Milano abbraccia il futuro della mobilità urbana digitale con una telecamera dotata di intelligenza artificiale che monitora il traffico cittadino, riconoscendo i vari tipi di flusso: dalle automobili ai pedoni, fino ai mezzi di micromobilità elettrica. Ecco l’iniziativa di Amat che promette di rivoluzionare il monitoraggio delle strade. 

Il costante movimento e la vivacità di Milano si fondono con l’innovazione tecnologica. La città si appresta infatti a entrare nella nuova era della mobilità urbana. Grazie all’introduzione di una telecamera con intelligenza artificiale, promossa dall’Amat (Agenzia Mobilità Ambiente e Territorio), Milano sta andando verso un monitoraggio del traffico più informato, fondamentale per la crescita e lo sviluppo sostenibile delle sue aree urbane.

L’innovazione nel monitoraggio della mobilità urbana

La telecamera dotata di intelligenza artificiale rappresenta un passo in avanti nel controllo del traffico urbano, perché va oltre la semplice identificazione di automobili e furgoni.

In un comunicato stampa dello scorso 27 febbraio Amat ha annunciato il successo del primo test di questa tecnologia in viale Monza, a Milano. Questa telecamera ha dimostrato la sua capacità di monitorare la mobilità urbana, registrando pedoni, ciclisti e utenti alla guida di monopattini elettrici, offrendo dati più precisi per una pianificazione urbana avanzata.

La telecamera garantisce la privacy? Amat risponde

Uno degli aspetti più significativi di questa innovazione è il rispetto della privacy. Un tema particolarmente dibattuto, come dimostra il Decreto Autovelox e la sua eventuale applicazione nel Nuovo Codice della Strada.

L’intelligenza artificiale utilizzata e sperimentata nella telecamera di viale Monza, infatti, è stata progettata per raccogliere dati essenziali senza compromettere l’identità individuale delle persone immortalate, rispondendo così alle crescenti preoccupazioni riguardanti la protezione dei dati personali.

Il progetto pilota relativo alla telecamera con intelligenza artificiale è partito nel 2022 e ha visto la collaborazione con l’Ente di Certificazione RINA, per qualificare questo sistema di IA come affidabile e conforme agli standard di qualità e sicurezza richiesti.

L’Amat, al momento, non ha ancora comunicato le date ufficiali in cui questo sistema sarà operativo, ma la certificazione di conformità “Trustable Artificial Intelligence Management System” è arrivata alla fine 2023. Dunque, la telecamera potrà essere messa in funzione molto presto.

Le prospettive future della telecamera con intelligenza artificiale

L’introduzione di questa telecamera con intelligenza artificiale non solo posiziona Milano all’avanguardia nel monitoraggio della mobilità urbana, ma apre anche nuove prospettive per la pianificazione urbana e la diffusione della mobilità sostenibile.

Con dati più precisi e dettagliati a disposizione, il Comune potrà infatti fare scelte, tarate sulle esigenze delle singole aree, per migliorare le infrastrutture, promuovere la mobilità elettrica e garantire strade più sicure e accoglienti per tutti i cittadini. Questa iniziativa simboleggia un passo avanti verso un’urbanistica tattica, che riconosca e valorizzi ogni forma di mobilità nel tessuto cittadino, ponendo le basi per una smart city proiettata nel futuro.

L’adozione di tecnologie all’avanguardia, come questa telecamera con intelligenza artificiale, rappresenta un ulteriore punto di svolta per la città di Milano, già impegnata nel progetto Reinventing Cities.  Un futuro che guarda in maniera responsabile alla mobilità urbana digitale e sostenibile.