Un percorso che abbraccia tre regioni, Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna, e che ti porterà, pedalata dopo pedalata, tra paesaggi pianeggianti e borghi medievali, tra vigneti e frutteti.

La pista ciclabile Mantova- Sabbioneta è stata nominata la pista ciclabile più bella d’Italia per le attrazioni naturali e architettoniche che potrai ammirare.

Scopriamo insieme le caratteristiche del percorso e i luoghi più belli offerti da questa rilassante pianura.

La pista ciclabile Mantova-Sabbioneta

La pista ciclabile Mantova-Sabbioneta è un percorso promiscuo, cioè, può essere percorso sia da biciclette che da auto, con poco traffico in verità, ed è stato realizzato per unire queste due meravigliose città rinascimentali.

Il progetto è stato curato direttamente dall’Ufficio Mantova Sabbioneta Patrimonio Mondiale Unesco e dalla Provincia di Mantova, in stretta collaborazione con la FIAB, la Federazione Italiana Amici della Bicicletta.

Questo progetto, inoltre, fa parte di un disegno di portata più ampia chiamato “TiBre dolce” che ha come obiettivo quello di unire il Brennero con il Mar Tirreno, attraversando le città di Verona, Mantova e Sabbioneta, Parma, Massa Carrara e Livorno.

Le caratteristiche del tragitto

Questo percorso nasce per valorizzare il patrimonio naturalistico, artistico e culturale di questi luoghi e, lungo la via, si incrociano vari paesi, ciascuno con le sue peculiarità da scoprire.

Il tragitto è lungo 47 km con due possibili varianti:

  • L’alternativa con il ponte Torre dell’Oglio di 50,4 km;
  • L’alternativa passando attraverso Brugnolo di 44, 2 km.

Il percorso dura circa 3-4 ore ed è abbastanza facile poiché si sviluppa quasi completamente sul terreno asfaltato in un paesaggio pianeggiante.

Pedalata dopo pedalata si incontrano i paesini di Buscoldo, che presenta una chiesa parrocchiale di epoca tardo barocca; la Torre d’Oglio con il ponte di barche e l’oratorio del Correggioli; San Matteo delle Chiaviche con l’area golenale; Commessaggio con il Torrazzo voluto da Vespasiano Gonzaga.

Nell’ultimo tratto della pista si percorre la strada Vitelliana, l’antica strada romana voluta dal proconsole Vitellio, e si può ammirare l’eremo di San Remigio, edificato nel XVII secolo per i pellegrini che, passando da qui, si recavano a Roma.

Per non perderti nemmeno una di tutte queste deliziose località è disponibile la cartina della ciclovia con tutte le indicazioni presso l’Ufficio Informazioni turistiche del Comune di Mantova e sul sito ufficiale della ciclabile Mantova-Sabbioneta.

Se sei un appassionato di bicicletta, ci sono tanti altri percorsi affascinanti che ti aspettano in Italia, come la pista ciclabile della Sila e il percorso ciclabile delle Gole del Nera.

Cosa vedere a Mantova

Insieme a Sabbioneta, Mantova è stata dichiarata Patrimonio dell’Unesco nel 2008 per la sua importanza e la sua ricchezza in ambito artistico e architettonico come città rinascimentale.

Ti elenchiamo qualcuna delle sue bellezze da non perdere. Ti basta programmare una gita, anche solo di un giorno, per ammirare almeno i suoi edifici più famosi. Ecco allora, cosa vedere a Mantova:

  • Il Palazzo Ducale: la residenza più antica dei Gonzaga, frequentata anche da illustri pittori, artisti e decoratori, tra i più famosi dell’epoca in Italia e in Europa, riccamente affrescato e decorato, attira turisti da tutto il mondo.
  • La Basilica di Sant’Andrea: è la chiesa più imponente della città, progettata dal famoso architetto Leon Battista Alberti, rappresenta un capolavoro di architettura rinascimentale e ospita opere degli artisti più famosi della storia dell’arte del periodo.
  • Il Palazzo Te: una delle ville rinascimentali più famose al mondo, era il luogo di Federico II Gonzaga dedicato all’ozio e agli svaghi, racchiude nel suo interno magnifiche sale decorate con raffinati affreschi e stucchi.
  • Il Duomo o la Cattedrale di San Pietro: è il luogo di culto principale della città con una pregevole facciata realizzata in marmo di Carrara; sorge vicino al Palazzo Ducale.
  • Il Castello di San Giorgio: uno dei monumenti più caratteristici con le sue massicce quattro torri, dimora dei Gonzaga, ospita l’affresco capolavoro di pittura rinascimentale Camera degli Sposi di Andrea Mantegna.

Cosa vedere a Sabbioneta

Sabbioneta è uno dei borghi rinascimentali fortificati più belli della Lombardia, conosciuta anche come “Città Ideale” per le su proporzioni armoniose e il centro storico a misura d’uomo. Altri invece la chiamano la “piccola Atene” del Rinascimento per la straordinaria bellezza architettonica. Fu edificata tra il 1556 e il 1591 dal duca Vespasiano Gonzaga.

Vediamo insieme le attrazioni di questa deliziosa cittadina che non puoi perdere:

  • Il Teatro Olimpico o Teatro all’Antica: uno dei primi esempi di edificio teatrale nell’età moderna, un ambiente molto elegante e raffinato, ospita importanti affreschi.
  • Il Palazzo del Giardino: situato vicino al Palazzo Ducale, era la dimora privata di Vespasiano Gonzaga dove si rifugiava per riposarsi, leggere e svagarsi. Ospita sale riccamente affrescate e La Galleria degli Antichi, o Corridor Grande, lungo 96 metri: una delle gallerie più lunghe d’Italia, seconda solo agli Uffizi.
  • Il Palazzo Ducale: uno degli edifici più antichi del borgo, si affaccia sulla piazza dallo stesso nome, era la sede politica e amministrativa della cittadina, ospita preziosi dipinti e quattro imponenti statue equestri in legno.
  • La Chiesa della Beata Vergine Incoronata: ospita la tomba mausoleo del duca e presenta una magnifica cupola con decorazioni settecentesche all’interno.

Per visitare questi luoghi meravigliosi e percorrere tutta o parte della ciclocia Mantova-Sabbioneta puoi usare la tua bicicletta, oppure usufruire dei servizio di bike sharing. Ad esempio, noleggiare una bici a Mantova è molto semplice grazie al servizio in servizio a flusso libero, nel che ti permette di utilizzare la bicicletta senza doverla riportare nelle stazioni di sosta una volta terminata la corsa.