C’è tanta attesa per la nuova edizione del Palio di Siena, in programma oggi 2 luglio: una competizione antica capace di unire storia, cultura e tradizioni toscane

Siena è una città con un’alta qualità della vita, molto legata alle sue origini e alle sue radici. Non a caso, ogni anno è scenario di una competizione che si tiene da secoli: il Palio. Oltre a essere un evento sportivo affascinante e interessante, questa gara incuriosisce molti turisti che arrivano a Siena in piena estate per non perdersi lo spettacolo.
Ma come funziona il Palio di Siena? Qual è la sua storia e qual è il programma della gara? Scopriamo insieme tutte le informazioni per vivere al meglio la giostra equestre più famosa in Italia.

Palio di Siena, tra storia e curiosità

Il Palio di Siena è una gara storica: “ufficialmente” si fa risalire la data d’inizio della competizione al 1632 grazie alla prima testimonianza scritta al riguardo. Tuttavia – secondo alcuni storici – già nel Medioevo si correva questa gara, contraddistinta tra accese rivalità. Nel corso dei secoli, il Palio ha mantenuto il suo fascino e non ha mai perso le sue tradizioni. Ancora oggi, le contrade di Siena aspettano con ansia questo giorno per dimostrare la loro superiorità e fregiarsi del titolo di vincitore, ottenendo il premio definito Drappellone o Cencio.
Perché questo nome così particolare? Perché nell’antichità i vincitori della giostra equestre ottenevano un drappo di tessuto prezioso, simbolo di prestigio sociale ed economico. Non a caso, anche la parola “palio” deriva da tale elemento: il vocabolo latino “pallium” significa per l’appunto drappo.

Come funziona il Palio di Siena: le info sulla gara

Il Palio di Siena come da tradizione si svolge il 2 luglio ma i preparativi per questa competizione si svolgono nei giorni precedenti. Infatti, sono 17 le contrade di Siena, ma solo 10 possono partecipare alla gara. Per l’edizione 2024, i capitani delle contrade hanno scelto il 29 giugno i cavalli partecipanti: questi ultimi sono stati sorteggiati a caso e assegnati ai concorrenti.

Nel dettaglio, le 10 contrade partecipanti al Palio di Siena 2024 con relativi cavalli sono:

  • Brivido Sardo, Contrada del Bruco;
  • Ungaros, Contrada Valdimontone;
  • Criptha, Contrada della Civetta;
  • Viso d’Angelo, Contrada della Pantera;
  • Veranu, Contrada dell’Oca;
  • Zenios, Contrada della Lupa;
  • Akida, Contrada del Nicchio;
  • Ares Elce, Contrada del Leocorno;
  • Tabacco, Contrada dell’Onda;
  • Ardeglina, Contrada della Giraffa.

Prima della gara ci sono state delle prove, svolte tra il 30 giugno e il 1 luglio. Il Palio di Siena consiste in tre giri sul tracciato in tufo di Piazza del Campo. Vince il primo cavallo che riesce a completare i tre giri per primo, con o senza fantino. Come avviene la selezione dei fantini da parte delle contrade? Solitamente, un fantino viene scelto in base alla lealtà e al prezzo richiesto. Difatti, i fantini chiedono un compenso esoso per partecipare alla gara. Curiosamente, a volte qualche partecipante potrebbe addirittura essere pagato per danneggiare una contrada rivale, a suo rischio e pericolo.

Il programma della gara

Il 2 luglio il Palio di Siena si svolgerà in questo modo

  • Ore 7.45 si svolge la Messa del Fantino;
  • Ore 9.00 uscita dei cavalli dal cortile del Podestà;
  • Ore 15.30 e 16.00 spari del mortaretto come primo e secondo preavviso per l’arrivo dei partecipanti;
  • Ore 17.15 sfilata del Drappello di Carabinieri;
  • Ore 17.20 inizio della gara con ingresso a Piazza del Campo del Corteo Storico;
  • Ore 18.15 ultimo ingresso in piazza da via Dupré.

Come partecipare al Palio di Siena

Potete partecipare come spettatori ma dovete ricordare alcune regole. Il Palio di Siena è una competizione molto sentita dai senesi, dunque non bisogna irriderla o prenderla alla leggera. Attenzione anche se si acquistano fazzoletti o bandiere di una determinata contrada: esporle senza conoscere il significato potrebbe far infervorire le contrade rivali.
Inoltre, il consiglio da seguire è quello di raggiungere Piazza del Campo poco dopo il secondo sparo di mortaretto. Ci sono alcuni posti in piedi gratuiti, ma per accedervi dovete arrivare con largo anticipo. Non esiste una rivendita ufficiale di biglietti: al Palio si può assistere anche da un balcone degli immobili privati che danno sulla piazza. Tuttavia, in tal caso dovete avere un contatto interno che vi proponga una cifra per l’ingresso.

Come raggiungere Siena per la gara

Ci sono due opzioni per raggiungere Siena per la gara:

  • In auto, dal nord prendendo l’Autostrada A1 in direzione sud, superando il raccordo Firenze-Siena e prendendo l’uscita Siena. Dal sud, il percorso da compiere è lo stesso ma dovete prendere l’A1 in direzione nord. Trattandosi di un percorso a pedaggio, potete usare l’app di telepedaggio per evitare code e viaggiare in totale comfort.
  • Con i mezzi pubblici, prendendo un treno che arrivi alla stazione di Firenze Santa Maria Novella. Una volta lì, dovete prendere il bus di Autolinee Toscane 131R e raggiungere la città di Siena.

Una volta nel centro urbano, potete facilmente arrivare a Piazza del Campo, magari sfruttando i servizi di sharing mobility o i monopattini elettrici.