Non sei riuscito a salire a bordo del tuo aereo a causa di una cancellazione, di un ritardo o di un altro imprevisto di cui non sei responsabile? Scopri i requisiti e le procedure per richiedere il rimborso del biglietto.

Forse hai già organizzato un viaggio per il ponte del 25 aprile o stai pensando a una meta lontana ed esotica per la tua estate 2024. Sei preciso, previdente e pensi a tutto, dall’assicurazione viaggi ai costi extra, fino alle normative che riguardano gli spostamenti con gli animali, che vuoi portare con te anche in vacanza.

Magari ti piace viaggiare in aereo perché è comodo e veloce. E grazie alle innovazioni nel settore, sai che nel prossimo futuro i voli ecologici ridurranno il problema dell’inquinamento atmosferico causato dal traffico aereo.

Nonostante tutto questo, però, può succedere che un ritardo non ti conceda il tempo per prendere il volo programmato allo scalo. E talvolta un problema tecnico o una cancellazione improvvisa possono rovinare un’intera vacanza. In questi casi, è possibile ottenere un risarcimento e un rimborso? Scopriamolo insieme.

Problemi con il volo: i passeggeri hanno diritto a una compensazione?

L’Unione Europea garantisce i diritti di volo dei passeggeri UE attraverso il Regolamento (CE) n. 261/2004, applicato dal 17 febbraio 2005, che fornisce indicazioni precise in merito alla compensazione per chi ha acquistato un biglietto aereo e si ritrova di fronte a un negato imbarco, a una cancellazione del volo o a un ritardo prolungato dell’aereo.

Questo regolamento è rivolto ai passeggeri in partenza da un aeroporto sito in un paese UE e ai passeggeri in partenza da un paese terzo verso uno scalo situato nel territorio UE, soggetto alle disposizioni dei trattati se il volo è operato da un vettore comunitario.

La compensazione pecuniaria può essere ottenuta solo in alcune situazioni e a precise condizioni. Scopriamo quali.

Quando si può richiedere il rimborso del biglietto aereo?

Il rimborso del biglietto può essere totale se non hai ancora effettuato la partenza, oppure parziale se, a esempio, non sei riuscito a prendere il secondo volo a uno scalo.

In casi nei quali si può richiedere la compensazione sono principalmente tre:

  • Cancellazione: solo se il passeggero non è stato informato della stessa con il giusto anticipo (almeno 14 giorni prima della partenza);
  • Ritardo prolungato: un ritardo di almeno 5 ore permette ai passeggeri di richiedere un rimborso del prezzo integrale del biglietto e, a seconda dei casi, un volo di rientro al punto di partenza iniziale;
  • Negato imbarco: quando è stato negato l’imbarco il passeggero può richiedere una compensazione del biglietto entro 7 giorni, un volo alternativo verso la destinazione programmata oppure un volo di ritorno verso il punto di partenza iniziale.

Esiste poi un altro caso che può garantire a una persona il rimborso parziale: la sistemazione in una classe inferiore rispetto a quella scelta in fase di prenotazione e acquisto.

In questo caso si viene rimborsati entro 7 giorni con:

  • Il 30% del costo del biglietto per le tratte pari o inferiori a 1.500 Km;
  • Il 50% del costo del biglietto per le tratte intracomunitarie superiori a 1.500 Km, salvo alcune eccezioni (collegamenti paese UE e dipartimenti francesi d’oltre mare);
  • Il 75% del costo del biglietto per le tratte aeree non rientranti nelle situazioni precedentemente elencate.

Quando non si può ottenere il rimborso del biglietto aereo?

Non tutti i voli sono idonei al risarcimento e al rimborso del biglietto e non tutti i passeggeri possono ottenere delle compensazioni.

A esempio, chi viaggia gratuitamente o con una tariffa ridotta non accessibile al pubblico, non può fare tale richiesta in caso di cancellazione, negato imbarco o ritardo. Anche chi non può dimostrare di avere una prenotazione confermata del volo rischia di non ottenere nulla, così come i passeggeri che non si presentano all’accettazione agli orari indicati.

Inoltre, la compagnia aerea può non risarcire e non rimborsare se il ritardo o la cancellazione sono causati da:

  • Circostanze eccezionali;
  • Scioperi dei dipendenti aeroportuali o del controllo del traffico aereo;
  • Instabilità politica;
  • Rischi per la sicurezza;
  • Situazioni climatiche importanti e pericolose.

Si può ottenere un rimborso con una modifica del volo?

Un imprevisto ti impedisce di prendere l’aereo che ti porterà alla destinazione scelta per le tue ferie. Hai perso i tuoi soldi?

In alcuni casi è possibile recuperare qualcosa grazie alle opzioni offerte dalle compagnie aeree:

  • Biglietto flessibile: questa scelta ti permette di cambiare orario o data del volo secondo le indicazioni della compagnia aerea;
  • Rimborso o modifica entro 24 ore dalla prenotazione: generalmente consentito ai passeggeri che viaggiano negli USA;
  • Assicurazione viaggio: una buona assicurazione per le tue vacanze può farti ottenere una compensazione in caso di problemi e imprevisti.