Il 40% degli italiani soffre di “notriphobia”, la paura di non aver prenotato le ferie. Secondo l’Osservatorio sui trend per l’estate 2024 di PiratinViaggio, questa fobia colpisce soprattutto i giovani, il 90% dei quali prevede di fare almeno un viaggio tra giugno e settembre.

La stagione estiva è sempre più vicina, ma per il 40% degli italiani cresce anche la paura di non riuscire e ritagliarsi neanche una piccola vacanza. L’Osservatorio sui trend dell’estate 2024 di PiratinViaggio rivela che quasi metà degli italiani soffre di “notriphobia“, cioè la paura di non aver prenotato il proprio viaggio.

A sentirsi sotto pressione sono soprattutto i giovani della Gen Z, nati tra la fine degli anni Novanta e i primi Duemila.

Per loro il malessere da “immobilità” si aggiunge ad altre ansie e preoccupazioni.

“Notriphobia”: l’importanza di prenotare un viaggio

Per molti l’estate è il momento ideale per le vacanze, con l’87% degli italiani pronti a partire tra giugno e settembre. Sei su dieci percepiscono il viaggio come una priorità tagliando su altre spese come cene al ristorante o shopping. Chi rinuncia a viaggiare lo fa per i costi elevati o perché sceglie la bassa stagione.

Gli italiani si rivelano turisti previdenti, con prenotazioni effettuate in media 3 mesi prima della partenza. Quasi un terzo prenota con un anticipo che va dai 3 e ai 6 mesi, mentre solo il 6% lo fa all’ultimo minuto. La generazione dei Baby Boomers, nata tra il 1946 e il 1964, è quella più incline a prenotare con largo anticipo.

La curiosità di scoprire luoghi nuovi o tornare in posti già visitati è il principale motivo per prenotare, seguita da interessi personali e hobby. I social media come Instagram e TikTok influenzano particolarmente i giovani nelle scelte di viaggio, mentre diminuisce l’interesse per i viaggi ispirati a film o serie TV.

Le destinazioni preferite dagli italiani per l’estate 2024

Sembra che per l’estate 2024 il 68% degli italiani preferirà le località di mare. Mentre una minoranza opterà per vacanze in città o viaggi avventura. Tra chi sceglie di andare in montagna, il Trentino Alto Adige è la Regione più popolare.

In generale le destinazioni all’estero sono più gettonate rispetto all’Italia, con il 65% dei viaggiatori che progetta di uscire dai confini nazionali. Chi resta in Europa punta soprattutto a Croazia, Grecia, Spagna e Portogallo. Invece tra le destinazioni extraeuropee spicca soprattutto l’Asia, seguita da Africa e America.

Oltre un terzo degli italiani trascorrerà le ferie in Italia, con le preferenze che indicano le destinazioni della Sicilia, Puglia, Toscana e Sardegna. Sono i Baby Boomers che tendono a scegliere mete nazionali, mentre oltre il 70% della Generazione Z è pronta a viaggiare all’estero.

Estate 2024: quali sono i trend di viaggio?

Oltre il 60% dei viaggiatori spenderà meno di 1.500 euro per le vacanze, mentre pochi supereranno i 3.000 euro. Il 13% si concederà lussi per camere migliori o percorsi benessere con l’aereo come mezzo preferito (66%), seguito dalle auto per viaggi “on the road”, nave, treno e camper.

Per la durata, la maggioranza preferisce soggiorni di una settimana (40%).

Il 38% andrà in vacanza ad agosto, in cima alle preferenze seguito da luglio, settembre e giugno, con solo il 13% che distribuirà le ferie su tutta l’estate. Si viaggia soprattutto in coppia; ma c’è chi preferisce le vacanze con famiglia e con gli amici.

Le vacanze da soli o con gruppi organizzati sono invece meno popolari.

Infine, il sondaggio rivela che il turismo sostenibile incide ancora poco sulle scelte di viaggio degli italiani. Per l’80%, la vacanza “green” non deve comportare costi maggiori, e meno del 10% considera l’attenzione all’ambiente una priorità.