Per i milanesi è il quartiere delle Tre Torri: è Milano CityLife, l’ex polo fieristico, rimesso a nuovo grazie ad un progetto di riqualificazione urbana. Ed è il primo quartiere cittadino al mondo ad avere ottenuto i più alti livelli nelle certificazioni di sostenibilità.  
Milano Citylife, il nuovo quartiere milanese nato dalla rigenerazione urbana dell’ex area fieristica cittadina, si trova in una zona centrale del capoluogo lombardo ed è considerato uno dei migliori progetti di rigenerazione urbana. Comprende edifici residenziali, grattacieli, strutture pubbliche e grandi aree verdi, con un’attenzione anche verso la mobilità sostenibile, data la possibilità di raggiungere e percorrere il quartiere in bici, magari grazie ai servizi di bike sharing cittadini.

Il quartiere di Milano Citylife: un’area storica restituita ai milanesi

La gestione di Milano Citylife, che oggi rappresenta un significativo esempio di riqualificazione in tutta Europa, è stata affidata a SmartLifeCity, con la collaborazione delle società di assicurazione Generali e Allianz.
Fin dall’inizio, il progetto di rigenerazione urbana ha puntato a restituire ai cittadini un’area da tempo inutilizzata, del tutto rinnovata e usufruibile, con il valore aggiunto di una grande attenzione verso la sostenibilità e la tutela dell’ambiente. Del resto, da diversi anni l’amministrazione sta portando avanti una serie di iniziative per offrire alle persone una città più libera dal traffico tramite zone a traffico limitato (di prossima attivazione è la ZTL del quartiere Isola), limitazioni al traffico in Area B e Area C, e servizi di micromobilità. A questi si aggiungono numerosi progetti per costruire una Milano più tecnologica e smart.

Il valore delle certificazioni ottenute dal progetto Milano Citylife

Il progetto ha ottenuto un notevole successo a livello europeo, tant’è che Citylife è diventato il primo quartiere urbano al mondo a ottenere il livello Platinum in tre certificazioni di sostenibilità ambientale:
LEED for Cities and Communities, assegnata da U.S. Green Building Council, che attesta la presenza di edifici ad alta efficienza energetica, un’ampia gamma di servizi, collegamenti eccellenti e un elevato standard di vita per i residenti, i lavoratori e i visitatori;
WELL Community, assegnata da International Well Building Institute per la presenza si un’ampia area pedonale, zone dedicate all’arte e allo sport;
SITES, assegnata per la prima volta a una città europea da Green Business Certification, che riconosce l’importanza del parco di CityLife, il secondo più grande della città di Milano.
Nell’assegnazione delle tre certificazioni sono state valutate sia l’idea e la conseguente progettazione della riqualificazione dell’ex quartiere fieristico, sia le successive fasi di sviluppo, fino al completamento e alla gestione, non solo economica ma anche sociale e ambientale.
L’intenzione è stata quella di gratificare l’impegno nel ridurre al minimo l’impatto ambientale e, al contempo, nel dare vita ad una comunità equilibrata ed inclusiva e nel creare e gestire una serie di spazi esterni in perfetta armonia con la natura e il contesto paesaggistico: un luogo ideale anche per le famiglie e i bambini.
Le certificazioni internazionali hanno premiato gli sforzi affrontati per ottenere un vero parco urbano, messo a disposizione di migliaia di cittadini.

L’area e le strutture oggetto delle certificazioni Platinum

Il territorio oggetto delle tre certificazioni ambientali è molto più ampio del parco di Milano Citylife e comprende esattamente:
-Le torri Isozaki e Hadid;
-La torre Libeskind;
-Citylife Shopping District;
-Il Palazzo delle Scintille;
-Le residenze Hadid e Libeskind;
-L’asilo BabyLife.
Il progetto di Milano Citylife non è comunque finito: è prevista la costruzione di ulteriori strutture, tra cui CityWave, l’edificio creato da Bjarke Ingels Group, che terminerà nel 2025 ma ha già ottenuto diverse certificazioni grazie all’elevato livello di sostenibilità ambientale.