Esplora le meraviglie nascoste delle Marche in questa guida sulle 10 affascinanti destinazioni da non perdere al primo viaggio. Dalle maestose montagne dei Sibillini alle incantevoli spiagge di Pesaro, ogni luogo offre un’esperienza unica e indimenticabile.

Siamo nelle Marche, un territorio ricco di tesori nascosti e paesaggi mozzafiato, che accolgono i visitatori con la loro bellezza autentica. Il primo viaggio in questa regione è un’esperienza indimenticabile. Tra storia, cucina regionale d’eccellenza e borghi incantevoli, ecco 10 destinazioni da non perdere.

Viaggio nelle Marche: 10 destinazioni da non perdere

È una terra di tradizioni senza tempo. Che sopravvivono nei piccoli borghi che si affacciano sul Mar Adriatico, come in quelli abbarbicati sui costoni dell’Appennino umbro-marchigiano. Abbiamo selezionato 10 destinazioni diverse per rendere davvero unico il tuo primo viaggio nelle Marche.

Ancona: città di contrasti e meraviglie

Ancona, capoluogo delle Marche, è una città che sorprende per i suoi contrasti e le sue meraviglie nascoste. Il suo porto è un simbolo di vitalità e apertura al mondo, mentre il centro storico racchiude tesori artistici e architettonici di grande valore.

L’Arco di Traiano, costruito nel II secolo d.C., domina il porto con la sua imponenza, mentre la Cattedrale di San Ciriaco offre una vista panoramica spettacolare sulla città e sul mare. Le stradine strette e tortuose del centro storico sono ricche di storia e tradizione, con antiche chiese e palazzi rinascimentali. La Cattedrale di Sant’Emidio, il Battistero romanico e il Museo Diocesano– affacciati sulla monumentale Piazza Arringo di Ancona- sono una meta eccezionale per tutti gli appassionati di turismo culturale. Conservano infatti alcune delle opere dei più grandi maestri rinascimentali.

Da non perdere, a soli pochi chilometri di distanza da Ancona, il piccolo paese di Genga, quest’anno candidato a “Borgo dei borghi 2024“. Questa piccola gemma, nascosta nel cuore dell’area preappenninica della regione, custodisce monumenti antichi e suggestive grotte carsiche, visitabili dai turisti. In una di queste grotte sorge il Tempio del Valadier: un tempio neoclassico che conserva la copia della Madonna con il bambino, la statua in marmo realizzata da Antonio Canova. Si può ammirare la scultura originale nel Museo di Genga.

Ascoli Piceno: tesori architettonici e storia

Ascoli Piceno, nota come la “città bianca” per il suo splendido centro storico costruito in travertino, offre ai visitatori un vero e proprio viaggio nel tempo.

La magnifica Piazza del Popolo, con il suo loggiato rinascimentale e i palazzetti storici, è il cuore pulsante della città. Qui, il Palazzo dei Capitani del Popolo e la Chiesa di San Francesco sono solo alcune delle attrazioni che attirano l’attenzione dei visitatori.

Nei dintorni, il borgo di Offida e il borgo storico Seghetti Panico arricchiscono l’esperienza con il loro fascino unico: inseriti tra i borghi più belli d’Italia si offrono ai viaggiatori con la loro bellezza senza tempo.

Fermo: tra mare e montagna

Fermo, situata su una collina tra il mare Adriatico e le montagne dell’entroterra marchigiano, è una città che racchiude secoli di storia e cultura. Con il suo centro storico ben conservato, dominato dalla splendida Piazza del Popolo e dal maestoso Palazzo dei Priori, Fermo trasporta i visitatori indietro nel tempo.

Le sue strade lastricate, fiancheggiate da antichi palazzi e chiese, emanano un’atmosfera medievale unica. Dai vicoli stretti e tortuosi alle piazze panoramiche che offrono viste mozzafiato sulla campagna circostante, Fermo è una destinazione che incanta e sorprende.

Gradara: storia, amore e bellezza naturale

Gradara, uno dei borghi medievali meglio conservati d’Italia, è intriso di storia e romanticismo. La celebre Rocca di Gradara, testimone di illustri incontri e leggendarie storie d’amore- come quella di Paolo e Francesca, cantata da Dante Alighieri ne La Divina Commedia- affascina i visitatori con la sua imponenza e la sua vista panoramica sulle colline circostanti fino al mare. I camminamenti di ronda lungo le mura offrono una prospettiva unica sulla storia del luogo.

Nei dintorni, il Parco Naturale Monte San Bartolo regala paesaggi naturali mozzafiato, con percorsi ciclabili e pedonali che conducono fino alle splendide spiagge, come quella di Fiorenzuola di Focara, celebre per i suoi particolari sassi modellati dal mare.

Loreto e Recanati: tesori religiosi e cultura letteraria

Loreto è famosa per il suo santuario mariano, considerato uno dei luoghi di pellegrinaggio più importanti d’Italia. Secondo la leggenda, la casa della Vergine Maria fu trasportata dagli angeli da Nazareth a Loreto, dove è stata conservata e venerata per secoli. Il santuario, con la sua maestosa facciata e le sue opere d’arte sacra, attira visitatori da tutto il mondo in cerca di spiritualità e devozione.

Recanati, invece, è nota per essere la città natale del poeta Giacomo Leopardi. La sua casa-museo, con la sua immensa libreria e le stanze ricche di memorie, costituiscono una tappa imperdibile per gli amanti della letteratura. Tra le strade acciottolate e i palazzi storici, Recanati conserva un’atmosfera romantica e suggestiva, che ha ispirato le poesie più celebri di Leopardi.

Macerata: arte e cultura tra mura cinquecentesche

Macerata è una città ricca di fascino e storia, con le sue mura cinquecentesche, le sue piazze storiche e i suoi monumenti artistici. Il suo gioiello più prezioso è lo Sferisterio, un antico stadio trasformato in un teatro d’opera all’aperto, che ospita spettacoli di fama internazionale durante l’estate. Ma Macerata non è solo teatro, è anche arte e cultura, con i suoi Musei Civici che custodiscono una ricca collezione di opere d’arte, tra cui capolavori di artisti rinomati. Ogni angolo della città racconta una storia, dalle sue strade di ciottoli alle sue piazze animate, rendendo Macerata una destinazione imperdibile per gli amanti dell’arte e della cultura.

Montefeltro: incanto naturale e borghi medievali

Montefeltro, con le sue colline verdeggianti, è un angolo di paradiso ancora incontaminato. Tra castelli e borghi storici come San Leo e Urbino, il Montefeltro incanta i visitatori con la sua bellezza autentica e la sua atmosfera senza tempo.

I sentieri escursionistici che si snodano tra boschi di querce e castagni offrono viste mozzafiato sulla campagna circostante, mentre i borghi medievali raccontano secoli di storia e tradizione. Con la sua natura incontaminata e i suoi tesori nascosti, il Montefeltro è una destinazione ideale per chi cerca tranquillità e autenticità nelle Marche.

Pesaro: città d’arte e spiagge incantevoli

Pesaro, con la sua lunga spiaggia sabbiosa e il suo centro storico ricco di tesori artistici, è una destinazione perfetta per chi cerca relax e cultura. Tra le attrazioni da non perdere spicca il Palazzo Ducale. Con la sua facciata rinascimentale e le sue sale affrescate è un simbolo dell’eleganza e della raffinatezza delle Marche.

Il Museo Civico, invece, conserva una ricca collezione di opere d’arte di artisti locali, tra cui spiccano Giovanni Bellini e Jacobello del Fiore.

Le spiagge incantevoli e le calette nascoste lungo la costa offrono infine un rifugio dalla vita cittadina, invitando i visitatori a godersi il sole e il mare cristallino delle Marche.

Monti Sibillini: i tesori naturali delle Marche

I Monti Sibillini, con i loro paesaggi mozzafiato e la loro natura incontaminata, rappresentano una delle gemme naturali delle Marche. Queste imponenti montagne dell’entroterra marchigiano, che segnano il confine con l’Umbria e il Lazio, offrono una vasta rete di sentieri escursionistici che conducono a panorami spettacolari e a luoghi di rara bellezza.

I visitatori possono immergersi nella maestosità del paesaggio, percorrere i sentieri più belli dei Monti Sibillini, esplorare gli antichi borghi medievali lungo le pendici delle montagne e scoprire una ricca varietà di flora e fauna. Nonostante il sisma del 2016 abbia causato danni significativi, la bellezza dei Monti Sibillini rimane intatta, invitando gli amanti della natura a esplorare e scoprire la loro straordinaria bellezza.

Urbino: la città di Raffaello e dei tesori rinascimentali

Impossibile non visitare Urbino, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Una città che conserva ancora intatta la sua bellezza rinascimentale. Il Palazzo Ducale, con la sua imponente facciata e le sue sale affrescate, è un capolavoro dell’architettura rinascimentale, mentre la Galleria Nazionale delle Marche custodisce opere d’arte di inestimabile valore, tra cui dipinti di Raffaello, Piero della Francesca e Tiziano.

Le vie e i cortili interni di questa cittadina rendono l’atmosfera magica e suggestiva, mentre la vista panoramica dalla Fortezza Albornoz regala emozioni uniche.

Gastronomia marchigiana: un viaggio nei sapori autentici

La gastronomia delle Marche è un vero e proprio viaggio nei sapori autentici di questa affascinante regione italiana. Dai borghi medievali alle città costiere, ogni angolo delle Marche offre piatti tradizionali ricchi di storia e tradizione. La crescia, una sorta di focaccia o piadina, rappresenta l’alimento di base, declinato in varie versioni a seconda della zona, in ciascuna con un gusto unico e irresistibile. Il ciauscolo, salume spalmabile aromatizzato con aglio, vino bianco e pepe, è un’autentica delizia per il palato, da gustare con pane fresco o utilizzato come sugo per la pasta. Le olive all’ascolana, integre e riempite di carne, sono un simbolo di festa e tradizione, richiedendo una lavorazione artigianale e una grande attenzione ai dettagli.

Altri piatti prelibati includono la crema fritta, i vincisgrassi (la pasta al forno emblema delle occasioni speciali) e i calcioni (grandi ravioli ripieni di formaggio e aromi locali). Il coniglio in porchetta è il piatto forte delle campagne marchigiane, caratterizzato dal suo condimento a base di finocchietto selvatico e arricchito da una varietà di ingredienti come pancetta, aglio e erbe aromatiche. Ogni piatto racconta una storia, custodendo segreti e tradizioni tramandate nel tempo, offrendo un’esperienza culinaria unica e indimenticabile.

Come raggiungere le Marche

Utilizzando come riferimento il capoluogo della regione, Ancona, ecco le soluzioni più semplici per raggiungere le mete scelte per un imperdibile viaggio nelle Marche:

  • In aereo: prenotando i biglietti in app è possibile raggiungere l’aeroporto Raffaello Sanzio– conosciuto anche come aeroporto di Ancona-Falconara– in maniera molto semplice e veloce. Da qui, per raggiungere la località scelta, si può optare per un’auto a noleggio. In alternativa, partendo dall’aeroporto, è possibile raggiungere via treno Ancona dalla stazione di Castelferretti;
  • In treno: per chi ama viaggiare in treno, la stazione di riferimento è sicuramente quella di Ancona Centrale. Se tuttavia si desidera raggiungere in maniera diretta le principali località balneari dell’area, allora la stazione di riferimento è quella di Ancona Palombina;
  • In auto: in questo caso, l’arteria stradale di riferimento è l’A14 Bologna-Bari. Da Nord, basta seguire la direzione Ancona. Da Sud, invece, si dovrà viaggiare in direzione Pescara per poi seguire le indicazioni per Ancona;
  • In nave: il porto di Ancona, come abbiamo anticipato, è uno dei più importanti del Mar Adriatico. Per cui, prenotando in app il traghetto è possibile raggiungere il capoluogo delle Marche anche attraversando il mare.