Sabato 18 maggio torna la Notte europea dei musei: un evento artistico e culturale che coinvolge numerose città in Italia e in Europa. I musei civici manterranno le porte aperte fino a tarda sera, offrendo ai visitatori l’opportunità di esplorare il patrimonio culturale gratuitamente o al prezzo simbolico di 1 €.

È alla sua 14a edizione la Notte europea dei musei. Un evento culturale promosso dal Consiglio d’Europa, dall’UNESCO e dall’ICOM, che si svolge in diverse città dell’Unione europea.

Si tratta di una serata speciale in cui i musei aprono le loro porte al pubblico in orari prolungati, spesso fino a tarda notte, dando occasione ai visitatori di esplorare le collezioni permanenti e le mostre temporanee in un’atmosfera diversa dal solito.

L’obiettivo principale dell’evento è quello di promuovere l’accesso alla cultura e all’arte, incoraggiando le persone a visitare i musei e a scoprire il patrimonio culturale europeo in modo innovativo e coinvolgente. Tutto questo gratuitamente o al prezzo di 1 €.

In questo articolo diamo un’occhiata alle migliori città in cui celebrare questa notte.

Roma: musei aperti fino alle 2 di notte

Quando l’arte chiama, la prima città italiana a rispondere non può che essere Roma. La Capitale del turismo culturale 2024 è infatti ricca di tesori artistici che per la Notte europea dei musei sarà possibile ammirare dalle 20:00 fino alle 2:00.

L’iniziativa, promossa da Roma Capitale, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e dall’organizzazione di Zètema Progetto Cultura, prevede l’apertura di tutti i musei civici di Roma. Il prezzo del biglietto è di 1 €, salva diversa indicazione.

All’evento aderiscono anche i Musei capitolini, dove in questo periodo è in corso una mostra da non perdere: Il frammento ritrovato. Il frammento in questione è la falange di una delle sculture più iconiche dell’antichità romana: il colosso in bronzo di Costantino. La Notte europea dei musei si presenta come un’ottima occasione per ammirare (quasi) gratuitamente la ricomposizione della mano con il suo frammento.

Tra arte, piloti e astronomia nell’Emilia Romagna

Il programma dell’Emilia Romagna per la Notte europea dei musei è fitto di appuntamenti. Tra questi, ne segnaliamo tre:

  • La collezione egiziana del museo tra collezionismo e ricerca: non solo Torino e il Museo Egizio: è possibile ammirare le preziosissime esposizioni archeologiche relative agli antichi egizi anche a Bologna, al Museo civico archeologico. Sarà possibile visitare la collezione dalle ore 22:00, gratuitamente;
  • Passeggiata Morandiana: una doppia visita guidata a Casa Morandi e al Museo Morandi di Bologna. Un giro in tour con bus dedicato per scoprire i luoghi dove l’artista Giorgio Morandi lavorava e abitava. Si parte alle 15:30 da via Fondazza, 36 e si ritorna alla base alle 23:00. Nel mezzo, è prevista anche una pausa con degustazione al tramonto;
  • Magic. Ayrton Senna/Imola 1994-2024: se ti piace la Formula 1, a Imola c’è una mostra fotografica che ti aspetta. Il protagonista è Ayrton Senna, uno dei più grandi piloti di tutti i tempi. Si tratta di un’apertura straordinaria in occasione della Notte europea dei musei al Museo di San Domenico. Le porte si apriranno di sera, alle 20:00, e si chiuderanno alle 23:00. Il luogo è facilmente raggiungibile a piedi dalla stazione ferroviaria, oppure usufruendo dei servizi di mobilità sostenibile che Imola offre, come il bike sharing;
  • Alpaca sotto le Stelle: Per chi ha la passione per l’astronomia, l’appuntamento è all’Azienda Agricola “La casetta” di Marzabotto. Alle 18:00 comincerà la serata di osservazione del cielo con il telescopio del Planetario. L’ingresso è gratuito, ma la prenotazione è obbligatoria.

Parigi tra arte e letteratura nella Notte europea dei musei

La Notte europea dei musei è un evento particolarmente celebrato in Francia, dove si è già delineato un programma molto fitto di appuntamenti. Se ti trovi a Parigi o hai in mente una vacanza nella capitale francese ti consigliamo di approfittare dell’evento per ammirare gratuitamente:

  • La Maison de Victor Hugo: è la casa in cui lo scrittore, poeta e drammaturgo visse dal 1832 al 1848, ora diventata un museo come quelle di tanti altri artisti. Nelle sale riorganizzate per far rivivere l’atmosfera che respirava l’autore si possono trovare manoscritti, documenti, nonché la bellezza di 700 disegni firmati Hugo;
  • Il Museo nazionale Picasso: se si va a Parigi non si può saltare questo museo, che si trova all’interno dell’Hotel Salé, un magnifico palazzo del XVII secolo. Ospita la più grande collezione al mondo di opere di Picasso, che attraversa tutti i periodi e tutti i campi della sua vasta creazione artistica;
  • Il Musée national de l’Orangerie: nel cuore di Parigi e più precisamente nel bellissimo giardino delle Tuileries, il Museo dell’Orangerie presenta la collezione emblematica della creazione artistica di Claude Monet: Les Nymphéas.
    Le Ninfee rappresentano l’apice del genio artistico dell’artista francese. Questo ambizioso progetto di un pittore determinato a esplorare tutte le sfumature della luce nel suo giardino di Giverny, si materializza in due sale ovali, invitando i visitatori a una contemplazione infinita.