali e riserve naturali, i ciclisti possono immergersi nella bellezza e nella tranquillità del Sud della Francia. La Voie Verte segue il tracciato dell’ex linea ferroviaria Mazamet-Bédarieux, offrendo un percorso protetto di circa 80 km. Lungo il percorso, i ciclisti possono visitare musei, castelli e borghi medievali, assaporando la ricca storia e cultura della regione.

Il Triangolo Dalì in Catalogna

Il Triangolo Dalì, nella regione spagnola della Catalogna, offre ai cicloturisti l’opportunità di immergersi nell’arte e nella vita dell’artista surrealista. Attraverso visite a Figueres, Portlligat e Púbol i ciclisti possono esplorare le opere e le residenze di Salvador Dalì, scoprendo il suo mondo straordinario. Figueres è sede del Teatro-Museo Dalì, che ospita la più grande collezione al mondo delle opere dell’artista. A Portlligat, i ciclisti possono visitare la casa-museo di Dalì situata nella sua residenza d’estate; mentre a Púbol possono ammirare il Castello di Dalì, regalato all’artista dalla sua musa Gala.

Attraversare Lubiana in bicicletta

Ci muoviamo stavolta a Est, e la prima tappa è in Slovenia. Lubiana, capitale verde che accoglie i cicloturisti con piste ciclabili panoramiche e un ricco patrimonio culturale. Attraverso il mercato centrale, la cattedrale di San Nicola e il Castello, i ciclisti possono scoprire i tesori nascosti della città e assaporare la sua vivace atmosfera. Lubiana è anche un punto di partenza ideale per esplorare le bellezze naturali della Slovenia, come il Parco Nazionale del Triglav e il Lago di Bled.

Destinazioni cicloturistiche in Dalmazia e Istria

La Dalmazia e l’Istria, in Croazia, offrono itinerari e destinazioni cicloturistiche che attraversano paesaggi mozzafiato e ricchi di storia. Attraverso antichi borghi e siti culturali, i ciclisti possono immergersi nella natura e nella cultura di questa affascinante regione balcanica. Dalla Regione della Lika-Karlovac alla costa dell’Istria, la Croazia offre un’esperienza cicloturistica unica che combina avventure all’aria aperta con la scoperta di tesori nascosti.