In Italia arrivano 8 nuove stazioni di ricarica Ultrafast. Saranno installate sulle autostrade consentendo una ricarica rapida delle batterie delle auto elettriche. Scopriamo tutti i dettagli.

Sulle autostrade italiane saranno presto installate 8 nuove colonnine di ricarica ultrafast per auto elettriche, che permetteranno una ricarica più rapida rispetto alle tradizionali colonnine a corrente alternata.

Si aggiungono alle 100 già esistenti e fanno parte di un progetto più ampio per migliorare le infrastrutture dedicate alla mobilità elettrica in Italia. Inoltre entro la fine del 2024 saranno lanciati dei nuovi bandi per installare altre 92 stazioni di ricarica ultrafast in tutta Italia.

È online anche la mappa delle colonnine di ricarica presenti nel nostro Paese.

Come funziona la “ricarica Ultrafast”?

Attualmente ci sono quattro modalità di ricarica per le auto elettriche, che variano per tipo di ricarica, tempi e tipologia di veicolo.

La modalità 4– detta anche Ultrafast– consente ricariche molto rapide, tra 5 e 10 minuti. Questa tipologia di ricarica si effettua nelle stazioni pubbliche, attraverso connettori fino a 200 A e 400 V in corrente continua. La potenza massima può arrivare fino a 150 kW o addirittura 350 kW, a seconda delle colonnine.

Stazioni di ricarica ultrafast: dove saranno collocate?

Le 8 nuove stazioni di ricarica Ultrafast per le auto elettriche saranno distribuite tra Nord, Centro e Sud Italia, ma la maggior parte saranno installate proprio al Sud. Ecco il dettaglio:

  • Nord Italia:
    • San Pelagio Est (provincia di Padova);
    • Verbano Ovest (provincia di Varese);
  • Centro Italia:
    • Montepulciano Est (provincia di Siena);
    • Montepulciano Ovest (provincia di Siena);
  • Sud Italia:
    • San Nicola Ovest (provincia di Caserta);
    • Teano Est (provincia di Caserta);
    • Le Saline Est (provincia di Foggia);
    • Le Saline Ovest (provincia di Foggia).

Queste stazioni di ricarica Ultrafast avranno tra dieci e quattordici postazioni con potenza fino a 400 kW, saranno dotate di impianti fotovoltaici, soluzioni per stoccare l’energia e pensiline a copertura. Le prese di ricarica installate saranno di Tipo 2 e CHAdeMo.

Qual è la differenza tra connettori di Tipo 2 e CHAdeMo?

Esistono diverse modalità di ricarica per le auto elettriche, così come vari tipi di connettori da utilizzare. Le 8 nuove stazioni di ricarica sulle autostrade italiane saranno dotate di connettori di Tipo 2 e CHAdeMO.

Il connettore di Tipo 2 è un dispositivo trifase compatibile con una corrente fino a 32 A e 230 V. In alcune versioni arriva fino a 63 A e 400 V. Può essere trovato sia sul lato del veicolo che sulla colonnina di ricarica.

Il connettore CHAdeMO, sviluppato in Asia, è il connettore per la ricarica a corrente continua più diffuso al mondo e permette ricariche molto rapide.