Questo progetto di rigenerazione urbana- che ha un costo stimato di circa 500 mila euro- prevede, inoltre, l’eliminazione delle barriere architettoniche e la creazione di percorsi per ipovedenti. Ecco tutti i dettagli. 

In un contesto globale in rapida evoluzione, una smart city deve essere pronta a gestire le complessità del presente.  Espansione demografica, scarsità delle risorse e cambiamento climatico sono, a tutti gli effetti, le sfide della modernità. Che possono essere affrontate solo se il contesto urbano accoglie e promuove i concetti di sostenibilità, inclusività e valorizzazione del patrimonio culturale esistente.

Attraverso i lavori di riqualificazione del piazzale M1 Bisceglie di Milano, la metropoli lombarda si reinventa. Optando per un approccio che non punta solo a realizzare nuove infrastrutture, ma anche a migliorare la qualità della vita dei cittadini. Dopo Milano Citylifericonosciuta a livello mondiale come modello di sostenibilità– scopriamo come l’area di Bisceglie e il quartiere Lorenteggio di Milano si trasformeranno nei prossimi mesi.

L’urbanistica tattica a Milano: così la città risponde alle esigenze dei cittadini

Da progetto, i lavori di riqualificazione del piazzale M1 Bisceglie di Milano dovrebbero procedere con un cronoprogramma stimato di sei mesi. Prevedono, come in parte vi abbiamo anticipato, la realizzazione e implementazione dei percorsi ciclabili- in conformità del Piano Bici promosso dal Comune di Milano e dall’assessora alla Mobilità Arianna Censi– l’eliminazione delle principali barriere architettoniche e la realizzazione di una velostazione. In più, nell’ottica di garantire una mobilità sempre più inclusiva e accessibile, saranno realizzati percorsi per ipovedenti.

Dopo la riqualificazione del Parco della Vettabbia, con questo nuovo progetto Milano dà nuovo impulso all’urbanistica tattica. Dimostrando di sapersi adattare, attraverso interventi e trasformazioni semplici e veloci, ai bisogni dei cittadini.

Tutti gli interventi di riqualificazione, infatti, saranno realizzati senza spostare i capolinea degli autobus dal piazzale. Evitando, in tal senso, di creare disagi a tutti i fruitori dei trasporti pubblici.

Riqualificazione del piazzale M1 Bisceglie di Milano: tutti i dettagli del progetto

Il progetto di riqualificazione del piazzale M1 di Milano abbraccia diversi obiettivi nevralgici. Scopriamoli per punti:

  • Realizzazione di piste ciclabili protette: chi utilizza i servizi di bike-sharing potrà sfruttare le piste ciclabili pensate per consentire ai ciclisti di raggiungere in sicurezza via Bisceglie, via Zurigo, Via Spagliardi e via Dei Calchi Taeggi;
  • Nuovi percorsi ciclabili e velostazione: per promuovere la mobilità sostenibile e la micromobilità elettrica e delle biciclette, saranno realizzati nuovi percorsi ciclabili. Totalmente separati dai percorsi dei mezzi pubblici. In più, sarà costruita una velostazione di 150 posti. Un luogo sicuro in cui parcheggiare le bici a poca distanza dal marciapiede sud del piazzale Bisceglie;
  • Miglioramento dell’accessibilità pedonale: i lavori di riqualificazione agevoleranno la mobilità dei pedoni nel piazzale Bisceglie di Milano. L’area sarà rigenerata nel suo complesso per essere più sicura e accogliente;
  • Eliminazione delle barriere architettoniche: è sicuramente uno degli obiettivi principali dell’intervento. Saranno realizzati nuovi attraversamenti pedonali e appositi scivoli per garantire un accesso più agevole alle banchine dei bus. In più, saranno creati percorsi per gli ipovedenti;
  • Potenziamento della capacità dei bus: la previsione di maggiori spazi di sosta per i bus nel piazzale, secondo i progettisti, migliorerà l’efficienza del trasporto pubblico e contribuirà a ridurre la congestione.

I quartieri Lorenteggio e Bisceglie sono fulcro del rinnovamento: inaugurato il primo lotto del parco SeiMilano

Nei giorni scorsi, il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha svolto un sopralluogo sui cantieri di piazzale Bisceglie. Ribadendo l’importante opera di rigenerazione urbana che coinvolge complessivamente i quartieri Lorenteggio e Biceglie.

In quest’area, infatti, è stato recentemente inaugurato il primo lotto del parco SeiMilano. Un’area di 70 mila mq che, nei prossimi mesi, si trasformerà nel nuovo “polmone verde” del quadrante Sud-Ovest di Milano.

Il progetto- realizzato da Mario Cucinella Architects sulla base di un più ampio elaborato di Borio Mangiarotti e Varde Partners– è stato ridisegnato dal paesaggista Michel Desvigne. Che ha voluto ampliare l’area del parco SeiMilano– che giungerà a quota 330 mila mq– per venire incontro alle esigenze dei cittadini residenti.  Il lotto appena inaugurato ospita 2 mila mq di aree giochi accessibili anche ai bimbi con disabilità. Ed è stata già costruita un’area per cani di circa 3 mila mq. Saranno realizzati asili nido, attività sportive, una scuola per l’infanzia e un centro di aggregazione multifunzionale. Infine, procedendo con la piantumazione di nuovi alberi, si darà nuovo impulso al rimboschimento urbano.