Il mese di maggio ha visto un calo generale delle immatricolazioni nel panorama automobilistico europeo. Il mercato delle auto elettriche è stato particolarmente colpito, registrando un decremento del 12%.

Il mercato automobilistico europeo ha vissuto un mese di maggio turbolento, segnato da un calo generale delle immatricolazioni del 3% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente nell’Unione Europea. Stando ai dati di ACEA- European Automobile Manufacturers’ Association– se si considerano anche Regno Unito e Paesi EFTA- Islanda, Liechtestein, Norvegia e Svizzera il calo è del 2,6%.

Questo fenomeno ha colpito trasversalmente tutti i principali mercati, a eccezione di Regno Unito e Spagna.

Mercato auto elettriche: crollo del 12% a maggio 2024

Il mese di maggio è stato come una doccia fredda per il mercato delle auto elettriche in Europa. Le immatricolazioni di veicoli a batteria (BEV) sono diminuite del 12% rispetto ai 12 mesi precedenti, raggiungendo quota 114.308 unità. Una discesa della quota di mercato delle BEV al 12,5%. Solo Belgio e Francia hanno registrato una crescita in questo segmento, rispettivamente del 44,8% e del 5,4%. Al contrario, Germania e Paesi Bassi hanno subito contrazioni significative, con cali del 30,6% e dell’11,7%.

Calo generalizzato del mercato automobilistico, ma le ibride crescono

Nonostante il brusco calo di maggio, il bilancio complessivo dei primi cinque mesi del 2024 rimane positivo per il mercato delle auto elettriche. Da gennaio a maggio sono state immatricolate 556.276 nuovi EV, con un aumento del 2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Tuttavia, maggio segna un’inversione di tendenza da tenere d’occhio.

Va detto che il problema non coinvolge solo la mobilità elettrica, anzi. Il mese di maggio ha registrato un calo generalizzato, con una diminuzione del 2,6% delle immatricolazioni rispetto a maggio 2023.

Tuttavia, il settore delle auto ibridefull e mild hybrid– ha mostrato di saper resistere registrando una crescita del 15,4% delle immatricolazioni a maggio 2024, con una quota di ben 332.772 unità.

Male anche benzina e diesel

Maggio 2024 è stato un mese negativo anche per le auto a benzina e diesel. Le immatricolazioni di auto a benzina sono diminuite del 6,3%, raggiungendo 384.753 unità, mentre quelle di auto diesel sono calate dell’11,4%, con 126.445 unità vendute.

Cali significativi sono stati osservati nei principali mercati come Italia (-30,5% per il diesel), Francia (-24,8% per il diesel e -20,3% per la benzina) e Spagna (-15,4% per il diesel e -1,8% per la benzina). La Germania ha registrato un modesto aumento del 3,2% per le auto diesel e del 2,1% per quelle a benzina.

I risultati dei principali gruppi automobilistici

Tra i principali gruppi automobilistici, Toyota e Volvo sono gli unici ad aver registrato una crescita a maggio 2024, rispettivamente dell’8,2% e del 26,4%.

I cali più importanti li hanno registrati invece BMW (-12,7%), Ford (-21,6%) e Tesla (-35,9%) che, sul mercato tedesco, ha provato a rilanciarsi offrendo un bonus ambientale di 6mila euro sull’acquisto di Model Y.

Infine il Gruppo Volkswagen ha chiuso con un +1,8%, Stellantis con un -8,7% e il Gruppo Renault con una flessione del 3,3%.