BikeMI è tornato in funzione. Il servizio di bike sharing gestito dal Comune di Milano, dopo una settimana di pausa, è nuovamente utilizzabile.

Il servizio di bike sharing di Milano BikeMi è ripartito. Dopo una pausa temporanea durata una settimana, che ha messo in stand by l’uso di biciclette elettriche e tradizionali, BikeMI ora può nuovamente essere utilizzato.

BikeMI riprende la sua attività da oggi

BikeMi riprenderà le sue attività da oggi, come annunciato dalla società Igp che lo gestisce. Il servizio era stato temporaneamente interrotto per condurre controlli a seguito di un incidente avvenuto lo scorso gennaio, quando il sellino di una bicicletta si era staccato mentre era in uso da un utente.

Oggi, martedì 27 febbraio, le stazioni di bike sharing accoglieranno nuovamente le biciclette, con una disponibilità iniziale di 700 biciclette elettriche e altrettante tradizionali, destinate a residenti di Milano e non. Nei prossimi giorni, il numero di biciclette disponibili aumenterà progressivamente.

Le indagini non hanno evidenziato criticità del servizio

Le ispezioni condotte su tutte le biciclette non hanno rivelato problemi strutturali. Igp ha effettuato una revisione completa delle biciclette con l’assistenza di esperti e il supporto del dipartimento di ingegneria del Politecnico di Milano, verificando ogni componente. Inoltre, è stata apportata una modifica minore al sistema di fissaggio del sellino per migliorarne la stabilità.

«La ridotta operatività ha fornito l’occasione anche per condurre approfondite analisi su tutto il sistema al fine di improntare un processo di upgrade in termini di manutenzione e sicurezza, per rendere bikeMi ancora più performante – spiega la società -. I nuovi standard hanno richiesto un adeguamento dei gestionali, per questo motivo è stato necessario interrompere il servizio per qualche giorno».

Un’altra buona notizia è che tutti gli utenti, per compensare i disagi, potranno beneficiare di un prolungamento di due mesi sugli abbonamenti annuali sottoscritti.