Quali saranno i mezzi di trasporto del prossimo futuro? E quanto saranno sostenibili? Ormai la mobilità elettrica è sempre più diffusa, anche nel nostro Paese, ma sono tantissimi i progetti che potrebbero influenzare i nostri futuri spostamenti. Scopriamo i più interessanti.

Nel corso degli anni diverse imprese hanno provato ad avviare progetti innovativi nel campo della mobilità, ma non sempre hanno avuto il successo sperato. Un esempio in tal senso è l’hyperloop, il treno supersonico che sembrava prossimo a rivoluzionare per sempre il sistema di trasporto urbano. Nonostante le promesse e qualche risultato, siamo ancora lontani dai risultati inizialmente annunciati.

Tuttavia ci sono idee innovative e rivoluzionarie che, nel prossimo futuro, potrebbero effettivamente avere successo. Il primo treno a levitazione magnetica su binari esistenti– un’idea che sembrava pura utopia fino a qualche anno fa- è stato testato a Verona il 12 marzo scorso con successo. Dimostrando che l’Italia sembra ampiamente disponibile ad aprire un confronto sui mezzi di trasporto del futuro.

Scopriamo insieme i 4 progetti che rivoluzioneranno i nostri spostamenti, fuori e dentro la città.

Mobilità del futuro: a che punto siamo?

Sempre più aziende stanno lavorando allo sviluppo di nuove soluzioni di mobilità, soprattutto nell’ambiente urbano. Con le città sempre più congestionate, i sistemi di trasporto delle metropoli del futuro sono infatti oggetto di numerose sperimentazioni. Quest’ultime si concentrano su tre principi fondamentali: riduzione del traffico, aumento della sicurezza stradale e diminuzione delle emissioni di CO2 e inquinamento.

Sul secondo punto potrebbero venire in aiuto anche le ultime tecnologie, in particolare l’intelligenza artificiale. Basti pensare alle auto a guida autonoma, oggi sempre più al centro di numerosi test. Si continuano invece a studiare servizi di sharing– a zero emissioni- e in generale sistemi di trasporto pubblico più efficienti e sostenibili, anche fuori dall’ambiente urbano.

Mezzi di trasporto del futuro: 4 idee per la mobilità

Le sperimentazioni continuano, ma ci sono alcuni progetti che potrebbero concretamente rivoluzionare il nostro modo di vivere la mobilità e gli spostamenti. Ecco quali sono i più promettenti.

Robotaxi

I taxi del futuro saranno a guida autonoma? In tutto il mondo, sono diverse le città che stanno puntando a questo tipo di servizio. In Cina i robotaxi sono completamente automatizzati e hanno un’autonomia di 30 km. Possono portare fino a due persone, raggiungendo senza problemi i 100 km/h. Stesso discorso anche nel Regno Unito, dove con i taxi robot di Servcity si spera di ridurre il traffico di grandi città come Londra.

Metropoli come New York hanno dato il via alle sperimentazioni su strada, anche se con regolamentazioni molto stringenti. La stretta sulla sicurezza è dovuta ad alcuni problemi riscontrati nei test su strada a San Francisco, dove sono state segnalati alcuni piccoli incidenti.

Treni a batteria

Con tecnologie sempre più all’avanguardia, anche il trasporto ferroviario diventa sempre più sostenibile. Un esempio tangibile è il recente progetto di un treno a batteria. Questo mezzo non solo è ecologico ma anche estremamente sicuro: è equipaggiato con un sistema avanzato che assiste il macchinista nel monitorare la velocità massima consentita, adattandosi in tempo reale alle condizioni di segnaletica, alle caratteristiche della linea ferroviaria e allo stato del treno.

Auto a energia solare

Ultimi studi di mercato rivelano che il settore veicoli solari sta crescendo sempre di più. Anzi, si prevede addirittura una crescita del 37% entro il 2030. Si tratta di una mobilità che offre vantaggi sia ai consumatori che all’ambiente.

A differenza dei veicoli elettrici tradizionali, quelli solari non richiedono l’uso della rete elettrica per la ricarica, eliminando così la possibilità che, una volta acquistati, il loro impatto energetico includa eventuali fonti fossili.

Aerei a zero emissioni

Recentemente è stato presentato un progetto innovativo nel campo dell’aviazione: l’Airbus ZEROe. Si tratta di un aereo commerciale a zero emissioni, alimentato a idrogeno, che dovrebbe essere operativo entro il 2035.

Questo ambizioso progetto nasce dalla collaborazione tra Airbus e Nidec Leroy-Somer, un’azienda franco-giapponese specializzata in motori elettrici. L’obiettivo è sviluppare un prototipo che integri tecnologia idrogeno-elettrica, esplorando tutte le opzioni per ottimizzare i sistemi di propulsione aerea.