Molte persone amano trascorrere le vacanze di Natale in montagna, tra la neve e il vin brûlé, chi al tepore di un romantico camino scoppiettante, chi sciando il più possibile. In questo articolo ti suggeriamo alcune incantevoli mete montane per trascorrere un Natale indimenticabile, tra paesaggi mozzafiato e atmosfere incantate.

Non c’è niente di più natalizio di un paesaggio dal candore immacolato, nell’atmosfera resa ovattata dai fiocchi di neve tra le luci calde che illuminano le strade. Che tu sia un appassionato di sport invernali o del relax di una SPA con vista sulle montagne, tra borghi antichi e mercatini natalizi, abbiamo raccolto le idee migliori per organizzare le tue vacanze di Natale perfette: ce n’è per tutti i gusti!

Natale in montagna tra sport e wellness

È davvero piacevole curare il proprio benessere interiore immergendosi in una SPA alla fine di un’appagante giornata sugli sci: con l’apertura della stagione sciistica 2023-2024 sono molti gli ski resort che offrono entrambe le attività.
E per il pranzo di Natale? Niente paura, tanti sono i ristoranti in montagna dove festeggiare assaporando piatti della tradizione o gourmet.

La SPA capovolta a Plan de Corones

Le Dolomiti del Trentino Alto Adige sono una delle mete più gettonate per le vacanze invernali e Plan de Corones, nell’alta Val Pusteria, è una delle località sciistiche più rinomate. Ai piedi del comprensorio c’è un’oasi accogliente e confortevole che, oltre all’ospitalità e alla cucina a km0, offre uno spazio benessere fuori dall’ordinario: la SPA dell’hotel Hubertus infatti è capovolta e sembra sospesa nel vuoto, per un’esperienza di benessere che si rivela indimenticabile.

Le terme di Bormio, in alta Valtellina

Incastonato nello splendido scenario del Passo dello Stelvio, il comprensorio di Bormio non è solo uno dei luoghi più belli dove  sciare in Lombardia, è anche una rinomata località termale conosciuta già da Leonardo da Vinci.
La ski area offre una delle discese più tecniche e spettacolari, la Stelvio, e le sue piste, che già ospitano la Coppa del Mondo, si preparano alle prossime Olimpiadi Invernali del 2026.
Dopo una giornata sulla neve, è bello rigenerarsi: il parco termale di Bormio anche durante il periodo natalizio offre percorsi benessere adatti a tutti, compresi i rituali Aufguss, rilassanti gettate di vapore tra i profumi inebrianti degli olii essenziali.

Freeride e SPA natalizia in Valsesia

Se la tua destinazione è il Piemonte, il comprensorio di Alagna Valsesia, ai piedi del Monte Rosa, è la meta che fa per te. Meta ambita dagli sciatori esperti di freeride e di fuoripista, la località è immersa nei panorami fiabeschi delle Alpi Occidentali. Qui, in Località Riva Valdobbia, si cela uno dei migliori eco-resort in Italia, un albergo realizzato in bio-edilizia adatto in particolare alle famiglie. Al Mirtillo Rosso Family Hotel infatti è Natale tutto l’anno, con la casa di Babbo Natale pronta ad accogliere i più piccoli. L’area SPA prevede percorsi diversi per adulti e famiglie, mentre il baby club può prendersi cura dei bambini quando i genitori sono assenti.

Visitare i borghi più suggestivi durante le vacanze di Natale in montagna

Tra una discesa e una sauna, in montagna ci sono anche alcuni dei borghi più belli d’Italia, che in questo periodo diventano ancora più magici e fiabeschi. E mentre alcuni si trasformano in veri e propri borghi di Natale, in cui respirare a pieni polmoni le atmosfere e lo spirito delle festività, ce ne sono altri in cui il Natale sembra ancora più incantato: sono i borghi-presepe, piccoli gioielli che sembrano sospesi nel tempo.

Molti di questi si trovano proprio in alta montagna e la loro atmosfera da fiaba natalizia li rende una meta quasi obbligata se decidi di andare a sciare dove ce ne è uno: ad esempio, il borgo di Sestriere è considerato il comune più alto d’Italia ed è il cuore del comprensorio della Via Lattea, mentre il borgo di Livigno, in alta Valtellina, è un’ottima meta non solo per gli sciatori e per gli appassionati di fat-bike, ma anche per chi vuole dedicarsi a un po’ di sano shopping, dal momento che è una zona extra-doganale.

Il tour dei mercatini di Natale montani in Trentino Alto Adige

Il Trentino Alto Adige non offre solo emozionanti piste da sci, come Madonna di Campiglio e Obereggen, ma anche luoghi incantevoli che durante le feste danno il meglio di sé, perfetti dunque da visitare in questo periodo dell’anno.

Se i mercatini di Natale sono la tua passione, un’idea per queste vacanze potrebbe essere un tour on the road altoatesino. Tieni la mappa sul telefono pronta e riempi il serbatoio: i mercatini qui sono davvero tantissimi e sono uno più bello dell’altro! Più Natale in montagna di così, forse c’è solo il Santa Claus Village in Lapponia.

I mercatini di Natale dell’Alto Adige: i più famosi e i meno noti

Il Christkindlmarkt, il mercatino di Natale di Bolzano, è sicuramente il più conosciuto in Italia, secondo per notorietà solo a quello di Salisburgo. Come quelli di Bolzano, anche visitare i mercatini di Natale di Vipiteno, Bressanone, Merano e Brunico è un must: rappresentano infatti una vera istituzione per la tradizione natalizia sudtirolese, tra le casette in legno, i prodotti artigianali, le luci scintillanti, le musiche natalizie e l’aroma avvolgente di dolci e vin brûlé.

La loro notorietà però mette un po’ in ombra i mercatini delle piccole realtà dei paesini, in cui a onor del vero i mercatini natalizi godono di un clima più intimo, in completa armonia con il paesaggio in cui sono sommersi. Si trovano nei borghi nascosti delle Dolomiti, come San Candido, che si trova all’interno del parco naturale delle Tre Cime di Lavaredo, o come Castelrotto, frazione di San Pietro in Cariano, tra i borghi più belli della Valpolicella.
O infine come Glorenza, il borgo medievale dell’Alta Val Venosta, che, racchiuso dalle mura e dalle torri difensive ancora originali, nel periodo delle festività si accende di magia, soprattutto di sera, quando le vie del borgo vengono illuminate dalla luce delle fiaccole appese sui muri degli edifici storici. I circa 40 espositori del mercatino tradizionale offrono prodotti dell’artigianato non solo locale ma anche austriaco, tedesco e svizzero, tra i gusti e i profumi delle specialità gastronomiche tipiche del Südtirol.