Novità nella casa francese Renault con la nuova Captur 2024: un accattivante restyling e tante innovazioni tecnologiche per il SUV spazioso, ideale per la città. Tra le novità il nuovo frontale, il doppio display e tecnologici sistemi di sicurezza.

Ecco tutte le caratteristiche della nuova Renault Captur 2024, che mantiene alta la competizione nel suo settore ed è pronta a ricevere molti consensi grazie alla linea decisa, l’abitacolo spazioso e un impianto multimediale ampliato nei servizi.

La nuova Renault Captur 2024

Renault ha presentato la nuova Captur 2024, che arriverà a giugno e sarà disponibile in quattro motorizzazioni diverse e in tre interessanti allestimenti.

Le sue caratteristiche la vedranno sicuramente protagonista del mercato delle automobili, grazie alla forma compatta e flessibile, lo spazio interno modulabile, il sistema multimediale integrato e 28 sistemi di assistenza alla guida per offrire la massima sicurezza e le migliori soluzioni tecnologiche.

Viene proposta nelle versioni a benzina, GPL, Mild e Full hybrid che la rendono una compagna ideale, adatta sia all’utilizzo urbano sia a quello a lunga percorrenza, anche per via dei comodi servizi di ricarica elettrica.

Le caratteristiche esterne e interne dell’auto

Vediamo le dimensioni e le caratteristiche della Captur, crossover di segmento B dopo l’importante restyling effettuato. Quest’auto va ad ampliare le proposte in casa Renault insieme alla sorella maggiore, la Scenic, recentemente premiata come Car of the Year 2024.

Dimensioni

La nuova Captur è perfetta per essere usata comodamente in città per le sue dimensioni compatte che però non vanno a discapito della comodità e versatilità interna: Captur è lunga 4,239 metri e larga 1,797 metri, con un’ altezza da terra di 1,575 metri e 2,639 metri di passo.

La capacità di carico è di 616 litri per la versione Mild, mentre la Full ha la capacità di 484 litri, che può essere aumentata fino a 1.596 litri, stendendo i sediolini posteriori.

Esterni

Il frontale dell’auto è stato completamente ridisegnato con un design più aerodinamico e un look più futuristico: sono stati inseriti nuovi gruppi ottici e una mascherina completamente nuova. Sono state modificate le prese per l’aria, così da confermare l’immagine di solidità di quest’auto.

Nella parte posteriore, invece, sono state apportate delle modifiche minime. I fari posteriori sono trasparenti, così come la fiancata che resta contraddistinta dagli inserti neri, molto sportivi.

Allestimenti

Novità anche negli allestimenti che sono ben 3, molto curati e accattivanti:

  • Evolution, che comprende cerchi da 17 pollici, fari anteriori e posteriori full LED, climatizzatore manuale, sensori di parcheggio posteriori e retrocamera, sistemi di sicurezza avanzati, cruscotto digitale da 7 pollici;
  • Techno, caratterizzato da cerchi in lega da 18 pollici diamantati, vetri posteriori oscurati, climatizzatore automatico, chiave keyless, sistema multi-sense per scegliere la modalità di guida preferita, il sistema di riconoscimento dei segnali stradali, oltra ad un pratico caricatore smartphone a induzione;
  • Esprit Alpine, nuovo arrivato e top di gamma, che offre cerchi in lega da 19 pollici diamantati, la vernice bicolore, sensori di parcheggio posteriori, anteriori e laterali, il cruise control adattivo e il cruscotto digitale da 10,25 pollici.

Interni

Renault sceglie per i suoi interni tessuti e pelli di origine vegana, dando così un’impronta fortemente ecologica ai suoi modelli, che dal 2025 saranno tutti prodotti con un minor impatto ambientale.

Materiali più soft si alternano a elementi più rigidi per un abitacolo comodo e funzionale con un ingegnoso sistema nel divano posteriore, che può slittare in avanti di 16 cm per aumentare il comfort dei passeggeri.

Nell’allestimento Esprit Alpine, quello più completo, sono previsti dettagli più caratteristici come la bandiera francese sul sedile e cuciture a contrasto.

Colori

Ampia anche la gamma di colori disponibili per il SUV: Bianco Nacré, Grigio Cassiopea, Nero Étoilé, Blu Iron, Rosso Passion e l’ultimo arrivato, Grigio Avation.

Per chi desidera un’ulteriore personalizzazione è disponibile anche la verniciatura bicolor, di serie per l’allestimento Esprit Alpine e optional per Evolution e Techno: si possono così avere tetto e specchietti retrovisori di un altro colore rispetto alla carrozzeria dell’auto, a scelta tra Grigio Magnete, Nero Étoilé e Grigio Perla.

Sarà quindi possibile realizzare fino a 14 configurazioni differenti, grazie alla possibilità di inserire l’ Exterior Color Pack che permette di aggiungere alcuni dettagli alla carrozzeria con colorazione a contrasto.

Tecnologia e sicurezza

Renault introduce, con la nuova Captur, per la prima volta nel segmento B del mercato europeo, il sistema multimediale OpenR Link con Google integrato, che si basa su Android Automotive 12 e sarà di serie negli allestimenti Techno e Esprit Alpine.

Captur propone inoltre un sofisticato sistema con un doppio display: uno da 10,4 pollici, posizionato al centro della plancia e con un orientamento verticale per gestire tutte le applicazioni; l’altro per il quadro strumenti con una grandezza che cambia in base all’allestimento scelto e può arrivare fino a 10,25 pollici. Sono anche a disposizione i sistemi Android Auto e Apple CarPlay per connettersi con lo smartphone via cavo o in modalità wireless.

La sicurezza viene messa al primo posto con un totale di ben 28 sistemi di assistenza alla guida e, tra i dispositivi ADAS presenti, troviamo:

  • Il Lane Assist, che controlla il mantenimento della corsia e avvisa in caso di superamento della linea;
  • Il  Cruise Control Adattivo, o Adaptive Cruise Control, che controlla velocità, adattandola al traffico;
  • Il sistemi Distance Warning, che aiuta a mantenere la distanza di sicurezza, e Hill Start Assist, per la partenza in salita;
  • Il sistema Rear Cross Traffic Alert, che amplifica l’attività dei sensori di parcheggio anteriori, posteriori e laterali;
  • Il sistema Occupant Safe Exit Alert, che avvisa il passeggero se esiste un pericolo prima di aprire lo sportello;
  • La frenata automatica di emergenza, o AEB, per evitare collisioni.

Inoltre per la Captur è disponibile la guida semiautonoma di livello 2, avvicinandosi così sempre di più al traguardo della guida autonoma.

Le motorizzazioni disponibili 

Captur ha eliminato i motori diesel e plug-in hybrid e propone, oltre alla versione a benzina, anche il GPL, il mild hybrid e il full hybrid.

Renault, negli ultimi anni, ha spinto forte l’acceleratore verso il mondo della motorizzazione elettrica e dello sviluppo tecnologico, anche con l’innovativo tettuccio auto Solarbay. E ha già annunciato che produrrà 7 nuovi modelli entro il 2031 nell’ambito del progetto Ampere, tra i quali ha già suscitato molto interesse la citycar elettrica Legend.

Ecco le motorizzazioni previste per la Captur:

  • 1.0 TCe 90 da 91 CV, con cambio manuale a sei marce;
  • 1.3 TCe 160 mild Hybrid da 160 CV, con cambio automatico EDC, a doppia frizione con sette marce;
  • 1.0 TCe 100 GPL da 100 CV, con cambio manuale a sei marce;
  • 1.6 full Hybrid da 145 CV, con cambio automatico multimodale 4+2 marce.

Tutti i prezzi della nuova Renault Captur 2024

I prezzi della nuova Captur variano, naturalmente, in base all’allestimento e alla motorizzazione scelta. Partendo dalla base, l’Evolution, passando alle motorizzazioni elettriche con la versione Techno e al top di gamma, l’Esprit Alpine.

Evolution

  • 22,550euro per il TCe 90;
  • 23.350 euro per il TCe 100 GPL.

Techno

  • 24.550 euro per il TCe 90;
  • 25.350 euro per il TCe 100 GPL;
  • 27.350 euro per il mild hybrid 160 EDC;
  • 29.650 euro per l’E-Tech full hybrid 145.

Esprit Alpine

  • 30.150 euro per il mild hybrid 160 EDC;
  • 23.450 euro per l’E-Tech full hybrid 145.