L’energia e l’entusiasmo dei corridori raggiungeranno il loro apice il 20 e 21 gennaio grazie al National Running Show 2024. L’evento inglese più atteso per gli appassionati della corsa riunirà esperti del settore e marchi famosi per una due giorni da non perdere.

Se ami lo sport outdoor e in particolare la corsa, le date da segnare sul calendario sono due: sabato 20 e domenica 21 gennaio 2024. Destinazione: il National Running Show, che si terrà al centro esposizioni NEC di Birmingham, una delle città con la mobilità più sostenibile, nel sud dell’Inghilterra.

National Running Show: di cosa si tratta

Il National Running Show è un evento che riunisce migliaia di corridori di ogni livello, dando loro la possibilità di ascoltare i consigli degli esperti e provare i nuovi prodotti dei marchi più importanti del settore.

Organizzato da corridori per corridori, questo evento è strategicamente posizionato all’inizio dell’anno, ossia nel momento in cui gli amanti della corsa definiscono i propri piani di allenamento e pianificano le prossime sfide.

Quest’anno ritorna, celebrando la sua sesta edizione, dopo aver salutato la precedente con un boom di partecipazioni. L’anno scorso ha infatti registrato l’arrivo di 26.158 corridori, provenienti da ogni parte del mondo, per oltre 14 milioni di sterline guadagnate dalle aziende espositrici.

Gli appuntamenti principali

Oltre alle esposizioni di noti marchi, come Adidas, Asics, Nike, l’evento si compone di 28 appuntamenti, tra conferenze, corsi e molto altro. Qui di seguito abbiamo raccolto i principali:

  • Inspiration stage. Un evento nell’evento. Il più atteso e di conseguenza il più partecipato. Si tratta di una serie di incontri con alcuni dei più grandi corridori del nostro tempo, come Dame Kelly Holmes e Tasha Thompson. Racconteranno la loro storia e parleranno di ciò che li ispira e motiva a portare avanti la propria passione per la corsa. Alla fine degli interventi, sarà possibile incontrare gli atleti nell’area “meet and greet”. Condotto da Iwan Thomas e Susie Chan, questo appuntamento aprirà sia il primo giorno del National Running Show sia l’ultimo e in entrambi i giorni comincerà alle 9 di mattina;
  • Running Skills Theatre. Un’ampia agenda di incontri con esperti, che offriranno consigli su come: correre meglio, recuperare più velocemente, tenere il passo e gestire l’alimentazione. Dopo ogni presentazione ci sarà anche la possibilità di porre domande. Anche questa serie di incontri si terrà sia sabato sia domenica, a partire dalle 10:00 del mattino;
  • CPR workshop. Un corso per imparare le tecniche della RCP (rianimazione cardiopolmonare) e l’uso della DAE, il defibrillatore esterno automatico. A condurlo sarà Muriel Dempsie, appassionata corritrice, infermiera e docente che offre corsi di rianimazione ai corridori di tutto il mondo. Dotare ogni corridore della sicurezza e delle capacità di salvare una vita significa rendere i membri di questa comunità pronti a rispondere con tempestività nei casi di emergenza che possono colpire i propri compagni;
  • Recycling centre. Non solo conferenze e corsi: il National Running Show offre anche un’occasione per ridurre il proprio impatto sul pianeta attraverso il riciclo. All’interno del centro trova spazio il Recycling centre di Preloved Sports, una società che acquista e rivende capi sportivi usati, rendendo la corsa, il ciclismo e il fitness accessibili anche a chi non può permettersi l’acquisto di nuovi e costosi abbigliamenti.

Orari e costi: i siti di riferimento

In entrambi i giorni, l’evento inizierà alle 9 del mattino e vedrà la sua conclusione alle 5 del pomeriggio, in tempo per il tea time, la classica tradizione del paese tra i più visitati al mondo (almeno nel 2023).

Per conoscere il vasto programma e sapere con certezza gli orari, consigliamo di consultare il sito ufficiale del National Running Show.

Per quanto riguarda i biglietti, invece, è possibile acquistarli online su See Tickets. I costi sono molto contenuti: partono dalle 7 sterline e chi ha meno di 16 anni entra gratis.

Come raggiungere il NRS in modo sostenibile

Se Birmingham è una città in cui ci si può spostare tranquillamente grazie ai servizi di bike sharing, per raggiungere il NEC è preferibile usare mezzi di trasporto un po’ più veloci ma non per questo necessariamente inquinanti.

Anzi: sono gli stessi organizzatori a incoraggiare visitatori ed espositori a non trascurare l’impatto ambientale del viaggio verso l’evento. Un incoraggiamento che trova ascolto nei partecipanti: l’anno scorso, infatti, l’impronta di carbonio media per visitatore è stata ridotta di oltre il 30% rispetto all’edizione precedente, passando da 23 kg a 16 kg di CO2 emessa.

Quest’anno non fa eccezione: nella sezione Show info del sito ufficiale sono presenti consigli su come viaggiare in modo sostenibile, dall’uso dei servizi di trasporto pubblico a quelli di car pooling.

Ma se preferisci conservarti uno spazio di autonomia maggiore, puoi raggiungere il NEC anche in auto. Il centro si trova nel bel mezzo della rete autostradale del Regno Unito, quindi raggiungerlo non sarà un problema: basterà imboccare l’autostrada M42 o M40 o, ancora, la M6. Una volta a destinazione, troverai ampi parcheggi a pagamento con oltre 20mila stalli e 22 punti di ricarica nei parcheggi Nord, Est e Sud per rifornire di energia pulita la tua auto elettrica o ibrida.