La stazione Vittorio Emanuele della linea A della metropolitana di Roma è stata trasformata in un’opera d’arte grazie all’intervento di Esther Stocker. 

Terminati i lavori della metro A di Roma, che hanno riguardato la manutenzione sulle scale mobili, la stazione si trasforma in una vera e propria opera d’arte. Merito del genio di Eshter Stocker che per la sua installazione ha utilizzato 8 km di nastro adesivo.

L’opera, realizzata grazie alla collaborazione tra Atac e il Maxxi si intitola “Prospettiva comune” e precede la mostra “Ambienti 1956- 2010. Environments by women artists II”. Il nastro adesivo nero su sfondo bianco copre pareti, soffitti e pilastri dell’atrio della stazione.

“Prospettiva comune”: come la stazione Vittorio Emanuele della metro di Roma diventa un’opera d’arte

L’artista ha steso 8.000 metri di nastro secondo un complesso sistema di linee ortogonali ed elementi geometrici disposti lungo le navate laterali della stazione. Questa installazione anticipa la mostra “Ambienti 1956 – 2010. Environments by women artists II”, curata da Andrea Lissoni, Marina Pugliese e Francesco Stocchi, che sarà esposta al Maxxi fino al 20 ottobre 2024. La mostra evidenzia il contributo fondamentale delle donne nella storia degli “ambienti”, opere tridimensionali e immersive che si completano con l’interazione del pubblico.

Alessandro Giuli, presidente della Fondazione Maxxi, ha espresso grande soddisfazione per la collaborazione sottolineando che permette di portare l’arte contemporanea nel cuore della città, coinvolgendo romani e turisti. Ha aggiunto che la mostra “Ambienti” rappresenta un manifesto della visione futura del Maxxi, grazie alla qualità della ricerca artistica e all’entusiasmo del pubblico.

Alberto Zorzan, direttore generale di Atac, ha invece ringraziato la Fondazione Maxxi per il supporto che ha permesso di utilizzare il periodo di chiusura della stazione per i lavori di manutenzione, creando allo stesso tempo uno spettacolo artistico che rende la stazione più attrattiva. Da sottolineare l’importanza di trasformare i luoghi del trasporto pubblico in spazi culturali, arricchendo l’esperienza di viaggio.

A queste parole si sono aggiunte quelle di Eugenio Patanè, Assessore ai Trasporti, che si è espresso ringraziando il Maxxi e Atac per l’iniziativa che ha permesso di riqualificare la stazione. Ciò si inserisce in un progetto più ampio di riqualificazione delle fermate della metropolitana di Roma.

La metro ora funziona regolarmente

Il servizio della stazione Vittorio Emanuele della metro A di Roma ha ripreso il suo consueto funzionamento. Da ieri, lunedì 1° luglio, i treni hanno ripreso le corse quotidiane regolarmente, con orario a partire dalle 5:30 del mattino. I lavori sono stati terminati entro i tempi previsti dal cronoprogramma.

Gli interventi eseguiti presso la stazione Vittorio Emanuele fanno parte di un più ampio piano di manutenzione della linea A della metropolitana. Oltre alla sostituzione dei binari, che comporta la chiusura anticipata alle 21:00 da domenica a giovedì, sono in corso lavori di ammodernamento anche alle stazioni Spagna, Ottaviano e Cipro. Tra queste, Spagna e Ottaviano chiuderanno durante l’estate.