Come ogni anno, il New York Times ha presentato la sua lista delle 52 mete da visitare nel mondo nel 2024. Non solo un elenco di luoghi, ma un invito a scoprire culture, paesaggi e storie che rendono unico ogni angolo del nostro Pianeta.

La consueta lista annuale del New York Times, pubblicata all’inizio dell’anno, ha presentato le località e le aree da esplorare imperdibili nel 2024. Questa selezione spazia dalle Alpi Albanesi alla Tasmania, passando per Marrakech e le distese del Salar de Uyuni. Il percorso continua dalla Nuova Zelanda alle Hawaii, attraversando Singapore, il Cile, la Svizzera e i Caraibi. Andiamo ad esplorare la lista nel dettaglio.

Le top 52 mete da visitare nel mondo per il 2024

Fedele alla sua tradizione, ogni gennaio il New York Times rivela le sue 52 destinazioni selezionate per l’anno: un mix eclettico che include sia mete celebri sia luoghi meno conosciuti, paradisi esotici e affascinanti metropoli. Un viaggio che tocca tutti i Continenti.

Europa, da Parigi alle Alpi albanesi

Si parte dalla Francia, e più precisamente da Parigi, che nei prossimi mesi ospiterà le Olimpiadi. La città si prepara ad accogliere turisti provenienti da ogni dove con una serie di eventi e mostre che celebrano non solo lo sport, ma anche la ricchezza culturale e artistica della capitale francese.

Altre due città che si distinguono per la loro ricca offerta culturale sono Vienna e Ginevra (dove, dopo quattro anni, tornerà l’importante appuntamento del Salone dell’Auto). La prima, con i suoi musei e palazzi imperiali, è un tuffo nella storia, mentre la seconda, conosciuta per il cioccolato e l’alta orologeria, ospita anche il nuovo centro scientifico di Renzo Piano, un luogo ideale per esplorare i misteri dell’universo.

Il viaggio del New York Times prosegue arrivando in Italia, con la scelta sorprendente di Massa-Carrara. Questa zona, nota per i suoi marmi pregiati che hanno dato vita a capolavori d’arte, offre un mix affascinante di storia e natura. Carrara, in particolare, è famosa per le sue cave di marmo, mentre Massa vanta tesori architettonici come il Palazzo Ducale e il castello Malaspina. La regione è anche un punto di partenza ideale per esplorare le Alpi Apuane, testimoni silenziosi della storia dell’arte italiana.

Vicino al Bel Paese, si stagliano le Alpi albanesi (l’Albania è una delle vacanze più gettonate anche nel 2024). Rappresentano una scelta eccellente per gli amanti della montagna, offrendo un’alternativa più accessibile rispetto alle località montane più famose.

Una destinazione altrettanto inaspettata è Manchester, nel Regno Unito. Ovviamente, dopo la Brexit, non è più una città europea. Ma per decenni ha contribuito ad arricchire la cultura del Vecchio Continente. Conosciuta per la sua scena musicale vibrante, si appresta ad inaugurare la Co-op Live, una nuova mega-arena che promette di trasformarla in una capitale della musica dal vivo.

USA e Sud America, dall’Arizona alla Bolivia

Negli Stati Uniti, l’Arizona offre molto più del famoso Grand Canyon. Il monumento nazionale Baaj Nwaavjo I’tah Kukveni è un luogo dove la storia e la cultura indigene si intrecciano con la natura selvaggia.

In Messico, l’eclissi totale di sole a Mazatlàn rappresenta un evento da non perdere, celebrato con un festival che unisce astronomia, musica e yoga.

Il Salar de Uyuni in Bolivia e Quito in Ecuador rappresentano invece due facce diverse dell’America Latina: la prima è una meraviglia naturale unica, mentre la seconda è una città dove modernità e storia si fondono in un contesto scenografico.

Le perle di Asia e Africa

Ci spostiamo in Asia, precisamente in Giappone, dove la prefettura di Yamaguchi assicura un’esperienza lontana dai soliti itinerari turistici. Qui, i visitatori possono immergersi in un ambiente ricco di arte e bellezza naturale, esplorando giardini zen e templi storici.

In Malesia c’è invece Singapore. Descritta come una “città-giardino”, è un esempio di come modernità e natura possano coesistere in armonia. La città è un crogiolo di culture, architetture innovative e una scena culinaria che attrae gourmet da tutto il mondo.

Presente nella lista anche la Nuova Zelanda, un paradiso per chi ama la natura e la tranquillità. Qui si consiglia un viaggio slow, per apprezzare pienamente la varietà dei paesaggi, dalle spiagge dorate alle lussureggianti foreste. Lì vicino c’è la Tasmania, che attira viaggiatori arditi che vogliono vivere un’esperienza unica tra cultura indigena e paesaggi naturali mozzafiato.

Infine, in Africa viene consigliato caldamente un soggiorno a Marrakech, in Marocco. La città si sta riprendendo dal terremoto dello scorso settembre, ma rimane un’autentica perla

La lista completa

Di seguito ecco la lista con tutte le 52 destinazioni selezionate (non si tratta di una classifica, l’ordine è casuale).

  • Nord America
  • Parigi, Francia
  • Yamaguchi, Giappone
  • Nuova Zelanda
  • Maui, Hawaii
  • Baaj Nwaavjo I’tah Kukveni, Arizona
  • Singapore
  • O’Higgins, Cile
  • Ladakh, India
  • Ginevra, Svizzera
  • Dominica, Caraibi
  • Manchester, Gran Bretagna
  • Idaho
  • Baltimora, Maryland
  • Salar de Uyuni, Bolivia
  • Negombo, Sri Lanka
  • Massa e Carrara, Italia
  • Bannau Brycheiniog, Galles
  • Marocco
  • Valencia, Spagna
  • Kansas City, Missouri
  • Antananarivo, Madagascar
  • Yucatan, Messico
  • Lago di Toba, Indonesia
  • Almaty, Kazakhstan
  • Quito, Ecuador
  • Alpi Albanesi. Valbona National Park
  • Arcipelago di Mingan, Quebec
  • Montgomery, Alabama
  • Tasmania, Australia
  • Waterford, Irlanda
  • Tsavo National Park, Kenya
  • Brasilia, Brasile
  • El Salvador
  • Koh Ker, Cambogia
  • Vestmannayjar, Islanda
  • Montevideo, Uruguay
  • Mustang, Nepal
  • Vienna, Austria
  • Brisbane, Australia
  • Pasadena, California
  • Hurghada, Egitto
  • Boundary Waters, Minnesota
  • Thessaloniki (Salonicco), Grecia
  • Normandia, Francia
  • Grenada, Caraibi
  • El Camino de Costa Rica
  • Alpi albanesi
  • Whitehorse, Yukon
  • Choquequirao, Perù
  • Dresda, Germania
  • Monarch Butterfly Biosphere Reserve, Messico
  • Flamingo, Florida
  • Ben Youssef Madrasa, Marrakech

Quasi impossibile visitare tutte queste meravigliose mete in un solo anno, ma ritagliarsi uno o due viaggi prenotando un volo è più fattibile. Perchè viaggiare fa bene all’anima.